bisonti nativi americani

Come i nativi americani stanno salvando i bisonti dall’estinzione

In 5.000 ettari di praterie non coltivate nel nord-est del Montana, centinaia di bisonti selvaggi vagano ancora. Ma questo branco non si trova in un parco nazionale o in un santuario protetto, sono infatti su terre tribali. Appartenenti alle tribù Assiniboine e Sioux di Fort Peck Reservation, queste mandrie rappresentano gli sforzi di tutela dei bisonti in corso da parte degli indigeni del Nord America.

Il bisonte – o come i nativi americani lo chiamano, il bufalo – non sono solo “sostentamento”, secondo Leroy Little Bear, professore all’Università di Lethbridge e leader negli sforzi di conservazione del bisonte con la tribù. Il mammifero terrestre più grande del continente gioca un ruolo importante nelle vite spirituali e culturali di numerose tribù native americane, come in una “relazione integrata”.

Solo un paio di centinaia di anni fa, da 20 a 30 milioni di bisonti vivevano in vaste mandrie tonanti in tutto il Nord America. Erano residui del Pleistocene e uno dei pochi grandi mammiferi sopravvissuti all’estinzione dell’Era Glaciale.

 

Bisonte nella neve
 Bisonte nella neve Fotografia: Neal Herbert / Yellowstone NPS

I bisonti degli Stati Uniti: ieri e oggi

Meno di 400 anni dopo il viaggio di Colombo, i coloni bianchi si fecero strada verso ovest nel territorio dei nativi americani dando vita all'”epopea” della conquista della costa ovest. E il governo degli Stati Uniti prese la decisione perentoria di paralizzare i nativi americani con qualsiasi mezzo necessario. Uno di questi era lo sterminio dei bisonti: il governo voleva massacrare le grandi mandrie in massa come un modo per affamare e devastare le tribù dei nativi americani.

Per fare ciò, la tribù guardò al branco di bisonti di Yellowstone. Dopo il massacro del 19 ° secolo, 23 bisonti sopravvissero in una remota valle di Yellowstone. Oggi la mandria è di 4.000 unità ed è vista come una popolazione integra perché non è mai stata addomesticata o incrociata con il bestiame, mantenendo la purezza genetica. Mentre la cosiddetta genetica pura del bisonte è spesso importante per gli scienziati e gli ambientalisti, Kelly Stoner – che dirige il programma di bisonti presso la Wildlife Conservation Society – ha detto che il problema è più complicato tra i gruppi tribali.

Il legame primario tra nativi americani e bisonti

“Scoprirete che tra i nativi americani … l’atteggiamento predominante è: ” se sembra un bufalo e odora di bufalo, è un bufalo “. La profonda e personale relazione tra nativi e bufali esiste ed è rilevante e importante, indipendentemente dal fatto che un particolare animale abbia o meno l’8% di geni del bestiame “, ha spiegato Stoner.

Ma ottenere il bisonte dal parco nazionale di Yellowstone si sarebbe rilevato molto più difficile di quanto inizialmente pensato da Fort Peck. Benché allevati in modo naturale, i bisonti di Yellowstone portano la malattia della brucellosi. Il bisonte di Yellowstone originariamente contrasse la malattia dai bovini all’inizio del XX secolo e ora allevatori e funzionari statali temono un ritorno. Sebbene gli scienziati non abbiano mai registrato la brucellosi che passa dal bisonte al bestiame, è teoricamente possibile secondo le ricerche di laboratorio.

Tuttavia, gli allevatori di bestiame temono così la malattia che hanno spinto per centinaia, a volte anche più di mille, bisonti da macellare ogni anno nel parco nazionale di Yellowstone per impedire agli animali di vagare fuori dai confini del parco e potenzialmente mescolarsi con il bestiame. Anche gli alci di Yellowstone portano la malattia, ma vengono risparmiati dal massacro poiché sono considerati meno rischiosi.

Il bisonte dello Yellowstone salva l’intera specie

Il panico della brucellosi ha quasi impedito a Fort Peck di salvare il bisonte di Yellowstone. Più di sei anni fa, le tribù dovettero combattere la legislazione anti-bisonte del congresso del Montana e le battaglie legali. Il caso arrivò fino alla corte suprema del Montana, che le tribù vinsero all’unanimità.

“Il più grande ostacolo è la politica nel Montana”, ha detto Robert Magnan, direttore del dipartimento di pesce e giochi delle tribù di Fort Peck e del programma di difesa dei bisonti. “Non capiscono cosa stiamo cercando di fare qui.”

TheTatanke Oyate, Buffalo Nation, cantanti della Fort Peck Reservation di Poplar, nel Montana, cantano una canzone di benvenuto per i bisonti che arrivano dal Parco Nazionale di Yellowstone lunedì 19 marzo 2012. Sessantaquattro bisonti del Parco Nazionale di Yellowstone sono stati spediti a nord-est del Forte di Montana Prenotazione Peck il lunedì
 TheTatanke Oyate, Buffalo Nation, cantanti della Fort Peck Reservation di Poplar, nel Montana, cantano una canzone di benvenuto per i bisonti che arrivano dal Parco Nazionale di Yellowstone lunedì 19 marzo 2012. Sessantaquattro bisonti del Parco Nazionale di Yellowstone sono stati spediti a nord-est del Forte di Montana Prenotazione Peck il lunedì Fotografia: Richard Peterson / AP

Il primo bisonte di Yellowstone è finalmente arrivato nel 2012: circa 60 animali in tutto. “C’è stata una grande festa; molte, molte persone della comunità sono uscite “, ha detto Proctor. “E ‘stato semplicemente emozionante vederli”.

Due anni dopo il loro arrivo, Magnan ha detto che il bisonte aveva già iniziato a ringiovanire la terra.

Abbiamo visto la ripresa dell’ecosistema. Gli uccelli delle praterie sono tornati, le erbe autoctone prosperano. Accogliamo con favore e aspettiamo i benefici apportati dai bufali nelle nostre terre tribali “.

Da allora, sono state fatte molte altre consegne e il branco di Fort Peck è tra i primi 10 allevamenti conservati negli Stati Uniti.

Il trattato di Buffalo

Ma il lavoro è solo all’inizio. Nel 2014, due anni dopo che il bisonte arrivò a Fort Peck, 13 gruppi tribali – che rappresentavano otto riserve sia negli Stati Uniti che in Canada – firmarono un “Trattato di Buffalo“.

Il trattato sottolineava l’importanza di riportare bisonti liberi negli Stati Uniti e in Canada. “Avevamo sempre una sedia vuota per il bufalo, per lo spirito del bufalo [ai dialoghi], nei nostri circoli parlanti”, ha detto Little Bear, che ha facilitato i dialoghi. “È difficile da spiegare, ma il bufalo ci stava praticamente chiedendo, ‘sai, sono stato via per 150 anni, perché vuoi che torni?'”

Una mandria gira nella riserva di Fort Peck vicino a Poplar, nel Montana
 Una mandria gira nella riserva del Fort Peck vicino a Poplar, Montana. Foto: Matthew Brown / AP

Il trattato sta già facendo del bene. L’anno scorso, la Blackfeet Reservation, nel Montana, ha ricevuto 89 bisonti geneticamente puri da Elk Island in Canada. Sebbene l’Iinnii Initiative di Blackfeet – il loro nome per il bufalo – sia la più giovane, è anche la più ambiziosa.

Le tribù firmano il trattato per impegnarsi nel ripopolamento e conservazione dei bisonti a Polson, nel Montana
 Le tribù firmano il trattato per impegnarsi nella ripopolazione e conservazione del bisonte a Polson, nel Montana Fotografia: Dennis Jorgensen / WWF

Little Bear ha detto che sta lavorando anche con l’iniziativa Y2Y , che mira a creare un enorme corridoio di animali selvatici da Yellowstone allo Yukon per animali selvatici come orsi e lupi.

“Abbiamo parlato con il popolo Y2Y e abbiamo detto” hey, e il bufalo? ” E [dissero], “non ci abbiamo mai pensato, ma possiamo includere i bufali”. Quest’anno, il bisonte selvaggio è tornato nel parco nazionale di Banff dopo più di un secolo. Little Bear ha detto che il trattato di Buffalo della tribù ha agito da “catalizzatore” per il ripopolamento del primo parco del Canada.

“Le tribù delle pianure settentrionali sono la guida del ripristino dei bisonti selvaggi in questo momento”, ha detto Proctor. Tra 50 anni, la comunità di conservazione spera di avere almeno 10 branchi di bisonti che contano 1.000 animali – il minimo, ha detto, necessario per il bisonte per svolgere il proprio ruolo ecologico (attualmente solo Yellowstone ha una mandria di oltre 1.000 animali) .

Oltre a ciò, Proctor spera che ci saranno alcune mandrie di oltre 10.000 animali, una dimensione della mandria che non è stata vista dallo sterminio di massa nel 19 ° secolo.

Un coyote e un bisonte in Lamar Valley, parco nazionale di Yellowstone.
 Un coyote e un bisonte in Lamar Valley, parco nazionale di Yellowstone. Fotografia: Sumiko Scott / Getty Images

“Beh, non vedo mai più il bisonte che vaga di nuovo nelle Grandi Pianure”, disse Proctor. “Non vedremo mai più di 20 milioni a 30 milioni di bisonti. Nessuno sta cercando di tornare indietro nel tempo. Stiamo cercando di andare avanti. Stiamo cercando di ripopolare questo importante animale dove possiamo, dove le persone lo vogliono, e al livello in cui aiuteranno a ripristinare l’equilibrio naturale “.

Perché ciò avvenga, le tribù dei nativi americani saranno fondamentali. Hanno la terra e il desiderio di riportare il più grande mammifero terrestre del continente. E non è solo bisonte, secondo Proctor. Sono stati fondamentali nella tutela di lupi, orsi grizzly, rapide volpi e furetti dai piedi neri, tra le altre specie.

Magnan ha detto che il “sogno” di Fort Peck è di avere 2.500 bufali nella loro mandria di conservazione che si estende su oltre 40.000 ettari. Già la tribù ha approvato una risoluzione per l’acquisto di più terra.

“È incredibile … con budget limitati e povertà diffusa, le tribù native americane sono la guida nella tutela della fauna selvatica  e hanno fatto molto di più rispetto all’agenzia della fauna selvatica dello Stato”.

bisonti americani vitello e madre
Bisonti americani: madre e vitello Fotografia: Neal Herbert / Yellowstone NPS

bisonti, bisonti selvaggi, bufali, little bear, nativi americani, ripopolamento bisonti, trattato di buffalo


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto