Home Eco Viaggi Ecoturismo: le mete italiane che hanno guadagnato l’Oscar quest’anno

Ecoturismo: le mete italiane che hanno guadagnato l’Oscar quest’anno

1453
0
CONDIVIDI

Il 2016 sarà l’anno dell’ ecoturismo: a scommetterci, Legambiente che ha assegnato gli Oscar del settore, premiando strutture turistiche e aree protette particolarmente sensibili ai temi della sostenibilità e della protezione ambientale.

Legambiente non ha dubbi: il 2016 sarà l’anno buono per l’ ecoturismo, le vacanze rispettose per l’ambiente. E parla di un vero e proprio boom: il 79% dei viaggiatori, infatti, considera importanti gli accorgimenti eco-friendly, quando deve scegliere una struttura ricettiva per i propri soggiorni in Italia. Una sensibilità maturata in particolar modo dagli stranieri (il 61% del totale, soprattutto tra i tedeschi), ma che inizia a farsi spazio anche tra gli italiani (il 39% degli intervistati risponde positivamente). Basti pensare, ad esempio, al solo cicloturismo che già oggi conta un giro d’affari di due miliardi di euro nel nostro Paese.

Ed è proprio da questo tipo di sensibilità che nascono gli Oscar dell’ Ecoturimo, un premio speciale pensato per alberghi, B&B, villaggi e aree protette, che dimostrano attenzione alla sostenibilità a 360 gradi.

I riconoscimenti, proprio come gli Oscar hollywoodiani, sono suddivisi in diverse categorie, 11 per l’esattezza: Ottima gestione ambientale; Amici del clima; Alimentazione; Mobilità sostenibile; Impegno sociale; Gastronomia; Acqua; Comunicazione-educazione ambientale; Riqualificazione delle dune e mobilità sostenibile; Rifiuti; Bioedilizia.

Gli Oscar dell’ ecoturismo presentati alla Bit di Milanoafferma Angelo Gentili, responsabile nazionale Legambiente Turismo – rappresentano le eccellenze del panorama nazionale nell’ambito del turismo amico dell’ambiente. Si tratta di strutture ricettive che hanno scelto la sostenibilità e il rapporto con il territorio come ingredienti essenziali per confezionare la proposta per i propri clienti, sempre più attratti da questo tipo di scelte, come indicato dai dati più recenti sul turismo ambientale. La sezione dedicata ai parchi e alle aree protette dimostra quanto questi territori stiano facendo per sviluppare le modalità di fruizione più avanzate e compatibili con i delicati ecosistemi che tutelano”.




La premiazione è avvenuta il 12 febbraio durante la tavola rotonda sui nuovi turismi ambientali tenutasi alla Bit di Milano. Gli Oscar sono andati a 4 parchi nazionali, 4 parchi regionali, 1 area marina protetta e a 26 strutture ricettive. Tra le regioni più premiate domina l’Emilia Romagna, seguita da Toscana e Abruzzo.  I premiati sono stati selezionati tra quasi 300 strutture affiliate all’etichetta Turismo Bellezza Natura di Legambiente, uno speciale marchio assegnato dall’associazione sulla base di una serie di misure obbligatorie e facoltative: attenzione alla bioedilizia, gestione cosciente dei rifiuti, impegno sociale, qualità del cibo, promozione del territorio, mobilità sostenibile, etc.

Tra i premiati, Legambiente ricorda il Parco dell’Alta Murgia, con il suo progetto di sviluppo di ciclovie turistiche; l’area marina protetta delle Egadi, che ha realizzato campi boe per proteggere le praterie di Posidonia oceanica; la promozione della pratica dell’agriturismo, messo in campo dal Parco della Maremma. L’elenco completo dei premiati, insieme alle motivazioni dell’assegnazione, sono disponibili sul sito ufficiale dell’Ong.

I nostri lettori ricorderanno come, quest’estate, Legambiente abbia premiato anche i lidi ecosostenibili, dimostrazione di quanto sia importante, oggi, il settore dell’ ecoturismo e quanto appeal abbia su una crescente fetta di viaggiatori.

(Foto: http://legambienteturismo.it/)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here