petizione sulla plastica

Studentessa di 9 anni promuove una petizione sulla plastica ottenendo 70.000 firme in meno di una settimana nel Regno Unito

Petizione sulla plastica creata da una bambina di 9 anni. Dopo aver studiato come le microplastiche danneggiano gli oceani, la studentessa Lizzie vuole che il governo smetta di inviare rifiuti ai paesi in via di sviluppo.

Una petizione di una studentessa di nove anni che chiede a Boris Johnson di interrompere le spedizioni di rifiuti di plastica verso i paesi in via di sviluppo ha ricevuto più di 70.000 firme in meno di una settimana, nel Regno Unito.

Lizzie A., che sta studiando l’inquinamento da plastica, ha detto di aver avviato la petizione perché inviare i rifiuti di plastica indifferenziati della Gran Bretagna alle nazioni più povere è “ingiusto” e sbagliato. Ha agito la scorsa settimana dopo che sua madre, Esther, le ha mostrato un pezzo della serie Guardian’s Seascape , rivelando che il Regno Unito continuerà a spedire rifiuti di plastica nei paesi in via di sviluppo nonostante il divieto dell’UE di praticare da questo mese.

petizione plastica

Lizzie, che vuole diventare una biologa marina o un’ecologa, ha detto: “A scuola, abbiamo imparato come la plastica danneggia l’ambiente e cosa le accade nel corso di molti anni. Si scompone in microplastiche e danneggiano la vita marina. Sono appassionata dell’oceano e sono rimasta sconvolta dal modo in cui la plastica finisce nell’oceano a causa delle esportazioni “.

I rifiuti che non possono essere riciclati di solito finiscono per essere bruciati o scaricati illegalmente in discariche o corsi d’acqua, da dove trovano la loro strada nell’oceano.

È rimasta particolarmente turbata, ha detto, dopo aver appreso che la pratica continuerà, anche se con nuove normative, nonostante un manifesto del partito Tory prometta di fermare la spedizione di rifiuti di plastica indifferenziati verso paesi non OCSE.

“Sono rimasta molto sorpresa di come Boris Johnson ha fatto una promessa e non ha fatto quello che ha detto”, ha detto. “Siamo davvero pigri nel non trattare da soli la nostra plastica. È una grande quantità di plastica. Sono 300 tonnellate di plastica ogni giorno. Quando lo inviamo a comunità che non riescono a gestirlo, lo bruciano e gran parte del fumo si alza nell’aria e questo può danneggiare le persone “.

Sua madre, Esther, un’ex insegnante del Devon, ha detto che Lizzie controlla quotidianamente i progressi della petizione. Inizialmente ha cercato di registrare la sua petizione sul sito web del parlamento britannico, dove la ricezione di più di 10.000 firmatari richiede una risposta del governo, ma è stata respinta a causa di una petizione duplicata già sul sito. Lizzie sta scrivendo una lettera al suo parlamentare, il conservatore Simon Jupp, dell’East Devon, per chiedere se può aiutare a persuadere il governo che deve agire più rapidamente per onorare la sua promessa elettorale.

“Se il parlamento si rende conto che le persone pensano con passione alla plastica non esportata, Boris Johnson potrebbe vietarla più rapidamente”, ha detto Lizzie.

Un portavoce di Change.org, la piattaforma della petizione, ha affermato che il successo della petizione di Lizzie è stato un valore anomalo durante la pandemia di coronavirus.

 “Raggiungere 72.000 firme in meno di una settimana è piuttosto rapido”, ha detto il portavoce. “Abbiamo visto petizioni in rapida evoluzione relative al coronavirus, ma vedere una petizione crescere così velocemente sull’inquinamento da plastica è un segnale chiaro e reale che le persone si preoccupano di questo problema”.

inquinamento, microplastiche, plastica


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto