Home Ambiente Le radici degli alberi europei stanno morendo di fame

Le radici degli alberi europei stanno morendo di fame

178
0
CONDIVIDI
radici degli alberi

Il sottile equilibrio che consente ai funghi di nutrire le radici degli alberi si sta rompendo: l’inquinamento sta affamando le piante europee

Le radici degli alberi europei potrebbero non ricevere i nutrienti essenziali per resistere a parassiti e malattie. È quanto emerso da un nuovo studio, dal titolo “Environment and host as large-scale controls of ectomycorrhizal fungi”, pubblicato su Nature da un team internazionale di ricercatori guidato dall’Imperial College London e dai Royal Botanic Gardens.

In un periodo di ben 10 anni, gli studiosi hanno esaminato ben 13.000 campioni di suolo prelevati da 20 paesi europei, concludendo che: «Molte comunità di funghi sono stressate dall’inquinamento, il che indica che i limiti attuali potrebbero non essere abbastanza rigorosi».

Funghi e radici degli alberi: l’equilibrio spezzato a causa dell’inquinamento

Piante e funghi, come i funghi micorrizici, vivono spesso una relazione simbiotica. Le radici degli alberi li ospitano, cedendo loro carbonio e ottenendo in cambio nutrienti essenziali per la propria sopravvivenza, come azoto, fosforo e potassio.

Senza questo scambio, gli alberi possono soffrire la fame. Una condizione di malnutrizione vissuta in questi ultimi anni da diverse piante europee, le cui foglie appaiono scolorite, malate.

Nel loro studio, i ricercatori avrebbero scoperto che esiste un’importante collegamento tra la qualità dell’aria e del suolo e la salute dei funghi micorrizici, che si occupano di nutrire le radici degli alberi.

Lo studio

Lo studio ha esaminato ben 40mila radici, provenienti da 13mila campioni di terreno, prelevati in 137 zone diverse appartenenti a 20 Paesi europei. Un lavoro enorme volto a indagare, tra le altre cose, la tolleranza delle comunità micorriziche all’inquinamento.

L’esigenza di questa ricerca è dovuta, in parte, alla preoccupante tendenza alla malnutrizione degli alberi in tutta Europa. Una condizione che rende le foreste vulnerabili a parassiti, malattie e cambiamenti climatici. Per poter venire a capo di questa situazione, gli studiosi hanno deciso di indagare i processi più nascosti della natura, quelli che avvengono sotto il terreno, ai piedi delle radici degli alberi.

La prima importante intuizione che i ricercatori hanno avuto dalle loro indagini è che i limiti europei ad alcuni elementi inquinanti dovrebbero essere molto più severi di quelli attuali.

I ricercatori dell’Imperial College London spiegano: «I minerali come l’azoto e il fosforo sono essenziali per la vita, ma in concentrazioni abbastanza elevate possono essere dannosi, agendo come sostanze inquinanti piuttosto che come sostanze nutritive. Il nuovo studio ha scoperto le “soglie” di questi elementi: concentrazioni al di sopra delle quali la comunità delle micorrize cambia».

Questi cambiamenti nell’ecosistema possono influire negativamente sulla salute dell’albero. Ad esempio, potrebbero portare a micorrize più “parassite”, capaci di assorbire il carbonio ma di fornire in cambio poche sostanze nutritive alle radici degli alberi.

L’importanza di monitorare l’inquinamento e la salute dei funghi

Dallo studio è emersa una forte specializzazione delle micorrize, capaci di associarsi solo a determinati tipi di alberi. Tuttavia, è proprio questa specializzazione che rende i funghi meno adattabili a condizioni mutevoli.

Secondo Laura M Suz, responsabile Comparative plant and fungal Biology ai Royal Botanic Gardens, tra gli autori dello studio: «Le soglie scoperte in questo studio dovrebbero influire sul modo in cui gestiamo le nostre foreste. D’ora in poi, con questa ricchezza di nuove informazioni, possiamo ottenere una visione più ampia dei funghi e foreste in tutto il continente e progettare nuovi sistemi di monitoraggio fungini, utilizzando questo studio come la prima underground baseline per testare direttamente i driver di un cambiamento su larga scala».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.