Parte a Bologna Biorice: il progetto per creare cosmetici e integratori dagli scarti del riso

Riciclare per valorizzare gli scarti provenienti dalle filiere di produzione. È questo l’obiettivo che ha mosso l’Università di Bologna, assieme ad altri importanti partner presenti a livello europeo, ad avviare il progetto “Biorice”, lo studio finalizzato a trasformare gli alimenti per ottenere nuove materie prime da impiegare nella cosmetica e nel settore alimentare.

Dal riso, nuove materie prime per creare alimenti, cosmetici e integratori. Il progetto, che prende il nome di Biorice, è stato avviato dall’Università di Bologna e finanziato dalla Comunità Europea con 1,6 milioni di euro all’interno del programma FP7-Capacities.

Nello specifico, il progetto ha l’obiettivo di utilizzare i residui dell’amido di riso per ricavare sottoprodotti proteici che dovrebbero migliorare la qualità della vita e della salute.

Per raggiungere l’obiettivo, l’iniziativa, stando a quanto specificato dagli studiosi coinvolti nell’operazione, impiegherà tecniche innovative, eco-sostenibili e non inquinanti che isoleranno e lavoreranno esclusivamente su enzimi e microrganismi dell’amido di riso.

I composti creati dalle frazioni di proteine note come peptidi saranno poi testati per valutare le diverse proprietà benefiche, soprattutto quelle anti-ipertensive e antiossidanti.

Per i test saranno utilizzate delle soluzioni particolarmente innovative che consentiranno di evitare l’impiego di animali da laboratorio: l’epidermide umana sarò ricostruita in vitro e su quella saranno effettuate le diverse sperimentazioni. Questo principio sarà valido soprattutto per ciò che riguarda i test sui prodotti che, nel loro impiego finale, dovranno essere utilizzati in campo cosmetico.

Il progetto riunisce sei partner differenti, tra cui tre enti di ricerca e tre imprese, provenienti da Italia, Francia, Germania e Svizzera.

Un’unione che consentirà di integrare, a livello europeo, le diverse conoscenze provenienti da settori importanti come quello della biotecnologia vegetale, della produzione ed estrazione di composti vegetali e della ingegneria dei tessuti umani, con le capacità imprenditoriali di Pmi che operano nei settori della produzione di amido di riso, di ingredienti ad uso alimentare e cosmetico e della valutazione di efficacia e sicurezza di estratti di origine vegetale.

L’obiettivo finale del progetto è quello di creare dei nuovi campioni di prodotti che potrebbero avere un impatto significativo nel settore degli alimenti destinati a usi dietetici o specificatamente a coloro che soffrono di particolari intolleranze alimentari, nel settore della cosmetica bio e in quello degli integratori alimentari.

Un progetto ambizioso che cerca di perseguire l’obiettivo di riciclare e valorizzare gli scarti delle filiere di produzione per creare delle alternative per il benessere dell’uomo che siano il quanto più ecocompatibili possibili.

Ma secondo voi è realmente così? Cosa ne pensate del progetto?

Fonte

Fonte

(Foto: babbagecabbage)

biorice, cosmetici bio, progetti sostenibili, proprietà riso, riciclo amido, riciclo scarti filiere


Agnese Tondelli

La mia passione è sempre stata l'arte di creare con poco, e di riutilizzare le risorse per formare oggetti di nuova utilità. Per questo troverete numerosi articoli che riguardano il riciclo creativo e piccoli tutorial su come svolgere piccoli e grandi lavori domestici. Sono anche una mamma premurosa e mi piace dare dei consigli per vivere questo aspetto della nostra vita nel modo più naturale e sicuro possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto