riscaldamento globale

Riscaldamento globale: causa oltre un terzo delle morti per calore

Riscaldamento globale: Tra il 1991 e il 2018, l’attività umana ha contribuito al 37% di tutti i decessi dovuti al calore nelle località studiate.

La ricerca ha scoperto che più di un terzo di tutti i decessi legati al calore in tutto il mondo tra il 1991 e il 2018 può essere attribuito al riscaldamento globale indotto dall’uomo.

Il crollo climatico ha una serie di effetti che vanno dagli incendi alle condizioni meteorologiche estreme. Con l’aumento delle temperature, ondate di calore più intense e frequenti colpiscono in modo sproporzionato le persone anziane e le persone con condizioni croniche di base come l’asma, rendendole più vulnerabili alle malattie e alla morte prematura.

Uno studio , pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, ha utilizzato i dati di 732 località in 43 paesi per calcolare il numero di decessi attribuiti a livelli di calore superiori alla temperatura ideale per la salute umana, che varia da località a località.

I ricercatori hanno esaminato le condizioni meteorologiche del passato simulate in scenari con e senza emissioni innescate dall’attività umana, consentendo loro di separare il riscaldamento e il relativo impatto sulla salute legati all’attività umana dalle tendenze naturali.

Nel complesso, hanno scoperto che il 37% di tutti i decessi legati al calore nei luoghi studiati erano attribuibili all’attività umana, ma i maggiori contributi indotti dai cambiamenti climatici (oltre il 50%) erano nell’Asia meridionale e occidentale (Iran e Kuwait), nel sud- Asia orientale (Filippine e Thailandia) e Centro e Sud America.

Questi dati suggeriscono che gli effetti sulla salute del rapido riscaldamento si stanno già facendo sentire anche in queste fasi relativamente precoci di potenziali cambiamenti catastrofici nel clima, ha affermato l’autore senior dello studio, il professor Antonio Gasparrini della London School of Hygiene & Tropical Medicine.

“È una sorta di invito all’azione per prevenire o cercare di attenuare i potenziali effetti che, ovviamente, saranno molto più elevati in futuro finché il riscaldamento globale continuerà. Il messaggio principale è… non devi aspettare fino al 2050 per vedere un aumento dei decessi legati al caldo”.

Oltre alla morte, altri problemi di salute sono associati alle alte temperature, come i ricoveri ospedalieri provocati da complicazioni cardiovascolari o respiratorie. Questi problemi sono generalmente più frequenti e si aggiungono all’aumento dei costi sanitari, ha affermato l’autore principale, la dott.ssa Ana Vicedo-Cabrera dell’Università di Berna. “La mortalità… è solo la punta dell’iceberg”.

L’analisi non ha riguardato l’intero globo; per esempio, non c’erano abbastanza dati empirici da gran parte dell’Africa e dell’Asia meridionale per includerli.

Le conclusioni dello studio sono sia scientificamente solide che allarmanti, ha affermato la dott.ssa Clare Goodess, ricercatrice senior della scuola di scienze ambientali dell’Università dell’East Anglia.

“Ci dicono che le persone stanno già morendo in ogni continente a causa dell’aumento dello stress da calore causato dai cambiamenti climatici indotti dall’uomo. Ciò evidenzia l’imperativo di un’azione globale per ridurre le emissioni di gas serra. È più importante che mai che emergano accordi significativi dalla [conferenza sul clima delle Nazioni Unite] Cop26 a novembre”.

L’anno scorso, nonostante un calo del 7% nella combustione di combustibili fossili a causa del blocco del coronavirus, le temperature globali erano di 1,2°C superiori ai livelli preindustriali . Questo è scomodamente vicino all’obiettivo di 1,5°C fissato dalle nazioni del mondo, oltre il quale si pensa che anche mezzo grado peggiori significativamente i rischi di siccità, inondazioni, caldo estremo e povertà per centinaia di milioni di persone.

riscaldamento globale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto