microplastiche inquinanti

Microplastiche inquinanti: gli scienziati trovano il modo per rimuoverle grazie ai batteri

I microbiologi hanno escogitato un modo sostenibile per rimuovere le microplastiche inquinanti dall’ambiente e vogliono utilizzare i batteri per svolgere il lavoro.

I batteri tendono naturalmente a raggrupparsi e ad attaccarsi alle superfici, e questo crea una sostanza adesiva chiamata “biofilm” – la vediamo ogni mattina quando ci laviamo i denti e ci liberiamo della placca dentale, per esempio. I ricercatori dell’Università Politecnica di Hong Kong (PolyU) vogliono utilizzare questa proprietà di batteri appiccicosi e creare reti di microbi simili a nastri in grado di catturare le microplastiche nell’acqua inquinata per formare un blob facilmente usa e getta e riciclabile.

Leggi anche ——>Come riconoscere tra fondotinta, rossetti, ombretti e mascara, quelli che contengono microplastiche

Sebbene questi risultati, presentati mercoledì alla conferenza annuale della Microbiology Society , siano ancora preliminari, questa invenzione potrebbe aprire la strada per abbassare in modo sostenibile i livelli di inquinamento da plastica a lungo termine semplicemente utilizzando qualcosa che si trova in natura.

“È imperativo sviluppare soluzioni efficaci che intrappolino, raccolgano e persino riciclino queste microplastiche per fermare la ‘plastificazione’ dei nostri ambienti naturali”, ha affermato Sylvia Lang Liu , ricercatrice di microbiologia presso PolyU e ricercatrice principale di questo progetto.

Leggi anche—–>Nuovo studio: i biberon rilasciano milioni di particelle microplastiche

Le microplastiche inquinanti sono i frammenti di plastica, solitamente più piccoli di 5 mm, che vengono rilasciati accidentalmente nell’ambiente durante la produzione e la rottura, ad esempio, di sacchetti della spesa o bottiglie d’acqua o durante le attività quotidiane come il lavaggio di indumenti sintetici come il nylon o l’uso di prodotti per la cura personale con microsfere di lavaggio in esse.

Sebbene siano minuscoli, il rischio che rappresentano per l’ambiente è enorme. Le microplastiche non sono facilmente biodegradabili, quindi rimangono per lunghi periodi di tempo e assorbono e accumulano anche sostanze chimiche tossiche. Si disperdono nelle acque reflue e negli oceani, mettendo in pericolo gli animali marini che finiscono per mangiarli e alla fine si riversano nella catena alimentare e danneggiano anche la salute umana. Le microplastiche sono state trovate in più di 114 specie acquatiche nel 2018, secondo l’ Organizzazione marittima internazionale , e sono state trovate in sale, lattuga, mele e altro.

Leggi anche—->Microplastiche sul Monte Everest a 8.000 metri di altezza

Tuttavia, non esistono modi sostenibili e adatti a tutti per eliminare le microplastiche.

Con questa ricerca, il team di Liu ha progettato un biofilm batterico, da un batterio chiamato Pseudomonas aeruginosa , in grado di immobilizzare e incorporare microplastiche canaglia che galleggiano nell’acqua. Queste reti microbiche intrappolano e raggruppano le microplastiche e le fanno affondare sul fondo dell’acqua. Quindi, grazie a un “meccanismo di cattura-rilascio” che utilizza un gene di dispersione del biofilm, i ricercatori possono sbloccare le microplastiche dalle trappole batteriche e ritrovarsi con grandi quantità di microplastiche raccolte pronte per il riciclaggio.

“Questa è un’applicazione davvero innovativa ed entusiasmante dell’ingegneria dei biofilm per affrontare la crisi dell’inquinamento da plastica”, ha affermato la dott.ssa Joanna Sadler , ricercatrice presso l’Università di Edimburgo, che non è stata coinvolta in questo studio. “Una delle maggiori sfide nel trattare le microplastiche è catturare particelle così piccole in modo che possano essere degradate e rimosse dall’ambiente. Liu e colleghi hanno dimostrato un’elegante soluzione a questo problema, che ha un grande potenziale per essere ulteriormente sviluppato in una tecnologia di trattamento delle acque reflue del mondo reale “.

Leggi anche —>Plastica nell’Artico? Colpa del lavaggio dei vestiti

Tuttavia, l’esperimento è ancora preliminare: è stato condotto come prova di prova in un ambiente di laboratorio controllato e non nell’oceano o nelle fogne; ed è stato fatto utilizzando il ceppo di batteri “aeruginosa”, che è un batterio portatore di malattie per gli esseri umani e probabilmente non potrebbe essere utilizzato in progetti su larga scala. Ma i ricercatori sono fiduciosi che il metodo possa essere replicato per trovare batteri naturali che formano biofilm direttamente nelle fognature o in altri ambienti acquosi e partire da lì.

“In termini di cattura delle microplastiche inquinanti, è uno sviluppo interessante”, ha detto il dott. Nicholas Tucker , docente senior di microbiologia molecolare presso l’Università di Strathclyde, che non è stato coinvolto nello studio. “Sarà interessante vedere se è scalabile.” Secondo Tucker, saranno necessarie ulteriori ricerche sui tipi di superfici su cui far crescere il biofilm.

Tuttavia, ricerche come questa forniscono un buon esempio dei molti usi della biotecnologia microbica e delle grandi imprese che i piccoli batteri possono compiere. “In generale, questo dimostra che i microbi possono e giocheranno un ruolo in ogni fase del ciclo di vita della plastica”, ha detto Tucker.

microplastiche inquinanti


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto