Home Bioedilizia La Scuola Sostenibile a Gaza made in Italy

La Scuola Sostenibile a Gaza made in Italy

248
0
CONDIVIDI

Finalmente una buona notizia dalla Striscia di Gaza: un progetto chiamato “Green School“, curato dallo studio dell’architetto Mario Cucinella in collaborazione con l’Mca e dall’Unrwa, l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi. “Si tratta  di una struttura a basso contenuto tecnologico ma di elevata qualità architettonica: due piani per 3mila metri quadri, pensato per 600 bambin, e il cui costo, sostenuto dall’Islamic Development Bank, non supererà i due milioni di dollari”,spiega l’architetto,  il quale ha presentato il suo progetto negli ultimi giorni del 2011 durante il Climate Change Conference dell’Onu, in SudAfrica. Il suo studio ha tenuto conto della scarsità di risorse come acqua ed elettricità; l’acqua non supera i 40 litri a persona all’anno, mentre l’elettricità arriva a singhiozzo da Israele. Per questa situazione si è progettato un edificio autonomo a livello energetico e idrico, che con la raccolta delle acque piovane e il trattamento delle acque grigie e nere riesce a soddisfare il fabbisogno globale. Per il problema degli sbalzi termici è stato posto, sotto alla fondazione di cemento, un letto di pietre che agisce da primo moderatore bioclimatico, mentre il tetto di pannelli fotovoltaici integrati in silicio immagazzina energia e calore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here