satelliti in legno

Satelliti in legno per ridurre i detriti spaziali. Il progetto parte dal Giappone

Quando i satelliti smettono di funzionare, tipicamente ritornano nell’atmosfera terrestre e si disintegrano causando inquinamento. Il Giappone sta ora tentando di affrontare questo problema con i satelliti in legno che riducono le emissioni. 

È stato stimato che 990 satelliti saranno lanciati ogni anno in questo decennio e questo porterà a un problema inaspettato. I vecchi satelliti torneranno nell’atmosfera terrestre e inquineranno. I satelliti causeranno danni anche se non si disintegrano completamente. Al momento, 6.000 satelliti stanno girando intorno alla Terra, secondo il World Economic Forum (WEF), e il 60% di essi è in disuso.

La quantità crescente di satelliti porterà a una grande quantità di rifiuti che torneranno sulla Terra. Tuttavia, una squadra in Giappone sta progettando di affrontare la questione.

Satelliti in legno: il progetto del Giappone

Sumitomo Forestry e l’Università di Kyoto hanno avviato la ricerca di materiali in legno per i satelliti, con l’obiettivo di ridurre lo spreco di spazio. Si spera che i materiali in legno consentano ai satelliti di tornare sulla Terra senza rilasciare emissioni nocive o diventare detriti pericolosi.

Takao Doi, professore all’Università di Kyoto e astronauta giapponese, ha spiegato a BBC News cosa ha ispirato la ricerca e perché è importante:

Siamo molto preoccupati per il fatto che tutti i satelliti che rientrano nell’atmosfera terrestre bruciano e creano minuscole particelle di allumina che galleggeranno nell’atmosfera superiore per molti anni. Alla fine, influenzerà l’ambiente della Terra.

Andando avanti, i team di ricerca svilupperanno un modello ingegneristico del satellite prima di creare un modello di volo. Il modo esatto in cui il legno riuscirà a entrare nello spazio e la natura del materiale non è ancora chiara ed è stata descritta come un “segreto di ricerca e sviluppo”.

Molti saranno entusiasmanti vedere il legno che viene lanciato nello spazio e potrebbe portare a pratiche spaziali più sostenibili.

detriti spaziali, satelliti in legno


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.