Home Green Economy 100 mln tonnellate Co2 risparmiate in 12 anni

100 mln tonnellate Co2 risparmiate in 12 anni

233
0
CONDIVIDI

Se pensiamo che la Svizzera produce 50 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, come densità di popolazione e come grandezza del territorio, ecco raddoppiamo questo importo e ne emerge la quantità che è stata risparmiata in 12 anni  da tutte le aziende virtuose che hanno aderito al programma Climate Savers del WWF, entro il 2020 si arriverà al oltre 350 milioni di tonnellate risparmiate, l’equivalente delle emissioni annue prodotte dalla Spagna.

I dati, dello studio “The Carbon Impact of WWF’s Climate Savers Programme“, sono stati diffusi in occasione dell’evento ‘Next – Leading business into a low-carbon future’, che si svolge il 9 maggio a Rotterdam, in Olanda, per incoraggiare le attuali aziende Climate Savers e altre imprese a incrementare ulteriormente gli sforzi contro il riscaldamento globale. Secondo l’analisi Ecofys, se altre grandi aziende decidessero di seguire l’esempio delle aziende del Climate Savers, anche solo nei 16 settori industriali in cui il programma è attivo, potrebbero essere evitate tra i 500 e i 1000 milioni di tonnellate di emissioni ogni anno fino al 2020.

Secondo Ecofys queste riduzioni possono contribuire fino al 9% alla soluzione di quello che l’Unep chiama l”emissions gap’, ovvero la differenza tra le emissioni di gas a effetto serra in aumento e ciò che è necessario ridurre per mettere il mondo su un percorso che limiti l’aumento medio della temperatura globale al di sotto dei 2 gradi Celsius rispetto all’epoca preindustriale ed eviti i cambiamenti climatici catastrofici.

In Italia la prima ‘azienda Climate Savers’ e’ il Gruppo Sofidel, noto con il marchio ‘Regina’ e secondo produttore in Europa di carta per uso igienico e domestico, che ha aderito al programma internazionale Wwf nel 2008 impegnandosi a ridurre le emissioni di Co2 del 26% entro il 2020 (rispetto ai livelli del 2007).

Per raggiungere l’obiettivo fissato, Sofidel ha investito ad oggi più di 18 milioni di euro. Gli interventi sono andati dall’incremento dell’utilizzo delle fonti rinnovabili, al miglioramento dell’efficienza di impianti e attrezzature, all’investimento in impianti di cogenerazione.

Attualmente sono 27 le aziende che aderiscono al programma Wwf Climate Savers, tra cui: Hp, Ibm, Johnson & Johnson, Kpn, National Geographic, Alpro, Arjowiggins Graphic. E ancora: Nokia Siemens Networks, Novo Nordisk, Sofidel (unica azienda italiana), Sony. Nell’analisi sono inclusi anche gli impegni di ex membri del programma: Nokia, Polaroid, Spitsbergen.

 

 

Gino Favola

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here