barriere di capelli per assorbire il petrolio

Ritagli di capelli umani raccolti per assorbire la fuoriuscita di petrolio alle isole Mauritius

I parrucchieri di tutta l’Australia hanno immagazzinato ritagli di capelli umani nella speranza che potessero essere usati per pulire 4.000 tonnellate di petrolio da una massiccia perdita nell’Oceano Indiano.

Secondo i rapporti, sono state raccolte più di 10 tonnellate di capelli umani da utilizzare per ripulire una massiccia fuoriuscita di petrolio al largo delle coste delle Mauritius, un grave disastro ambientale di cui abbiamo parlato qualche giorno fa.

Cosa è accaduto alle Mauritus

Il relitto della MV Wakashio, una nave giapponese vuota che si è arenata su una barriera corallina al largo della costa della nazione insulare il mese scorso, ha già versato circa 4.000 tonnellate di olio combustibile, tre quarti del suo serbatoio, nelle acque incontaminate dell’oceano che bagna le coste dell’India. 

Da allora, gran parte di questo è stato portato a riva nella riserva naturale Ile aux Aigrettes, un basso isolotto a sud della terraferma di Mauritius che ospita gli ultimi resti della foresta costiera secca del paese e le specie in via di estinzione che dipendono da essa.

Le isole Mauritius si trovano nell’Oceano Indiano, al largo del Madagascar, e guardano ad Est verso il continente australiano, molto distante da loro.

È il più grande disastro ecologico marino nella storia del paese. E ora i saloni di Sydney stanno raccogliendo enormi quantità di ritagli di capelli nel tentativo di aiutare con i soccorsi.

Capelli umani e peli di cane per assorbire il petrolio fuoriuscito

Una settimana prima dell’inizio della fuoriuscita di petrolio alle Mauritius, la Sydney University of Technology (UTS) ha pubblicato una ricerca scientifica che indicava che i capelli umani e i peli del cane sono straordinariamente efficaci nell’assorbire l’olio.

Nello spirito di questi risultati, la ONG Sustainable Salons, con sede in Australia, un servizio di recupero delle risorse volto a risolvere il problema globale dei rifiuti di acconciatura riciclando capelli, fogli di alluminio e prodotti chimici, sta raccoglindo tagli capelli dai parrucchieri dall’Australia e dalla Nuova Zelanda con l’obiettivo di inviarli a Mauritius.

Ad oggi, più di 28 tonnellate di capelli umani sono state immagazzinate nel magazzino dei Sustainable Salons a Sydney, dove i ritagli vengono inseriti in grandi calze per creare “barriere di capelli” ( grandi agglomerati ) a forma di salsiccia. Una volta completati i negoziati con il governo mauriziano, questi strumenti innovativi saranno spediti all’estero per aiutare a ripulire il caos.

Metodi per pulire il petrolio dalle acque

Le fuoriuscite di petrolio oceaniche vengono generalmente ripulite utilizzando bracci galleggianti che angolano e rimuovono i contaminanti, nonché disperdenti chimici ed emulsionanti che rompono l’olio e lo aiutano a disperdersi nell’acqua. Ma i boom dei capelli sono pubblicizzati come un’alternativa organica e potenzialmente molto più efficace.

Lo  studio UTS  scoperto che “le barriere realizzate con rifiuti di capelli umani riciclati erano significativamente migliori nell’assorbire il petrolio greggio dalle fuoriuscite oceaniche simulate rispetto agli assorbenti commerciali convenzionali, tra cui polipropilene, cellulosa riciclata e sottoprodotti di cotone”.

Megan Murray, autrice principale dello studio, ha inoltre spiegato questo:

“Riteniamo che le strutture esterne della cuticola dei capelli combinate con le fibre fini e l’ampia superficie lo rendano un materiale molto efficace per trattenere il petrolio greggio”

“Ci sono ottime prove che questo è un metodo efficace ed economico per ripulire il petrolio versato sulle superfici oceaniche e dure sulla terra”, ha detto, descrivendo i risultati dello studio come “molto eccitanti”.

LEGGI ANCHE:

Bucce l’arancia per ripulire gli oceani dal mercurio

Un progetto proposto da un giovane ingegnere per ripulire gli Oceani dalla plastica

Waste Shark: lo squalo hi-tech che pulisce gli oceani dai rifiuti

Pulizia degli oceani: il più grande progetto mondiale mai creato sinora

Rendere le barriere di capelli un prospetto internazionale

Paul Frasca, co-fondatore di Sustainable Salons, ha descritto lo sforzo di raccolta come “aiuto internazionale per le barriere di capelli” e ha insistito in un video promozionale sul fatto che l’organizzazione si impegna a mantenere una scorta di capelli a portata di mano in caso di fuoriuscita di petrolio, sulle coste dell’Australia o della Nuova Zelanda.

“Quello che stiamo cercando di fare è entrare in contatto con le organizzazioni giuste alle Mauritius in questo momento, così possiamo assicurarci che i nostri boom (barriere di capelli -ndr) siano prodotti velocemente per raggiungere le isole aiutare con la fuoriuscita”, ha detto. “Stiamo lavorando duramente in questo momento … per cercare di ottenere le nostre barriere il prima possibile.”

Mentre i capelli sono stati usati in “modi contingentati ma evidenti” per ripulire le principali fuoriuscite di petrolio in passato, tra cui il disastro di Cosco Busan del 2007 al largo della costa della California e il disastro di Deepwater Horizon del 2010 nel Golfo del Messico, Murray spera che la sua comprovata efficacia nell’assorbimento del petrolio greggio possa aiutare a spianare la strada a sforzi di pulizia più rispettosi dell’ambiente in futuro.

“I capelli sono buoni quanto il polipropilene, uno dei più grandi materiali assorbenti che usiamo adesso, che non si decompone molto bene nelle discariche, per la maggior parte dei tipi di fuoriuscita di petrolio”, ha detto. “Tutto ciò che possiamo fare per ridurre la nostra dipendenza da materiali non sostenibili, inclusa la gestione dei disastri, è un grande passo avanti per la sostenibilità globale“.

Di Gavin Butler. Articolo in inglese


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.