Nuova Zelanda: fiumi inquinati, laghi degradati e grave estinzione di animali

Ambiente Aotearoa è il primo importante rapporto ambientale della Nuova Zelanda, che è stato compilato dalle Statistiche della Nuova Zelanda e dal Ministero dell’ambiente, degli ultimi 4 anni, a partire dal 2015.

La Nuova Zelanda, nota per la sua bellezza straordinaria, è stata dipinta da questo rapporto in modo desolante, una catastrofica perdita della biodiversità,  vie d’acqua inquinate, aumento distruttivo dell’industria lattiero-casearia ed espansione urbana smisurata.

La Nuova Zelanda rientra in uno dei paesi più invasi del mondo

I numeri nel rapporto Ambiente Aoteaoroa 2019 sono molto preoccupanti. Quasi 4.000 specie native della Nuova Zelanda sono attualmente minacciate o a rischio di estinzione. Gli ecosistemi marini , di acqua dolce e di terra hanno entrambi delle specie a rischio: il 90 per cento degli uccelli marini, il 76 per cento dei pesci d’acqua dolce, l’84 per cento dei rettili e il 46 per cento delle piante sono attualmente in pericolo o sull’orlo dell’estinzione, secondo il rapporto. Negli ultimi 10 anni solo 26 specie sono migliorate. Lo scenario è apocalittico se pensiamo che solo il 20% delle specie presenti è stato identificato e registrato, quindi non osiamo immaginare l’ulteriore perdita non quantificabile avvenuta.

Le analisi delle acque sotterranee sono pessime, sono stati bocciati il 59% dei pozzi a causa della presenza di E coli , e il 13% dei pozzi a causa dei nitrati. Circa il 57% dei laghi monitorati registrava scarsa qualità dell’acqua e il 76% dei pesci d’acqua dolce nativi sono a rischio o minacciati di estinzione. Un terzo degli insetti d’acqua dolce è anche in pericolo di estinzione.

Il peggioramento delle acque dolci è da attribuire all’uso intensivo di fertilizzanti, pesticidi e allevamento intensivo.

Il condirettore del partito Green James Shaw, che è anche il ministro per i cambiamenti climatici, ha detto che “Tutti i problemi in questo rapporto sono peggiorati dai cambiamenti climatici ed è per questo che questo governo è così determinato a intraprendere azioni forti”.

Prosegue poi: “L’introduzione della legislazione sui cambiamenti climatici, l’istituzione di una commissione indipendente sui cambiamenti climatici per guidare la riduzione delle emissioni e la giusta transizione verso un’economia a basse emissioni sono fondamentali”.

Articoli correlati

biodiversità, Nuova Zelanda


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter