Home Green Economy Sequestro di shampoo tossico: operazione riccioli d’oro

Sequestro di shampoo tossico: operazione riccioli d’oro

561
0
CONDIVIDI

La procura di Brescia ha chiesto l’immediato ritiro in tutta Italia di circa 50mila prodotti cosmetici per capelli che contengono formaldeide, una sostanza chimica che rende i capelli lisci ma che è tossica ed in grado di favorire malattie come i tumori e la sclerosi. La società avrebbe sede a Napoli, Casalecchio di Reno, Montescudaio ( Pisa ) e Ciampino ( Roma ) Sono state denunciate 21 persone e rinviate a giudizio i rappresentanti legali delle aziende coinvolte.

Le indagini, si spiega in una nota, sono iniziate nel novembre del 2010. Sotto la direzione dei pm, Sandro Raimondi e Paolo Savio, l’inchiesta «ha interessato tutto il territorio nazionale e ha riguardato l’illecita importazione (soprattutto dal Brasile), distribuzione ed applicazione di prodotti cosmetici per capelli, particolarmente diffusi negli ultimi anni per le loro durature proprietà liscianti». «L’attenzione dei militari – si sottolinea – è stata inizialmente destata da fatti di cronaca che avevano visto il ricovero di alcune donne dopo che si erano sottoposte al trattamento di lisciatura dei capelli in alcuni saloni di parrucchiere».

«Da quel momento sono state avviate indagini sul prodotto in questione, presto estese a tutti i prodotti importati e commercializzati in Italia fino ad arrivare ad un campione di oltre 70 differenti prodotti – si spiega -. Gli inquirenti hanno concentrato l’attenzione su un elemento chimico presente negli stessi, la formaldeide, in grado di aumentare temporalmente l’effetto lisciante, anche fino a sei mesi. La formaldeide è inserita nella lista mondiale delle sostanze più pericolose e tossiche per l’uomo».

Tratto da Brescia Oggi