Home Energia Roma città sostenibile

Roma città sostenibile

272
0
CONDIVIDI

Sei pensiline fotovoltaiche per la ricarica di veicoli elettrici sono state attivate sperimentalmente a Porta Metronia, sede dell’assessorato all’Ambiente, a Porta Portese, nella sede dell’autoparco della Polizia Locale, e presso la sede del secondo gruppo della Polizia Locale in viale Parioli.

L’inaugurazione è avvenuta in occasione del convegno ‘Il Fotovoltaico per Roma‘, promosso dall’assessorato all’Ambiente di Roma Capitale con il sostegno del ministero dell’Ambiente, tenuto questa mattina all’Aranciera di San Sisto, alla presenza del sindaco di Roma Gianni Alemanno e del ministro dell’Ambiente Corrado Clini, per fare il punto sul piano di potenziamento della rete del fotovoltaico nella Capitale.

In quattro anni, a Roma, l’energia prodotta da fonti rinnovabili è quintuplicata, passando da 9 a 49 mega watt. L’obiettivo stabilito dai programmi già in itinere è di raggiungere i 100 mega watt. Un impegno, questo, che sarà realizzato grazie alla stretta sinergia pubblico privato, all’impegno delle Istituzioni locali e nazionali con Acea ed Enel.

Le sei pensiline fotovoltaiche inaugurate oggi hanno una potenza di picco di 3.525 kWp. Il bando di gara è stato disposto dal Dipartimento ambiente di Roma Capitale con un investimento di circa 200mila euro. In particolare, per garantire il massimo sfruttamento delle pensiline ai fini della sperimentazione, sono stati scelti tre luoghi: parcheggio di Porta Metronia, con 2 stazioni a servizio dei i veicoli elettrici dell’Assessorato all’Ambiente; la sede dell’Autoparco del Corpo di Polizia Locale Roma Capitale, in via delle Mura Portuensi, con 3 stazioni per la ricarica dei 10 veicoli 100% elettrici assegnati dall’assessorato all’ambiente ai nuclei del centro storico; la sede del secondo gruppo della Polizia Locale Roma Capitale in Viale Parioli, con una stazione.

 La Giunta Capitolina ha varato 4 delibere per efficientare le proprie strutture e renderle energeticamente autosufficienti e sostenibili. La prima riguarda l’installazione di tetti fotovoltaici su 524 edifici scolastici comunali con una potenza complessiva di 8 megawatt da realizzare in project financing con un investimento di 30 milioni di euro a carico dei privati che avranno la gestione degli impianti per 25 anni. Poi, un bando di 2 milioni di euro per l’istallazione dei primi 12 impianti su altrettante scuole, che è in corso di aggiudicazione. Quindi, l’installazione di tetti fotovoltaici nei cimiteri Flaminio e Laurentino, con un programma triennale di lavori e un investimento di 15 milioni di euro, a carico di privati, necessario alla produzione di una potenza complessiva installata di 4,2 megawatt.

Ancora: l’installazione di tetti fotovoltaici nelle sedi della Polizia Locale Roma Capitale: la delibera, su iniziativa dell’assessorato all’Ambiente, è stata approvata nell’ottobre scorso e prevede l’avvio dello studio di fattibilita’ per attrezzare le sedi dei comandi dei vigili. Alcuni gruppi, infatti, possiedono già auto 100% elettriche che potranno, così ricaricare a costo zero.

Poi, l’installazione di tetti fotovoltaici sui capannoni Atac: la delibera autorizza Atac Patrimonio S.r.l. a realizzare e gestire per conto di Roma Capitale impianti fotovoltaici sulle infrastrutture destinate alla mobilità pubblica e privata di proprietà di Roma Capitale, con particolare riferimento ai parcheggi di scambio. Gli impianti saranno realizzati insieme a partners privati in modo da non gravare sulle casse comunali.

Grazie ad un’intesa firmata tra Roma Capitale, Enel e Università La Sapienza, a Valle Giulia poi sarà installato il Diamante, una innovativa centrale fotovoltaica che consente l’accumulazione dell’energia prodotta rendendola disponibile di notte o quando l’irraggiamento solare non è sufficiente a far funzionare i pannelli solari. La sua struttura architettonica, a forma di cupola geodetica di Fuller in vetro e acciaio, si presta ad essere inserita in aree di particolare pregio ambientale e architettonico come la sede della Facoltà di Architettura. Grazie all’energia a zero emissioni prodotta dal Diamante, saranno illuminate Valle Giulia e Villa Borghese.

Infine, accogliendo l’invito alla sostenibilità promosso dall’assessorato capitolino all’Ambiente, lacooperativa taxi 3570 inaugurerà il prossimo 6 giugno un impianto fotovoltaico posto sulle coperture dei parcheggi nella sede di via Casal Lumbroso. L’impianto produrrà 130 kilowatt di energia l’ora e servirà ad alimentare la struttura e a rifornire di energia le auto elettriche pubbliche.

In quattro anni, a Roma, l’energia prodotta da fonti rinnovabili è quintuplicata, passando da 9 a 49 mega watt e sono stati realizzati diversi impianti fotovoltaici di importanza strategica; tra i principali vi sono quelli realizzati da Acea.

 Centro dell’ingrosso Commercity. Il più grande parco fotovoltaico di Roma è stato installato da Acea nelle pertinenze del Commercity, in via Portuense. I moduli fotovoltaici sono stati posizionati sopra strutture in acciaio che svolgono l’importante funzione di produrre ombra per gli automezzi, i veicoli commerciali e i pedoni che si recano al centro commerciale. L’impianto fotovoltaico di Acea ha una potenza complessiva di 4.980 KWp (kilowatt di picco), consta di un totale di 17.475 moduli distribuiti in cinque sezioni, elettricamente gemelle, ciascuna con una potenza di 996 kWp (kilowatt di picco). La produzione di energia elettrica da fonte solare dell’impianto è stimata in 5,73 GWh l’anno e consente di evitare un’emissione di anidride carbonica in atmosfera pari a 3.130 tonnellate annue, con conseguente risparmio di 1.072 tonnellate equivalenti di petrolio/anno. Il parco fotovoltaico di Commercity produce l’energia elettrica necessaria per l’alimentazione della rete di illuminazione pubblica del XV Municipio e di 2 colonnine di ricarica per autovetture e scooter elettrici. A servizio del Parco fotovoltaico e della sottostante area a parcheggio è stato realizzato un impianto di illuminazione a led.

 Centro Agroalimentare di Roma. Nel marzo 2012 Acea ha presentato il nuovo impianto fotovoltaico che ha realizzato per conto terzi sulle nuove pensiline ombreggianti per il parcheggio dei mezzi del CAR. L’impianto ha una potenza di 3.209,67 kWp (kilowatt di picco) mentre la produzione di energia generata dall’impianto è stimata in 3,87 GWh l’anno e consente di evitare l’emissione di anidride carbonica in atmosfera pari a circa 2.115 tonnellate annue, con conseguente risparmio di più di 710 tonnellate equivalenti di petrolio. Acea, inoltre, sta realizzando un impianto di illuminazione integrativa a led che servirà il parco fotovoltaico e l’area del parcheggio.

 Centro Culturale Elsa Morante. Ubicato nel cuore del quartiere Laurentino in Piazzale Elsa Morante nel XII Municipio, Acea ha installato un impianto fotovoltaico per produrre energia in corrente alternata destinata all’autoconsumo. Il generatore fotovoltaico di potenza pari a 17,64 kWp mentre la produzione di energia elettrica annuale, stimata in circa 23.850 kWh, consente una riduzione di emissioni di Co2 nell’atmosfera pari a 13 tonnellate/anno.

 Cabine elettriche Acea. Il progetto ha interessato 31 cabine primarie di Acea Distribuzione, su cui sono stati installati impianti per circa 700 kWp equivalenti, con un risparmio di di circa 465 tonnellate/anno di CO2.

– Centri Idrici di Roma. Il progetto ha interessato 3 centri idrici di Acea ATO2, con l’installazione di impianti di circa 1320 kWp equivalenti, con un risparmio di circa 870 tonnellate/anno di Co2. L’impianto più significativo è quello di Monte Mario.

 

tratto da “adnkronos”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here