Home Ambiente Smaltimento dei rifiuti: gli italiani pagano troppo un servizio mal gestito

Smaltimento dei rifiuti: gli italiani pagano troppo un servizio mal gestito

1302
0
CONDIVIDI
Lo smaltimento dei rifiuti in Italia costa troppo, pur essendo mal gestito e obsoleto

 

Lo smaltimento dei rifiuti in Italia è inefficiente e obsoleto. Malgrado le risorse stanziate, mancano ancora gli impianti. E gli italiani pagano per un servizio di raccolta differenziata che non decolla.

Malgrado i costi per tutti gli italiani, i servizi di smaltimento dei rifiuti nel nostro Paese faticano a trovare soluzioni adeguate. La raccolta differenziata costa troppo ai cittadini, quando dovrebbe essere per loro una risorsa. Le discariche sono troppe e sono gestite male. Gli impianti necessari non vengono costruiti.

È questo il quadro descritto da Helmut Maurer, membro della Commissione Europea Ambiente, in occasione del Forum internazionale sui rifiuti Polieco, a Ischia.

L’Italia ha troppe discariche mal gestite o non gestite assolutamente”, ha dichiarato durante il suo intervento. “È assurdo che le famiglie italiane paghino in media 1.200 euro per la raccolta differenziata”, quando poi la situazione complessiva dello smaltimento dei rifiuti è così disastrosa. E aggiunge: “Il servizio del riciclo dei rifiuti non dovrebbe essere pagato, i cittadini dovrebbero potersene avvalere”. Fare la differenziata dovrebbe essere un modo per accumulare risorse, non un costo per il cittadino. Cittadino che, malgrado le bollette, si ritrova ancora con sistemi di gestione superati e poco adatti.

Maurer ha fornito anche la sua ricetta: “Meno discariche e più riciclo. Bisogna adottare logiche produttive diverse, con prodotti che non diventino solo rifiuti, ma che anzi siano assolutamente recuperabili”. Non è solo un problema di costi, ne va della salute del nostro ambiente. “È una scelta dalla quale non si può prescindere se si vuole salvare l’equilibrio dell’ecosistema messo seriamente a rischio”.




Ecoballe ed ecoreati

Il funzionario europeo si è anche soffermato sullo smaltimento delle ecoballe della Campania. Una “emergenza” che dura ormai da anni e che di recente è stata al centro di un aspro confronto internazionale. Maurer sottolinea che si tratta di “un problema esclusivamente italiano”. È grave, prosegue, “che uno Stato membro dell’Europa, che dall’Europa ha anche ricevuto i fondi per la realizzazione degli impianti, smaltisca le ecoballe in Paesi che di certo non si distinguono per una corretta gestione dei rifiuti, come ad esempio la Romania”.

All’evento è intervenuto anche Catello Maresca, magistrato della Dda di Napoli, che ha fatto il punto sulla gestione criminale dello smaltimento dei rifiuti operata dalle organizzazioni mafiose. “Oggi”, ha sottolineato, “l’impresa mafiosa utilizza una violenza diversa data dal potere contrattuale fornito dalla liquidità economica e dalla capacità operativa in netta violazione delle regole e agli adempimenti burocratici”. Secondo il pm, risultati migliori nel contrasto alle ecomafie potrebbero essere raggiunti se esistesse un quadro normativo di riferimento chiaro e coerente. Anche se con la legge sugli ecoreati e sul sistema nazionale di tutela ambientale è stato fatto qualche passo in avanti, “dovrebbero essere implementati il controllo capillare sulle dichiarazioni fiscali delle aziende che si occupano di smaltimento per risalire ad eventuali illeciti nella gestione”.

Foto: Garry Knight on Flickr

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here