lago di paretide

L’Oceano Paretide: Nascita e morte del lago più grande del mondo

Quando le placche continentali si scontrarono circa 12 milioni di anni fa, non solo sollevarono nuove montagne nell’Europa centrale, ma crearono il lago più grande che il mondo abbia mai conosciuto. Questo vasto specchio d’acqua, il Mare di Paratetide, ha ospitato specie che non si trovano da nessun’altra parte, comprese le balene più piccole del mondo. Due nuovi studi rivelano come il mare ha preso forma e come i cambiamenti circostanti hanno contribuito a dare origine a elefanti, giraffe e altri grandi mammiferi che oggi vagano per il pianeta.

Per costruire quella linea temporale, il paleooceanografo Dan Palcu dell’Università di São Paulo e i suoi colleghi del campus principale hanno raccolto indizi da reperti geologici e fossili. Nella sua massima estensione, l’antico mare si estendeva dalle Alpi orientali in quello che oggi è il Kazakistan, coprendo più di 2,8 milioni di chilometri quadrati. Questa è un’area più grande dell’odierno Mar Mediterraneo, notano questa settimana in Scientific Reports . Le loro analisi stimano inoltre che il lago un tempo contenesse più di 1,77 milioni di chilometri cubi di acqua, più di 10 volte il volume trovato in tutti i laghi di acqua dolce e salata di oggi messi insieme.

Ma i cambiamenti climatici hanno causato una drastica riduzione del lago almeno quattro volte nella sua vita di 5 milioni di anni, con livelli dell’acqua che sono scesi di ben 250 metri tra 7,65 milioni e 7,9 milioni di anni fa. Durante il più grande episodio di contrazione, il lago ha perso fino a un terzo della sua acqua e più di due terzi della sua superficie.

Questi cambiamenti hanno spazzato via molte specie acquatiche, comprese numerose specie di alghe unicellulari e altri piccoli organismi fluttuanti, riferiscono i ricercatori. Le creature che potrebbero sopravvivere all’acqua salmastra, inclusi alcuni molluschi, sono sopravvissute per ripopolare il lago quando si è espanso durante i periodi più umidi, dice Palcu.

Il Paratethys divenne presto la dimora di un’ampia varietà di molluschi, crostacei e mammiferi marini che non si trovano da nessun’altra parte sulla Terra. Molte delle balene, delfini e foche che vivevano lì erano versioni in miniatura di quelle trovate in mare aperto, afferma il biologo evoluzionista Pavel Gol’din dell’Accademia nazionale delle scienze dell’Istituto di zoologia di Schmalhausen.

Una specie, il Cetotherium riabinini, lungo 3 metri, 1 metro più corto dell’odierno delfino tursiope, è la più piccola balena mai trovato nei reperti fossili. Tale nanismo potrebbe aver aiutato questi animali ad adattarsi a una Paratetide che si restringe, dice Gol’din.

I cambiamenti climatici che hanno innescato il restringimento del lago hanno influenzato anche l’evoluzione degli animali terrestri, afferma la biologa evoluzionista Madelaine Böhme dell’Università di Tubinga. Quando i livelli dell’acqua sono scesi, le coste appena esposte sono diventate praterie e punti caldi per l’evoluzione, osserva.

Il mare di Paratethys ospitava molte specie che non si trovano da nessun’altra parte, tra cui Cetotherium riabinini (raffigurato con l’uomo per la scala), la più piccola balena conosciuta nei reperti fossili. PAVEL GOLDIN; LENA GODLEVSKA/WIKIMEDIA COMMONS

Recentemente, Böhme e i suoi colleghi si sono concentrati sulla documentazione geologica nell’Iran occidentale, dove i sedimenti raccontano ripetuti cambiamenti climatici a lungo termine. I reperti fossili mostrano che nelle aree a nord della Paratetide, gli antenati delle odierne pecore e capre vagavano fianco a fianco con le antilopi primitive. E in quello che oggi è l’Iran occidentale, a sud del lago, prosperavano i progenitori delle giraffe e degli elefanti di oggi.

Quattro lunghi periodi di siccità che si sono verificati tra 6,25 milioni e 8,75 milioni di anni fa probabilmente hanno spinto quelle creature a migrare verso sud-ovest in Africa , Böhme e i suoi colleghi hanno riportato il mese scorso su Communications Earth & Environment . Qui si sono evoluti per produrre la diversità di creature per cui è famosa l’odierna savana africana.

Il Paratethys era destinato a una fine più triste. Ha cessato di esistere tra 6,7 ​​milioni e 6,9 ​​milioni di anni fa, quando l’erosione ha creato uno sbocco sul bordo sud-occidentale del lago. Questo sbocco, che è probabilmente ora sommerso dal Mar Egeo, ha dato vita a un breve fiume che alla fine ha trovato la sua strada verso il Mediterraneo. Ma l’enorme lago ha avuto un ultimo evviva, dice Palcu: L’acqua che ne defluiva probabilmente ha scolpito “un’impressionante cascata” mentre scorreva verso il mare.

fonte: https://www.sciencemag.org/


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto