giornata mondiale oceani

Giornata mondiale degli oceani 2021: il mare è vita e prima forma di sussistenza

Che cos’è la Giornata mondiale degli oceani? 

La Giornata Mondiale degli Oceani si celebra ogni anno l’8 giugno. Più di 140 paesi partecipano e si impegnano a considerare l’importanza dell’Oceano. E come possiamo proteggerlo. Il tema di quest’anno 2021 è The Ocean: Life & Livelihoods ( vita e sussistenza ).

La Giornata Mondiale degli Oceani ci offre la possibilità di diffondere consapevolezza e condividere conoscenze. Noi stessi abbiamo ricordato l’evento nel 2017 e siamo consapevoli di quanto sia importante cambiare l’approccio al consumo e al conseguente inquinamento e dello sfruttamento dei mari.

Gli scienziati stanno lavorando per invertire gli effetti di inquinamento  e cambiamento climatico.
Sebbene non tutti disponiamo delle conoscenze o delle risorse per sviluppare la tecnologia, tutti possiamo aiutare in piccoli modi o con sistematiche azioni salva-mare.
Il riciclaggio e l’utilizzo di risorse energetiche sostenibili hanno un impatto significativo sul nostro ambiente!

giornata mondiale oceano
Giornata Mondiale Oceano 2021

Oceani in numeri 

Il 70% della superficie terrestre è acqua. Migliaia di specie di piante e animali vivono nel mare. È essenziale che ci prendiamo cura del mare o queste piante e questi animali moriranno.

Gli oceani rappresentano il 96% di tutta l’acqua sulla superficie terrestre, il resto è acqua dolce di fiumi, laghi e ghiacciai. L’oceano assorbe circa il 25% delle emissioni di CO2 che le attività umane emettono in atmosfera ogni anno, riducendo notevolmente l’impatto di questo gas ad effetto serra sul clima.

serbatoi di carbonio dei sistemi costieri, come mangrovie, paludi e praterie di posidonia possono contenere fino a cinque volte il carbonio immagazzinato nelle foreste tropicali.
Oltre 3 miliardi di individui dipendono dalla biodiversità marina e costiera per il proprio sostentamento.

A livello globale, il valore di mercato delle risorse e delle industrie marine e costiere è stimato di 3.000 miliardi di dollari l’anno o circa il 5% del PIL mondiale.
Le attività umane, compreso l’inquinamento, l’impoverimento delle quantità pescate e la perdita di habitat costieri, impattano sulla salute degli oceani per circa il 40%.

Nonostante tutti i benefici, stiamo prendendo dagli oceani più di quanto possa essere ricostituito.

Nel 2015, gli scienziati stimano che tra le 4,8 e le 12,7 tonnellate di plastica siano entrate negli oceani. Una parte considerevole proviene dalle pratiche spietate dell’industria della pesca.
Questa plastica ha un impatto significativo sulla vita marina. Inoltre, la plastica dura centinaia di anni perché non si biodegrada.

giornata mondiale 2021 difesa oceano

Dobbiamo trovare metodi alternativi per sbarazzarci dei rifiuti di plastica.  Oltre a ridurre il nostro consumo di pesce. In alcuni paesi, gli scienziati sono riusciti a trovare il modo di utilizzare la plastica di scarto per costruire nuove strade.

Rimuovere la plastica dagli oceani del mondo è una grande operazione e richiederà molto tempo. Tutto ciò che possiamo fare per prevenire ulteriori danni è vitale.

LEGGI ANCHE: Una piccola isola che da un contributo enorme per proteggere gli oceani del mondo

Stop microplastiche nei cosmetici: l’alternativa (italiana) è biodegradabile

Eventi-siti-ebook: per partecipare o seguire in diretta

Decennio del mare con gli amici di Mediterranea

Una giornata online in diretta da La Maddalena, Sardegna, tra talks, dibattiti e attività per celebrare la Giornata Mondiale dell’Oceano 2021 assiema agli amici di Mediterranea. Vai al sito per interagire con numerosi quiz e giochi e per seguire la diretta dalle 9.30 dell’8 giugno sino alle 24.

ISPRA

Ecco le iniziative di ISPRA per la Giornata mondiale degli oceani: In occasione della Giornata mondiale degli oceani, Ispra partecipa a Cannes al convegno “Dalla costa agli abissi”, organizzato dall’Accordo Ramoge, e insieme agli altri partner del Progetto Indicit II invita a postare le foto delle azioni intraprese per ridurre l’inquinamento da plastiche nel mare.

10 rivers 1 Ocean

Un portale che affronta il tema #weareallinthesameboat. Senza esclusione di argomenti o di aspetti che impattano sulla vita degli oceani, ribadendo che tutto è collegato e che quello che facciamo noi, qui ora, può avere un impatto determinante a migliaia di km di distanza, tra qualche tempo. E’ solo questione di tempo, non di se o quando avverrà.

La velocità con cui immettiamo la plastica negli oceani farà sì che entro il 2050 essa peserà più di tutti gli animali che li popolano. Ma con l’impegno di tutti di creare un nuovo corso dell’avventura umana su questo pianeta è possibile. Come sempre, il cambiamento a lungo termine è una strada in salita.

Rianima gli oceani – David Attenborough

Ci sono molte fantastiche risorse per la Giornata mondiale degli oceani di che puoi usare. Ad esempio questo:  Una vita sul nostro pianeta: rianima i nostri oceani con David Attenborough
È un argomento serio e siamo lieti di offrirti queste risorse per la Giornata mondiale degli oceani. Perfetto per educare e divertire!

“Un posto per la plastica”

«Qui gli scarti, la feccia e le scorie del mondo soffocano il mare sofferente. Questo è un posto di plastica, ma non è il posto per la plastica.’ Questo stimolante libro illustrato segue il viaggio di un sacchetto di plastica monouso. A partire dal supermercato fino a raggiungere l’oceano. 

Lungo la strada, vedrai la busta di plastica passare attraverso un cestino della cucina, il retro di un camion e un fiume. Nell’oceano si trova tra meduse, uccelli e persino una balena. Questo prima che si depositi su un’isola di rifiuti di plastica galleggianti.

pulizia degli oceani isola di plastica

La plastica non appartiene all’oceano, quindi la storia cambia mentre la borsa torna a terra. Il libro si conclude con un bambino che raccoglie i rifiuti sulla spiaggia. Si presenta cosi’ al lettore una ‘scelta’ da fare riguardo al futuro delle borse.

Commovente e di bella fattura. Con una prosa incisiva e splendide illustrazioni. ‘A Place for Plastic‘ è l’ideale per insegnare la plastica e l’inquinamento degli oceani. La storia può ispirare discussioni sul riciclaggio o su come possiamo vivere in modo più sostenibile. Sulla nostra responsabilità di proteggere l’ambiente. O come l’inquinamento influisce sugli animali e sui loro habitat.

Cosa possiamo fare da oggi

di Simone Perotti

La difesa del mare e degli oceani a pari condizioni di quanto abbiamo fatto sino ad oggi, è, al netto delle invenzioni e della tecnologia che può fare da argine all’inquinamento, un esercizio inutile e senza risultati tangibili. Perchè se interpretata come un’attività contingente al momento della “pulizia delle spiagge o degli oceani” ad esempio, o di altre “buone azioni” comunque circoscritte nel tempo e nello spazio, resta sempre una difesa “bucata”, che non è basata su sufficienti presupposti.

Quello che occorre fare, invece, è cambiare: per la difesa del mare vanno cambiati e reinterpretati il “prima” e il “dopo” del periodo in cui ci si occupa del mare. Cambiare la nostra vita quotidiana prima e dopo esserci occupati delle acque, del mare e degli oceani, perchè come abbiamo visto direttamente anche noi, è tutto strettamente collegato.

giornata mondiale oceani 2021

Ciò che crea un enorme danno e disagio è esattamente quello che tutti noi facciamo ogni giorno; dobbiamo far si che da questa giornata in difesa degli oceani possa partire un impulso nuovo e diverso che possa intrecciarsi con il grande tema del cambiamento dello stile di vita. Possiamo farlo così:

  • inquinare meno
  • muoverci diversamente
  • impattare meno sull’ambiente
  • avere una nuova visione del lavoro
  • creare nuove forme sostenibili di consumo
  • avere una visione olistica del nostro rapporto con la vita

Tutto questo può portarci a un riappropriarci dei nostri “tempi”, di un modo più semplice e naturale di stare al mondo, il più possibile lontano dalla nevroticità, dalle ansie, dalle ipercinesi del nuovo turbocapitalismo del XXI Secolo.

E’ in definitiva una questione filosofica: ogni volta che ci occupiamo del mare dal punto di vita solamente ambientale o economico, stiamo facendo un grande errore perchè quello che determinerà il grande cambiamento che può dare nuova vita agli oceani e alla biosfera, è una nuova concezione fisolofica e culturale della vita.

LEGGI ANCHE: L’acidificazione degli oceani sta dissolvendo i gusci dei granchi

La plastica generata da Amazon nel 2019 farebbe il giro della Terra 500 volte

Il 55% di rifiuti di plastica nel mondo sono prodotti da venti aziende. I dati sul rapporto ufficiale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto