Home Sostenibilità Crimini ambientali: proposta dall’Italia

Crimini ambientali: proposta dall’Italia

244
0
CONDIVIDI

L’Icef sta facendo pressione sul governo affinché, durante i lavori di Rio+20, venga proposta la creazione di un’agenzia mondiale per l’Ambiente e una Corte Internazionale che intervenga sui crimini ambientali, e anche sulle lacune e inadempienze dei singoli stati.
I dettagli del progetto, sono stati esposti al convegno ”Il ruolo dell’Italia per Rio+20”, organizzato a Roma dalla stessa fondazione e patrocinato da Roma Capitale e dai ministeri degli Affari esteri e dell’Ambiente.
Quest’iniziativa proposta dall’Italia, è rivoluzionaria, e sarebbe anche un grandissimo orgoglio per l’impegno che ci si prefigge per l’Ambiente, un notevole passo avanti.
“Con tutta probabilità – spiega Amedeo Postiglione, direttore dell’Icef e presidente onorario aggiunto della Corte di Cassazione – dopo Rio de Janeiro(dal 20 al 22 Giugno) l’Unep (il programma delle Nazioni unite per l’ambiente) si trasformerà in qualcosa che potremmo chiamare Onue, dove la ‘E’ sta per environment, un’agenzia Onu per l’ambiente con poteri e rappresentanza adeguati”.

È da quasi otto anni che la fondazione lavora seriamente a quest’obiettivo, in un percorso che ha visto protagonista anche l’europarlamentare italiano Vittorio Prodi e che è culminato in una risoluzione legislativa approvata dal Parlamento europeo il 29 settembre 2011.

“La realtà economica – spiega ancora Postiglione – al momento è ancora più forte di quella ambientale. Società e istituzioni sono fortemente condizionate da parte di potentati economici, multinazionali e finanza internazionale, e molti Stati sull’argomento sono negligenti. Tutti si affliggono per i disastri ambientali, ma a che serve affliggersi solamente? Quando il disastro ha una rilevanza che va oltre la giurisdizione nazionale dei singoli Paesi incontra un vuoto normativo, che è possibile e doveroso venga occupato da una Corte internazionale dell’ambiente”.

La Fondazione Icef ha organizzato l’incontro in Campidoglio proprio in vista della conferenza Onu in programma a Rio de Janeiro, affrontando un tema che diventa ogni giorno più attuale con oltre trenta relazioni, interventi di rappresentanti istituzionali italiani e dell’Unione europea, economisti, climatologi, magistrati, filosofi, rappresentanti delle associazioni ambientaliste e delle principali sigle impegnate nellagreen economy.

“Il nostro obiettivo – continua Postiglione – è quello di far esprimere ad autorevoli esponenti delle istituzioni nazionali e locali la loro opinione sull’argomento, così da costruire una ‘massa critica’ che faccia pressione sul governo italiano in vista dei lavori di Rio. Esistono emergenze che i singoli Paesi non posso affrontare da soli, e l’ambiente è una di queste. Per questo c’è la necessità di creare meccanismi permanenti e specifici, sia di tipo amministrativo che giudiziario”.

“Si potrebbe pensare – continua Tarfusser – a un’Agenzia internazionale dell’ambiente, che però sarebbe comunque un’autorità politica e forse risulterebbe inefficace. Una Corte internazionale sul modello della Corte di giustizia dell’Onu rischia di essere inutile perché sarebbe comunque una Corte di Stati. Creare una Corte penale ambientale europea avrebbe senso solo se fosse un traino per altre iniziative analoghe. Ecco che quindi la via migliore potrebbe essere quella di emendare lo statuto dell’attuale Corte penale internazionale, estendendo le sue competenze ai crimini ambientali”.

Nonostante i suoi limiti, quest’ultima ipotesi, secondo Tarfusser, potrebbe garantire numerosi vantaggi: “Si sfrutterebbe una struttura già esistente, funzionante e dotata di una solida base giuridica. E che dispone inoltre di una competenza teorica e pratica consolidata sui crimini contro l’umanità, nonostante il concetto di crimine ambientale mondiale sia ancora tutto da scrivere”.

La Corte Internazionale per l’Ambiente non dovrà però servire solo a sanzionare i crimini ambientali. ”Ci sono più di mille convenzioni internazionali, obblighi assunti dagli Stati e che gli Stati devono essere costretti a osservare con la forza della legge”, ha spiegato Postiglione. ”Serve una Corte che applichi il diritto internazionale e che intervenga sulle inadempienze”.

L’Icef è una ong riconosciuta a livello internazionale accreditata sia con le Nazioni Unite (Ecosoc e la Fao) che con il Consiglio d’Europa, è stata registrata ufficialmente a Roma come una fondazione senza scopo di lucro il 22 maggio 1992. Nel corso di questi vent’anni, che vanno dal Summit della Terra (la prima conferenza globale sull’Ambiente) al prossimo Rio +20, è stata una delle protagoniste del dibattito ecologista italiano e internazionale, collaborando con l’Unep, la Fao, l’Unesco, il Consiglio d’Europa e l’Unione europea con studi, ricerche e progetti operativi per contrastare i cambiamenti climatici e la desertificazione, tutelare la biodiversità, salvaguardare la flora e la fauna marina, selvatica e preservare il paesaggio.

Speriamo che con Rio+20 ci sia una svolta per la salvaguardia della terra, degli ambienti, della salute….ce lo auguriamo..

 

Gino Favola

 

Fonte”larepubblica”