Home Green Economy La favola della benzina a 1 euro Fiat

La favola della benzina a 1 euro Fiat

195
0
CONDIVIDI

Andiamo, venghino signore e signori!! Venite a vedere la fantastica promozione Fiat e la benzina la pagherete come 10 anni fa. Solo 1 euro al litrooo!” Ve lo immaginate Mr. Sergio Marchionne nei panni di un giostraio armato di megafono che urla alla folla la strepitosa notizia? Sarebbe uno spot perfetto e di effetto che spaccherebbe la tele. Non ci hanno ancora pensato ma come commentare tale promozione Fiat? Per chi non sa di cosa stiamo parlando, la Fiat ha deciso di proporre durante tutto il mese di giugno e quello di luglio 2012, a chi acquista una vettura in Italia del marchio torinese, di pagare la benzina o il gasolio a 1 euro fino a fine 2015. Com’è possibile? Grazie all’accordo con IP o meglio API in 3.700 dei 4.200 stazioni di servizio disseminate per il paese.

L’offerta è valida tanto per i motori diesel quanto per le vetture a benzina, e consiste nel fornire al cliente una scheda con un pin dove è addebitata una somma che tiene conto del consumo medio annuale e che copre per 3 anni il costo del carburante oltre 1 euro. 
Senza dubbio è stata studiata per risollevare i disastrosi risultati del mercato italiano, solo in parte compensati dal successo di Crysler nel mercato americano, e nasce in relazione al contesto economico italiano difficile, in cui il prezzo dei carburanti continua ad aumentareCosì il lingotto, lungi dall’investire in modelli competitivi con la concorrenza ( ad esempio in motori che permettano di arrivare ai 30 km/l ), lontana dalle idee di sviluppo di tecnologie ibride o elettriche come stanno facendo gli altri marchi europei ( vedi nostro articolo sui nuovi carburanti sostenibili ), si accorda con i petrolieri e spinge sulla tavoletta dell’ accelleratore del consumo, incitando i guidatori fiat a spendere in carburanti come 10 anni fa , quando i carburanti costavano 1 euro.

Quando in questo paese si potrà guardare al di là dei 2 -3 anni e fare politiche industrali di ampio respiro, che promuovano indotti innovativi e soprattutto prendano coscienza che la risorsa petrolifera si sta esaurendo? A meno che certo, andiamo a trivellare tutto il mediterraneo e qualcosa sicuramente uscirà fuori. Forse ci siamo già dimenticati del disastro BP nel golfo del Messico, di cosa significa e di che tipo di danni ha causato.( vedi nostro articolo dettagliato )

Così gli scienziati del marketing Fiat l’hanno pensata bella e tra 60 giorni andranno a vedere il grafico delle vendite soddisfatti dello stratagemma. Potrebbe anche succedere, però, che l’utente FIAT tra 3 anni si ritroverà a pagare il carburante come e più caro di ora, mentre si saranno sviluppate altre tecnologie che metteranno la trazione classica da idrocarburi, fuori mercato. E’ molto difficile, ma ce lo auguriamo davvero.

 

Gino Favola