Home Green Economy Raee Parking: arriva in città il container per la raccolta dei rifiuti...

Raee Parking: arriva in città il container per la raccolta dei rifiuti elettronici

1727
0
CONDIVIDI

Il container per la raccolta dei Raee sosterà in cinque punti di Milano, per un periodo di due mesi ciascuno. Lì sarà possibile disfarvi di tutti i rifiuti elettronici che ingombrano le vostre case.

La raccolta di Raee, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, in questi ultimi anni sta subendo un incremento significativo in Italia. Secondo i dati diffusi dall’ottavo rapporto del Centro di Coordinamento Raee, presentati a Milano, nel 2015 sono stati raccolti oltre 249milioni e 253mila chili di rifiuti di questo tipo: un aumento di circa l’8% rispetto all’anno precedente.

Si tratta di un risultato importante che consente all’Italia di avvicinarsi all’obiettivo degli almeno 4 chili di rifiuti per abitante, fissato dall’Unione Europea. Ma molto resta ancora da fare.

All’interno dei Centri di conferimento, i Raee sono raccolti in modo differenziato sulla base di cinque raggruppamenti che corrispondono alle diverse esigenze di trattamento e riciclo dei materiali contenuti nei rifiuti. Nel 2015 il raggruppamento più raccolto è stato l’1 (Freddo e clima), con oltre 70mila tonnellate di Raee.

Ma la strada è ancora lunga e ciò su cui si deve puntare maggiormente per raggiungere gli obiettivi è la consapevolezza e la partecipazione dei consumatori finali.

A tal proposito è molto interessante un progetto sperimentale partito lo scorso 23 marzo a Milano. Il progetto, un Raee Parking itinerante, ha lo scopo di incentivare la raccolta differenziata dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), premiando chi li conferisce correttamente.

Si tratta, brevemente, di un container automatizzato che gira per la città, stazionando in vari luoghi, per un periodo di 2 mesi ciascuno, e che consente ai cittadini di disfarsi degli oggetti elettronici ed elettrici presenti in casa e senza utilizzo. Parliamo, ad esempio, di vecchi cellulari, asciugacapelli che non svolgono più il loro compito, lampadine esauste e tantissimi altri oggetti che ingombrano le nostre case.

Il metodo di conferimento dei Raee è molto semplice: basta recarsi nei punti di raccolta dove è presente il container e inserire nell’apposita fessura la Carta Regionale dei Servizi (CRS). Poi, andrà selezionato il tipo di rifiuto che si intende conferire, inserendolo successivamente all’interno dello sportello dedicato che si apre automaticamente.




Come sottolinea in una nota l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran:La raccolta differenziata a Milano ha raggiunto il 53%, con una crescita di 20 punti percentuali in soli tre anni che ci ha portato ad essere una delle città più virtuose d’Europa. Con questo nuovo progetto sperimentiamo nuove modalità di raccolta, offrendo ai cittadini un servizio innovativo e sensibilizzandoli ad una tipologia di raccolta molto importante per l’ambiente“.

La sperimentazione  del Raee Parking durerà 10 mesi in cinque zone della città, tutti i giorni dalle 7 alle 21.

Per i primi due mesi, fino al 19 maggio, il container sarà posizionato presso i Giardini Montanelli.

Il progetto è realizzato da Amsa e sponsorizzato da Ecolight, un consorzio nazionale senza fini di lucro che ha la finalità di garantire il raggiungimento degli obiettivi nazionali di recupero e riciclo dei Raee fissati dalle normative europee di settore. Ecolight si farà carico dei costi di fornitura e vuotatura del container, nonché di gestione e manutenzione del sofware e del materiale informativo all’avvio del servizio. Metterà inoltre a disposizione i premi in palio per i cittadini più virtuosi.

Grazie al RAEE Parking i cittadini di Milano hanno una nuova agevole opportunità per conferire i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche ed avviarli a recupero, oltre al già consolidato Centro Ambientale Mobile, la ricicleria itinerante di Amsa, e alle cinque riciclerie presenti sul territorio di Milano“, ha dichiarato il responsabile operativo di Amsa-Gruppo A2A, Mauro De Cillis.

Se volete alcune informazioni in più sul perché e come riciclare smartphone e tablet, potete leggere il nostro articolo: http://ambientebio.it/smartphone-e-tablet-riciclarli-conviene-ecco-come-fare/

(Foto)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here