siccità estiva

Siccità estiva in Europa dal 2015 senza precedenti negli ultimi due millenni

Secondo un nuovo studio, la siccità estiva in Europa è molto più grave di qualsiasi altra cosa negli ultimi 2.100 anni.

Un team internazionale, guidato dall’Università di Cambridge, ha studiato le impronte chimiche nelle querce europee per ricostruire il clima estivo nell’arco di 2.110 anni. Hanno scoperto che dopo una tendenza all’essiccazione a lungo termine, le condizioni di siccità dal 2015 si sono improvvisamente intensificate, al di là di qualsiasi cosa negli ultimi duemila anni.

Questa anomalia è probabilmente il risultato del cambiamento climatico causato dall’uomo e dei cambiamenti associati nella corrente a getto. I risultati sono riportati sulla rivista Nature Geoscience .

La recente siccità estiva e le ondate di caldo in Europa hanno avuto conseguenze ecologiche ed economiche devastanti, che peggioreranno man mano che il clima globale continua a riscaldarsi.

Siccità estiva: “Siamo tutti consapevoli del cluster di estati eccezionalmente calde e secche che abbiamo avuto negli ultimi anni, ma avevamo bisogno di ricostruzioni precise delle condizioni storiche per vedere come questi recenti estremi si confrontano con gli anni precedenti”, ha detto il primo autore, il professor Ulf. Büntgen del Dipartimento di geografia di Cambridge, che è anche affiliato al CzechGlobe Center di Brno, Repubblica Ceca. “I nostri risultati mostrano che quello che abbiamo vissuto nelle ultime cinque estati è straordinario per l’Europa centrale, in termini di quanto sia stata secca consecutivamente”.

La maggior parte degli studi che tentano di ricostruire i climi passati sono limitati alla temperatura, ma gli isotopi stabili negli anelli degli alberi possono fornire informazioni risolte annualmente e assolutamente datate sui cambiamenti idroclimatici per lunghi periodi di tempo.

Büntgen e i suoi colleghi della Repubblica Ceca, della Germania e della Svizzera hanno studiato più di 27.000 misurazioni dei rapporti isotopici di carbonio e ossigeno da 147 querce europee vive e morte, coprendo un periodo di 2.110 anni. I campioni provenivano da resti archeologici, materiali subfossili, costruzioni storiche e alberi viventi di quella che oggi è la Repubblica Ceca e parti della Baviera sud-orientale.

“In generale, la nostra comprensione peggiora man mano che torniamo indietro nel tempo, poiché i set di dati che esaminano le condizioni di siccità passate sono rari”, ha detto Büntgen, specialista in dendrocronologia, lo studio dei dati dalla crescita degli anelli degli alberi. “Tuttavia, le intuizioni precedenti al Medioevo sono particolarmente vitali, perché ci consentono di ottenere un quadro più completo delle variazioni della siccità del passato, che erano essenziali per il funzionamento e la produttività degli ecosistemi e delle società”.

Per ogni anello in ogni albero, i ricercatori hanno estratto e analizzato gli isotopi del carbonio e dell’ossigeno in modo indipendente, consentendo loro di costruire il set di dati più ampio e dettagliato delle condizioni idroclimatiche estive nell’Europa centrale dall’epoca romana ad oggi.

“Questi isotopi stabili degli anelli degli alberi ci forniscono un archivio molto più accurato per ricostruire le condizioni idroclimatiche nelle aree temperate, dove gli studi convenzionali sugli anelli degli alberi spesso falliscono”, ha detto il coautore, il professor Jan Esper dell’Università di Mainz, in Germania.

“Mentre i valori di carbonio dipendono dall’attività fotosintetica, i valori di ossigeno sono influenzati dall’acqua di fonte. Insieme, sono strettamente correlati alle condizioni della stagione di crescita”, ha detto il coautore, il professor Paolo Cherubini del Federal Research Institute WSL di Birmensdorf, in Svizzera. .

Durante il periodo di 2.110 anni, i dati sugli isotopi degli anelli degli alberi hanno mostrato che c’erano estati molto umide, come 200, 720 e 1100 CE, ed estati molto secche, come 40, 590, 950 e 1510 CE. Nonostante questi “anni fuori dall’ordinario”, i risultati mostrano che negli ultimi due millenni l’Europa è andata lentamente diventando più secca.

I campioni del 2015-2018, tuttavia, mostrano che le condizioni di siccità nelle ultime estati superano di gran lunga qualsiasi cosa negli anni 2.110: “Abbiamo assistito a un forte calo dopo secoli di un lento e significativo declino, che è particolarmente allarmante per l’agricoltura e la silvicoltura, “ha detto il coautore Professor Mirek Trnka del CzechGlobe Research Center di Brno, Repubblica Ceca. “Un deperimento forestale senza precedenti in gran parte dell’Europa centrale conferma i nostri risultati”.

“Il cambiamento climatico non significa che diventerà più secco ovunque: alcuni luoghi potrebbero diventare più umidi o più freddi, ma le condizioni estreme diventeranno più frequenti, il che potrebbe essere devastante per l’agricoltura, gli ecosistemi e le società nel loro insieme”, ha detto Büntgen.

cambiamento climatico, siccità esitva


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto