Home Green Economy E’ possibile risolvere il problema dell’effetto serra. Attraverso un nuovo utilizzo dei...

E’ possibile risolvere il problema dell’effetto serra. Attraverso un nuovo utilizzo dei terreni

1379
0
CONDIVIDI

Jack Kittredge, direttore delle politiche di Agricoltura Biologica in Massachusetts ha redatto un documento in risposta alle numerose discussioni su come affrontare le emissioni di gas a effetto serra e le condizioni meteorologiche estreme che queste hanno creato. Egli osserva che la maggior parte degli analisti sono del parere che dobbiamo smettere di usare i combustibili fossili e di trovare modi per rimuovere l’anidride carbonica che è già nell’aria.
Ma dove possiamo mettere il carbonio, una volta rimosso dall’aria?

La soluzione è sotto i nostri piedi! Ha bisogno di tornare al suo posto, nel terreno. Con questo grande lavoro si propone di convincere la gente che adotta questo modello economico, stilando un decalogo di soluzioni per salvare il pianeta.

Cambiamento climatico
Sempre più persone sono interessate al tema, e lo sviluppo dei dati e degli standard è progredita.I fattori chiave di condizioni meteorologiche estreme sono calore eccessivo, precipitazioni e l’umidità dell’aria. Recenti studi hanno trovato che i record mensili medi di temperatura, precipitazioni estreme e tasso medio di umidità dell’aria sono stati tutti aumentati nel corso degli ultimi 50 a 150 anni. Secondo l’Associazione Americana per l’Avanzamento della Scienza, “Sulla base di prove ben consolidate, circa il 97% degli scienziati del clima hanno concluso che i cambiamenti climatici sono causati dall’uomo e dalle sue attività.” (AAAS)

Come i Gas serra causano cambiamenti climatici
I gas serra, soprattutto anidride carbonica, ma anche il metano, l’ozono e ossido di azoto, sono per milioni di anni stati emessi dal suolo e dall’acqua nell’atmosfera da processi naturali e restituiti alle loro fonti in un ciclo continuo. Fintanto che la quantità di gas serra emessi e l’importo restituito alle fonti sono stati equilibrati, tutto ciò non ha causato cambiamenti climatici.
Abbiamo bisogno di un certo livello di gas a effetto serra nell’atmosfera. Questi intrappolano la radiazione solare in modo che la terra rifletta meno calore nello spazio; infatti, se non avessimo alcuni di questi gas, la terra sarebbe stata congelata e sarebbe stato troppo freddo per la vita umana. Il livello di un gas nell’atmosfera è misurata in unità chiamate “parti per milione” (ppm).Ad esempio l’azoto, l’ossigeno e l’argon, il gas primari nella nostra atmosfera, collettivamente rappresentano 999.000 ppm. Nel corso della storia umana il livello atmosferico di biossido di carbonio è rimasto a circa 280 ppm, o meno 0,03%. Essendo stata incrementata dall’attività umana la parte proveniente dal terreno ora,essendo restituita in minor quantità, il livello di anidride carbonica nell’aria sta crescendo e attualmente pari a 400 ppm. Cosa possiamo fare?

Lo Stoccaggio nel suolo Non possiamo utilizzare l’acqua in quanto l’anidride carbonica si dissolve in acqua e forma acido carbonico. Per decenni abbiamo visto gli effetti di un incremento graduale di acido carbonico nei nostri oceani come l’innalzamento dell’acidità del PH e non sono sicuramente effetti positivi.
Ma lo stoccaggio del carbonio nel suolo, però, è una storia diversa. È da qui che il carbonio è venuto e dove è necessario che ritorni. Gli scienziati stimano che dal momento che il disboscamento e dalla rivoluzione industriale e la coltivazione per l’agricoltura hanno rilasciato 136 Gt di carbonio dal suolo del mondo.(Lal 2004) Quindi, il suolo ha perso più carbonio di quanto sarebbe dovuto tornare indietro per avere un sostanziale equilibrio, ma il terreno è in grado di trattenere e contenern e ancora di più; molto più. Cerchiamo di capire un po ‘meglio come fare
Il terreno ha fame di carbonio e il suolo è letteralmente vivo. E ‘pieno di batteri, funghi, alghe, protozoi, nematodi e molte, molte altre creature. In un cucchiaino di suolo sano, infatti, ci sono più microbi di quante ci sono persone sulla terra. Naturalmente, come forme di vita che si nutrono di carbonio, questa comunità brulicante richiede costanti forniture di materia organica per sopravvivere. Che la materia organica (circa il 58% dei quali è carbonio) si presenta sotto forma di organismi viventi, dei loro essudati, che sono spesso zuccheri semplici, e loro residui, spesso carboidrati come cellulosa. Questi composti sono ricchi di energia, facilmente accessibile per gli organismi, e rapidamente assimilata da microbi del suolo.
Questo enorme appetito degli organismi del terreno per il carbonio significa che in un terreno sano viene consumata rapidamente la materia organica disponibile.

No alla chimica L’uso di prodotti chimici agricoli sintetici distrugge letteralmente il carbonio nel suolo. Tossine come i pesticidi sono letali per gli organismi del suolo, che svolgono un ruolo cruciale nel migliorare la vitalità delle piante e la fotosintesi. Alcuni fertilizzanti hanno anche dimostrato di esaurire materia organica del suolo.
Presso l’Università dell’Illinois sono stati effettuati i più longevi studi agricoli controllati della storia. I ricercatori hanno analizzato i dati di 50 anni in cui i campi su cui era stato aggiunto un totale di 90 a 124 tonnellate di residui di carbonio per acro, ma che usato un fertilizzante sintetico da concimazione azotata. Quei terreni in realtà perso quasi 5 tonnellate di sostanza organica del suolo per acro nel corso del periodo di prova.
Una causa suggerito l’impatto negativo di fertilizzanti sintetici su carbonio suolo è il fatto che tende a ridurre la dimensione e la profondità delle radici delle piante poiché è concentrato in uno strato superficiale sulla superficie del suolo anziché diffusione nel terreno come sarebbe nutrienti da legumi, minerali o altre fonti naturali.

I Vantaggi del ripristino di carbonio nel suolo
I vantaggi della costruzione di materia organica nel vostro terreno non si limitano a rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera.
L’aumento di carbonio nel suolo costruisce aggregati, che a loro volta agiscono come spugne che permettono al suolo di trattenere l’acqua, fornendo in tal modo le riserve idriche per le radici in tempi in cui le precipitazioni sono basse e che possono essere come un lavandino pronto ad assorbire l’eccesso in momenti in cui il livello idrico è alto. Questa capacità di trattenere l’acqua riduce anche il rischio di erosione e può tradursi in una migliore qualità e la resa delle colture.

Le piante, proprio come gli animali, si sono evolute con difese complesse contro i propri nemici. I loro meccanismi sono molti, e sono estremamente intelligenti. Alcuni ad esempio scoraggiano la predazione mediante l’uso di spine, o di essudati gommosa appiccicosi. Molte sintetizzano metaboliti secondari per prevenire attacchi chimici (veleni, repellenti, irritanti, o anche composti organici volatili che attraggono i nemici del predatore della pianta).
Tali capacità, simile al sistema immunitario negli animali, sono più forti quando la pianta è sana. La salute è ottimale quando le esigenze della pianta per la luce solare, la nutrizione, l’acqua, l’ossigeno e l’anidride carbonica sono completamente soddisfatte. E naturalmente, ciò accade meglio in un terreno sano con un alto contenuto di carbonio e una popolazione eterogenea e ampia di microbi. Tali condizioni possono portare a colture con densità di nutrienti, la resistenza a parassiti e malattie, più antiossidanti e più lunga durata di conservazione; sono destinate a prosperare e dare raccolti abbondanti e dai colori, sapori e profumi migliori.

Conclusioni
Anche se smettessimo di bruciare combustibili fossili domani i gas a effetto serra già rilasciati continueranno ad aumentare le temperature globali e a liberare gas nocivi. Se vogliamo sopravvivere, l’unica alternativa è ripristinare il carbonio nella sua impronta originaria nel suolo.
Il problema di accumulo di biossido di carbonio o anidride carbonica dell’atmosfera e il cambiamento climatico secondo Kittredge può essere risolto attraverso l’estrazione del carbonio dell’atmosfera e il suo ripristino nel suolo.
Esisterebbero reali vantaggi per gli agricoltori e per i consumatori se facciamo crescere i nostri prodotti della terra in terreni ricchi di carbonio.
Gli agricoltori, i giardinieri, i proprietari di abitazione, gli agronomi possono seguire i principi fissati nel documento, e non solo perseguendo il ripristino di carbonio nel terreno, ma aiutando a ricostruire il grande sistema che madre natura ha messo in atto per rinnovare la nostra atmosfera, fornendo cibo, bellezza e salute per tutti noi .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here