cop 26 deforestazione italy

Cop26: ecco il piano globale per invertire il fenomeno della deforestazione

Il governo del Regno Unito sta spingendo per un accordo ambizioso tra i leader mondiali al Cop26 per fermare e invertire la perdita e il degrado delle foreste.

Ai grandi produttori e consumatori di materie prime legate alla deforestazione, come soia, cacao, caffè e olio di palma, è stato chiesto di impegnarsi a fermare il disboscamento, la seconda fonte di emissioni antropiche di gas serra. Una coalizione di leader mondiali dovrebbe annunciare l’iniziativa durante il vertice sul clima a Glasgow insieme a nuovi finanziamenti per proteggere le foreste.

Arrestare il catastrofico declino della natura è un obiettivo chiave di Cop26, poiché la distruzione delle foreste del mondo è continuata a un ritmo incessante, con milioni di ettari tagliati ogni anno. 

Gli scienziati hanno avvertito che gran parte della foresta pluviale amazzonica potrebbe essere in procinto di spostarsi dalla foresta pluviale alla savana, un punto di svolta che in precedenza si pensava fosse lontano decenni. Nel 2020, il tasso di distruzione delle foreste del mondo è aumentato drasticamente, secondo i dati dell’Università del Maryland analizzati da  Global Forest Watch  .

Una fonte di Downing Street ha dichiarato al Guardian: “Cop26 pone grande enfasi sugli alberi: sono presenti in parti uguali di ‘carbone, automobili, contanti e alberi’ perché il primo ministro crede personalmente che proteggere la natura e la biodiversità debba essere un importante parte di come affrontiamo il cambiamento climatico. 

Oltre a ridurre le emissioni di carbonio da carbone e gas di scarico, le soluzioni basate sulla natura sono una priorità. Ecco perché Cop26 vede la presidenza del Regno Unito spingere per un forte accordo internazionale per fermare e invertire la deforestazione entro il 2030. ″

Completa l’accordo di Parigi

L’obiettivo di Cop26 è guidare il mondo al rispetto dell’accordo di Parigi del 2015, che obbliga i governi a limitare il riscaldamento globale a “ben al di sotto” dei 2°C, con l’aspirazione di restare entro una soglia di 1,5°C. Ma i padroni di casa del Regno Unito, dell’ONU e altre figure di spicco nei colloqui hanno ammesso che i tagli alle emissioni offerti dai paesi non saranno sufficienti per raggiungere l’obiettivo di 1,5 ° C e sperano in accordi sicuri su questioni come foreste, carbone, trasporti e altri settori.

Insieme all’impegno dei leader mondiali alla Cop26, si prevede che gli annunci di finanziamento fermino e rallentino la deforestazione da parte del settore pubblico e privato. Necessario includere nuovi finanziamenti per proteggere la foresta pluviale nel bacino del Congo, la seconda più grande al mondo, e un impegno complementare per proteggere le comunità indigene di tutto il mondo, considerate i migliori custodi del mondo naturale.

Questa settimana il ministro dell’Ambiente del Regno Unito Zac Goldsmith ha dichiarato a una commissione della Camera dei Lord che i paesi in via di sviluppo hanno urgente bisogno di nuovi finanziamenti per mantenere in piedi le loro foreste. “Sappiamo che dobbiamo aumentare in modo massiccio le finanze per la natura”, ha detto. 

“Ci sono alcuni paesi con una forte forestazione e una bassa deforestazione a cui siamo incredibilmente grati, ma non possiamo darlo per scontato, perché qualsiasi cambio di regime potrebbe facilmente cambiare quell’equazione. Fino a quando non troveremo un modo per rendere queste foreste vive, sane e respiranti di valore a breve termine per le popolazioni locali, le comunità locali e le economie locali, ci sarà sempre una spada di Damocle che pende su di esse. Quindi c’è una vera sfida”.

Separatamente, i governi britannico e indonesiano stanno supervisionando i colloqui per una tabella di marcia volontaria per ridurre la deforestazione causata dalle materie prime attraverso il dialogo su foreste, agricoltura e commercio di materie prime (i fatti). 

umbria biodiversità foreste

I paesi con più foreste, resistono

Un precedente accordo per porre fine alla deforestazione entro il 2030, noto come  Dichiarazione di New York sulle foreste  , è stato approvato dall’UE, dagli Stati Uniti e da nazioni boscose come Perù, Indonesia e Repubblica Democratica del Congo, insieme a dozzine di aziende, società civile, e organizzazioni.

Ma, cosa ancora più importante, molti paesi, tra cui India, Brasile, Malesia e Cina, non hanno appoggiato l’accordo, che potrebbe ridurre le emissioni di carbonio dell’equivalente di togliere dalla strada tutte le auto del mondo.

Il dialogo sui fatti include molti dei principali paesi consumatori e produttori di materie prime legati alla deforestazione, negoziando su quattro questioni separate per risolvere la deforestazione: trasparenza e tracciabilità, commercio e mercati, piccoli agricoltori, ricerca e innovazione. Il Guardian ha appreso che i ministri dei paesi coinvolti nel dialogo stanno ancora negoziando la tabella di marcia da pubblicare al Cop26.

Frances Seymour, esperta di foreste e governance presso il World Resources Institute, ha affermato che gli impegni della COP26 dovrebbero riflettere una maggiore ambizione, poiché diversi paesi avevano precedentemente fatto promesse di deforestazione che non avevano mantenuto.

“L’uso da parte del Regno Unito della presidenza della COP per evidenziare l’urgenza di porre fine alla deforestazione è benvenuto e necessario, tuttavia la proporzione di attenzione politica e finanziamento che le foreste ricevono rispetto al loro potenziale di mitigazione è ancora di circa un ordine di grandezza. E questo prima che vengano presi in considerazione gli impatti della perdita di foreste sulla produttività agricola e sulla salute pubblica, e sui diritti e sui mezzi di sussistenza delle comunità indigene e locali”, ha affermato.

“Eliminare la deforestazione dalle catene di approvvigionamento delle materie prime è una responsabilità condivisa tra paesi consumatori e paesi produttori, quindi è necessario un dialogo costruttivo per concordare chi dovrebbe fare cosa. Ma il dialogo non può essere una scusa per il ritardo o un sostituto dell’azione”.

I padroni di casa del Regno Unito saranno assistiti da altri paesi con un vivo interesse per le foreste e la natura, e il Principe di Galles, che ha una lunga esperienza nell’unire i paesi per combattere la deforestazione e la distruzione, e assisterà ad alcuni eventi relativi a Cop26. Si prevede che la conservazione, la biodiversità e la silvicoltura siano alcune delle sue principali aree di interesse.

Ridurre la deforestazione è essenziale

Yadvinder Malhi, professore di scienze degli ecosistemi all’Università di Oxford, ha affermato che rallentare i tassi di deforestazione è essenziale per affrontare le crisi climatiche e naturali, ma ha messo in guardia contro la corsa alla deforestazione zero.

“La produzione su larga scala di materie prime attraverso l’agrobusiness è il maggior contributore alla deforestazione e un accordo tra le principali nazioni e società produttrici e consumatrici potrebbe essere un punto di svolta… se l’attuazione e il buon governo”, ha affermato.

“Ma sono più scettico su un obiettivo di deforestazione rapida pari a zero. Lo zero è un numero carismatico, ma una parte significativa della deforestazione è disordinata e coinvolge questioni complesse relative ai mezzi di sussistenza locali, alla partecipazione della comunità e allo sviluppo. Spero che questo venga gestito con i diritti delle comunità locali in prima linea, qualcosa per cui una corsa decennale allo zero non è necessariamente l’approccio migliore”.

Simon Lewis, professore di scienza del cambiamento globale presso l’University College di Londra, ha dichiarato: “La pulizia delle catene di approvvigionamento è importante in quanto è uno scandalo che alcuni supermercati vendano carne e latticini prodotti da mangimi coltivati ​​su terreni recentemente deforestati. Ma alla fine, se la domanda di materie prime tropicali è elevata, è probabile che la terra venga disboscata per soddisfarla.

“La soluzione? I paesi dovrebbero adottare budget decrescenti per l’impronta agricola totale che utilizzano. Ciò ridurrebbe costantemente l’area globale di terreno agricolo necessaria per nutrire l’umanità, allentando così la pressione sulle foreste rimanenti del mondo”.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter