Road map energetica al 2050

Il Wwf ha consegnato al ministro dell’Ambiente Corrado Clini, un percorso “taglia-emissioni” che mira a una svolta in Italia nel giro dei prossimi 40 anni, fino al 2050. Una roadmap chiesta non solo dagli ambientalisti, ma dall’Europa stessa che mira a ridurre le emissioni di gas serra dell’80-95% entro il 2050 rispetto ai livelli del 1990. Queste, in sintesi, le indicazioni contenute nel rapporto «Obiettivo 2050″ realizzato da Ref-e. Puntare sull’ efficienza energetica diminuendo i consumi del 40% al 2050 rispetto al 2010, introducendo un obiettivo vincolante di riduzione in tennini assoluti; dirottare la domanda di energia, soprattutto del comparto industria e trasporti, dalle fonti primarie non rinnovabili sul settore elettrico, incrementando il contributo di quest’ultimo dall’attuale 20% al 43% nel 2050 (il 30% in più rispetto al 2010); raggiungere il 100% di rinnovabili nel settore elettrico riducendo cosi del 97% le emissioni di C02 rispetto al 1990. Ma come tradurre queste indicazioni in misure concrete? Attraverso una “fiscalità taglia-emissioni” che regoli, ad esempio, l’Imu sulla base della classe energetica della casa, il bollo dell’ auto sulle emissioni inquinanti anzichè sui kW del veicolo, e sostituisca l’Iva sui prodotti con l’Imposta di Carbonio Emesso (Ice). Servono poi Wl Piano energetico nazionale di lungo periodo coerente con le politiche energetiche europee; una struttura di governance climatica che dia rappresentanza istituzionale al tema dei cambiamenti climatici; un piano specifico per’ efficienza energetica dell’amministrazione pubblica e la riforma del sistema elettrico a immagine delle fonti rinnovabili che preveda, tra le altre cose, sistemi di accumulo e il potenziamento delle reti. Quindi, investimenti, indispensabili per tradurre le intenzioni in realtà.

 

Fonte “Corriere Nazionale”

 

Clini, Italia sostenibile, map road, ministro ambiente, sostenibilità italiana, taglia emissioni


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto