Home Nuove Scoperte L’app che indica ai ciclisti il percorso con meno smog

L’app che indica ai ciclisti il percorso con meno smog

2086
0
CONDIVIDI

Un’app per gli appassionati di bici e dell’aria pulita che indica il percorso meno inquinato.

In questi ultimi anni sono state create innumerevoli app per smartphone, così tante che sembra impossibile riuscire ad orientarsi. Ce n’è praticamente una per ogni cosa: contro lo spreco di cibo, per verificare se ci siano pesticidi, per scegliere i rimedi naturali migliori.

L’ultima che potrebbe far gola agli amanti della sostenibilità è un’app nata in Canada e utile agli appassionati di bicicletta.

Si chiama Clean Ride Mapper ed è il frutto del lavoro dei ricercatori della McGill University di Montreal. Il suo scopo è fornire ai ciclisti uno strumento per ridurre al minimo l’esposizione all’inquinamento atmosferico.

Una mappa interattiva online, in pratica, che segnala il tragitto più sicuro e “pulito”, quello “con la minor quantità di biossido di azoto (NO2) e di particolato ultrafine (UFP)” nell’aria, generati da processi di combustione come per i gas di scarico delle automobili.

I ciclisti indicano sulla mappa interattiva il punto di partenza e quello di arrivo. Il sistema, oltre al percorso più breve, calcola due percorsi paralleli, assegnando il colore verde a quello più pulito. I luoghi che, al momento, possono usufruire di questo servizio sono Toronto e Montreal.




Per il primo, sono disponibili bollini colorati, dal rosso al verde, che indicano la pericolosità del percorso. Inoltre, è possibile visualizzare sulla mappa le piste ciclabili a disposizione.

La mappa di Toronto – si legge sul portale – è il risultato di un monitoraggio dell’inquinamento e di variabili, come il territorio, la densità di popolazione e gli edifici, raccolti in una griglia. La mappa di Montreal si basa su dati della McGill University. Con un modello di regressione sono state correlate le concentrazioni di UFP e di NO2 con le altre variabili.

I percorsi sono calcolati con il modulo ArcMap utilizzando l’algoritmo di Dijkstra che individua i “cammini minimi” (percorso che collega due vertici e minimizza la somma dei costi associati all’attraversamento di ciascun lato). Per il percorso più pulito, il costo associato a ciascun segmento è l’esposizione cumulativa degli inquinanti lungo il segmento.

(Foto)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here