Home Ambiente La casa solare Made in Italy arriva in Cina: al via la...

La casa solare Made in Italy arriva in Cina: al via la costruzione

577
0
CONDIVIDI
casa solare

Le migliori menti esperte in design e architettura impegnate nella realizzazione di un progetto: la costruzione di una casa solare a basso impatto in grado di rispondere alle esigenze di una comunità che cambia.

È questo ciò che sta succedendo in Cina, dove un team del Politecnico di Torino sta dando vita a un edificio sostenibile, all’interno di un contest internazionale.

La casa solare Made in Italy della squadra SCUT-PoliTO

Prende il nome di SCUT-PoliTO la partnership tra il Politecnico di Torino e la South China University of Technology (SCUT) di Guangzhou, nata nel 2016 in occasione del contest internazionale Solar Decathlon China 2018.

Il contest è uno dei più importanti concorsi internazionali di architettura, riservato a team di Docenti e Studenti provenienti dalle principali scuole di architettura a livello mondiale.

La partecipazione del Politecnico di Torino

Il Solar Decathlon nasce in America, negli Stati Uniti. Oggi, conta altre 5 edizioni parallele, tenute in Africa, Cina, Europa, America Latina/Caraibi e Medio Oriente.

L’obiettivo del contest è la progettazione e costruzione di una casa solare monofamiliare innovativa.

Il Politecnico di Torino è impegnato nella partecipazione al contest internazionale Solar Decathlon China 2018, dal 2016.

Qui, vi partecipa con una squadra composta da 9 docenti e 17 studenti di architettura e ingegneria, che opera congiuntamente alla squadra di SCUT.

La casa solare progettata dagli italiani

Nella sua progettazione, il team italiano si è concentrato sulla creazione di una casa solare che consentisse di ridurre il consumo energetico, creando al tempo stesso un ambiente ospitale.

Il modello sviluppato dalla squadra SCUT-PoliTO prende il nome di LONG PLAN. Si tratta di una casa solare lunga e si fonda sul migliorare l’ambiente di vita della residenza lunga e stretta di vecchio stile.

È basata su una separazione razionale degli spazi, che nella loro combinazione riescono a creare un’area il quanto più libera, confortevole e flessibile possibile.

L’8 aprile scorso, dopo che è stata conclusa la fase di progettazione prevista dal contest, il team ha avviato a Guangzhou, la costruzione preliminare dell’edificio.

Leggi anche:Edilizia sostenibile: la casa di cartone riciclato alimentata solo con pannelli solari

I prossimi passi del contest

Le prossime attività per il team torinese saranno: il completamento dell’edificio in versione provvisoria, la realizzazione dei test preliminari e l’esecuzione delle eventuali correzioni da fare.

Una volta completata, a luglio di quest’anno, la casa solare sarà smontata e trasportata a Dezhou, dove sarà riassemblata nella sua collocazione definitiva, in un’area dedicata all’esposizione finale.

Qui, la casa solare Made in Italy concorrerà con altri 21 progetti partecipanti. Al termine dell’evento, l’area espositiva si trasformerà in una sorta di quartiere modello.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here