Home Energia La strada elettrica che genera energia

La strada elettrica che genera energia

505
1
CONDIVIDI

Nell’ambito del programma per l’innovazione SolaRoad, in Olanda la TNO sta lavorando su una strada per le biciclette, che converte la luce solare in energia elettrica. Da tre anni a questa parte si sta studiando una soluzione alla creazione di nuova energia trovando una via alternativa appunto usando le strade.

La SolaRoad consiste in una carreggiata solare, che dovrebbe sostituire strade asfaltate tradizionali con una griglia di energia solare, e riscaldamento auto-strade. Grazie a queste strade verrebbero fusi pali, segnaletica stradale, semafori, il tutto in una singola unità dinamica. Queste soluzioni sono già state sperimentate e ritenute funzionanti e valide e grazie a ciò si è preso spunto proprio per costruire questa pista ciclabile elettrica in Olanda.

La parte interessante è che questi pannelli possono trasportare energia elettrica ma anche raccoglierla, e questo è un punto molto interessante tenendo presente che la famiglia media consuma circa 3.500 kWh di elettricità all’anno, che con le fonti alternative adottate fin ora abbiamo si ottenuto dei buoni risultati ma c’è ancora molto da fare.

In futuro le a differenza delle strade normali buie che normalmente guidiamo, le strade solari avranno LED che dipingeranno le corsie, e che possono essere personalizzate in base alle esigenze.Molte persone ci dicono che, come noi, hanno difficoltà a vedere le linee della strada di notte, in particolare quando i fari tendono ad accecare o quando piove. Con una strada illuminata in questo modo, gli incidenti si riducono e guidare di notte sarà più sicuro per tutti.

I LED possono anche essere programmato per muoversi lungo con le auto al limite di velocità, mettendo in guardia i conducenti istantaneamente quando sono alla guida troppo veloce. I LED saranno utilizzati anche per dipingere le parole a destra sulla strada, mettendo in guardia i conducenti di un animale sulla strada, una deviazione in avanti, un incidente, o per lavori di costruzione. Stazioni di controllo centrale sarà in grado di personalizzare istantaneamente le linee e le parole in tempo reale, la congestione del traffico e rendere le strade più efficienti e più sicure.

Uno studio recente ha dimostrato che paesi come la Gran Bretagna che ha in alcune strade le borchie luminose, hanno ridotto gli incidenti notturni del 70%.

I LED possono anche essere programmati per muoversi insieme alle auto controllando il limite di velocità, mettendo in guardia i conducenti istantaneamente quando sono alla guida troppo veloce. I LED saranno utilizzati anche per dipingere le parole a destra sulla strada, mettendo in guardia i conducenti di un animale sulla strada, una deviazione in avanti, un incidente, o per lavori di costruzione. Stazioni di controllo centrale sarà in grado di personalizzare istantaneamente le linee e le parole in tempo reale, la congestione del traffico e rendere le strade più efficienti e più sicure.

Il prototipo installato in Krommenie, vicino ad Amsterdam, deve servire come punto di partenza per creare un sistema di piste ciclabili che generano energia solare e può diffondersi ad altre superfici piane asfaltate, ad esempio zone pedonali in città, il sistema sarà funzionante entro la fine dell’anno, mentre si prevede che saranno attive strade elettriche nelle grandi zone di traffico, legato alle auto, alla fine del 2015.

  • Gran bella invenzione, il led: fa molta luce, consuma poca energia e dura una vita. Se utilizzato negli stop, poi, ha anche il vantaggio di accendersi prima rispetto alle lampadine tradizionali, facendo guadagnare frazioni di secondo che possono anche contribuire a evitare un tamponamento. Negli ultimi tre anni, cioè da quando i designer sono riusciti anche a farlo diventare un elemento estetico caratteristico delle auto moderne, tutti lo vogliono. Eppure, adesso che iniziano ad arrivare su strada modelli dotati di led anche per gli anabbaglianti, si scopre che non sono ancora arrivati a superare quelli con buoni fari allo xeno (si veda la prova pubblicata su “Quattroruote” di questo mese). E addirittura ci sono casi in cui con gli stop a led il tamponamento può essere addirittura favorito.