clima

Misteriosi fossili magnetici rivelano indizi sul clima del passato

Clima: Esistono fossili, trovati in antichi sedimenti marini e costituiti da poche nanoparticelle magnetiche, che possono dirci molto sul clima del passato, in particolare episodi di repentino riscaldamento globale. 

I ricercatori, tra cui la studentessa di dottorato Courtney Wagner e il professore associato Peter Lippert dell’Università dello Utah, hanno trovato un modo per raccogliere le preziose informazioni in quei fossili senza dover frantumare gli scarsi campioni in una polvere fine. 

I loro risultati sono pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences .

Il nome “magnetofossile” può far venire in mente immagini degli X-Men, ma la realtà è che i magnetofossili sono microscopici fossili di ferro batterico. Alcuni batteri producono particelle magnetiche di 1/1000 della larghezza di un capello che, quando assemblate in una catena all’interno della cellula, agiscono come una bussola su scala nanometrica. 

Durante alcuni periodi del passato della Terra, all’inizio e alla metà dell’epoca dell’Eocene da 56 a 34 milioni di anni fa, alcuni di questi magneti prodotti biologicamente sono cresciuti fino a dimensioni “giganti”, circa 20 volte più grandi dei tipici magnetofossili, e in forme esotiche come aghi, fusi, punte di lancia e proiettili giganti. Poiché i batteri hanno usato il loro supersenso magnetico per trovare i loro livelli preferiti di nutrienti e ossigeno nell’acqua dell’oceano , e poiché i magneti fossili giganti sono associati a periodi di rapidi cambiamenti climatici e temperatura globale elevata, possono dirci molto sulle condizioni del oceano durante quel rapido riscaldamento, e soprattutto come quelle condizioni sono cambiate nel tempo.

In precedenza, l’estrazione e l’analisi di questi fossili richiedevano la frantumazione dei campioni in una polvere fine per l’imaging al microscopio elettronico. “Il processo di estrazione può richiedere molto tempo e senza successo, la microscopia elettronica può essere costosa e la distruzione dei campioni significa che non sono più utili per la maggior parte degli altri esperimenti”, afferma Wagner. “La raccolta e la conservazione di questi campioni richiedono personale specializzato, attrezzature e pianificazione, quindi vogliamo conservare quanto più materiale possibile per ulteriori studi”.

Oltre a ciò, tuttavia, le informazioni contenute nei magnetofossili aiutano gli scienziati a capire come gli oceani hanno risposto ai cambiamenti climatici del passato e come il nostro oceano attuale potrebbe rispondere al riscaldamento in corso.

cambiamento climatico, clima


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto