insetti armi biologiche insect allies

Gli insetti OGM che proteggono le colture potrebbero essere trasformati in armi biologiche

I ricercatori stanno studiando se gli afidi e altri insetti potrebbero essere utilizzati per trasmettere virus che aiutano a proteggere le piante.

Sembra fantascienza: un programma di ricerca finanziato dal governo degli Stati Uniti prevede di creare insetti portatori di virus che, rilasciati in gran numero, potrebbero aiutare le colture a combattere minacce come parassiti, siccità o inquinamento.

Insect Allies“, come viene chiamato il programma quadriennale da 45 milioni di dollari, è stato lanciato nel 2016 con poca fanfara. Ma in un forum politico di Science, cinque ricercatori europei descrivono uno scenario molto più blando.

In caso di successo, la tecnica potrebbe essere utilizzata da attori malintenzionati per aiutare a diffondere malattie su quasi tutte le specie di colture e raccolti devastanti, dicono. La ricerca potrebbe essere una violazione della Convenzione sulle armi biologiche (BWC), sostiene il pezzo.

Chi c’è dietro questo progetto

Finanziato dalla DARPA (Defence Advanced Research Projects Agency) degli Stati Uniti ad Arlington, in Virginia, Insect Allies mira a utilizzare insetti come afidi o mosche bianche per infettare colture con virus su misura che possono rilasciare determinati geni a piante mature; è essenzialmente una terapia genica per le colture.

L’obiettivo, afferma DARPA, è trovare un nuovo modo per proteggere le piante che crescono sul campo dalle minacce emergenti. L’approccio sarebbe più rapido e flessibile rispetto allo sviluppo di nuove varietà di colture in laboratorio, che può richiedere anni, afferma Blake Bextine, che gestisce il progetto presso DARPA.

La ricerca è condotta da gruppi della Pennsylvania State University (Penn State) a University Park, dell’Ohio State University di Columbus, dell’Università del Texas ad Austin e del Boyce Thompson Institute di Ithaca, New York.

Cosa dicono le voci critiche ad insect allies

Ma nel loro articolo, i critici accusano che “il programma può essere ampiamente percepito come uno sforzo per sviluppare agenti biologici per scopi ostili e i loro mezzi di consegna“. Mentre le convenzioni internaizonali vietano lo sviluppo di agenti biologici “che non hanno giustificazione per scopi profilattici, protettivi o di altro tipo”, afferma Silja Voeneky, studiosa legale all’Università di Friburgo in Germania e uno degli autori.

È difficile vedere una tale giustificazione per Insect allies, sostiene, perché il metodo è difficile da controllare e difficilmente può essere concesso in tempo di pace. Inoltre, esiste un modo più semplice per introdurre virus nelle piante: la nebulizzazione. “Se lo scopo pacifico è proteggere le piante, ci sono molte domande senza risposta”, afferma Voeneky.

Lei e i suoi colleghi hanno anche creato uno speciale sito Web che evidenzia ciò che vedono come i problemi del progetto e fornisce disegni di insetti “armati” ai giornalisti che coprono il giornale. Sperano di iniziare una discussione pubblica sullo sviluppo di una tecnologia che dicono sia immensamente potente. 

“Dati 30 secondi e un po ‘di immaginazione, non c’è nulla che non si possa immaginare che un virus geneticamente modificato possa fare, in particolare se questi virus hanno la capacità di cercare una specie nell’ambiente e alterarli geneticamente”, afferma il primo autore, Guy Reeves del Max Planck Institute for Evolutionary Biology di Plön, Germania.

Leggi anche: Gli Insetti più letali al mondo: ecco quali sono

MIlano: nasce l’autostrada per le api più lunga d’Italia

Invasione di parassiti: quando gli insetti antagonisti sono la soluzione

I possibili scenari futuri

Nicholas Evans, un bioeticista dell’Università del Massachusetts a Lowell che non è stato coinvolto nel documento, afferma che lo sviluppo di un nuovo meccanismo per la diffusione di armi biologiche probabilmente non viola il BWC perché l’intento gioca un ruolo importante e il DARPA afferma che le sue intenzioni sono pacifiche . Ma lo sviluppo della tecnologia potrebbe ancora inviare un segnale negativo. 

Il risultato più preoccupante, ma meno probabile, è che incoraggerà un altro stato a iniziare a investire in armi biologiche“, ha scritto Evans in una e-mail. Paesi come l’Iran potrebbero vedere la ricerca come una ragione per sostenere l’incontro di quest’anno del BWC a dicembre, dice Evans.

“Stealth fly”, un’illustrazione fornita dagli scienziati per avvertire di un programma di ricerca che secondo loro potrebbe aiutare ad armare gli insetti VOLO INVISIBILE, DYLAN EGON

Wayne Curtis, uno degli scienziati che lavorano su Insect Allies presso Penn State, afferma che il progetto farà avanzare la comprensione di come interagiscono virus e insetti vegetali e aiuterà a sviluppare nuove strategie di protezione delle colture. “Il vantaggio indiretto (che ritengo superi il piccolo rischio) è l’enorme quantità di scienza che questo programma faciliterà”, ha scritto Curtis in un’e-mail.

Gli ostacoli scientifici per il progetto sono alti. Alcuni ricercatori stanno prendendo in considerazione l’utilizzo di strumenti di modifica genetica come il CRISPR per cambiare i cromosomi delle piante, ma Curtis ritiene improbabile che funzioni. Spera invece di esprimere geni al di fuori dei cromosomi.

Raggiungere tutte le cellule rilevanti in una pianta può essere un obiettivo elevato, sebbene “fornire protezione potrebbe non richiedere l’infezione di tutte le cellule”, ha scritto.

In definitiva, la missione dell’agenzia è “perseguire progetti rivoluzionari e tecnologicamente ad alto rischio. … DARPA non finanzierebbe mai la prossima generazione della tecnologia di irrorazione aerea. ” Reeves si fa beffe di quell’argomento. “Questa non sembra essere una ragione molto convincente per impegnarsi in qualcosa di così rischioso“, risponde a chi sostiene che Insect allies sia un progetto sostenibile.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.