metano

I valori di metano salgono al livello più alto mai registrato causa allevamenti intensivi

L’allevamento di bestiame e i combustibili fossili sono le principali cause di aumento del gas, che è 28 volte più potente della CO 2 per intrappolare il calore

L’agricoltura e i combustibili fossili hanno portato le emissioni globali del metano a effetto serra ai massimi livelli mai registrati, mettendo il mondo sulla buona strada per livelli di calore pericolosamente aumentati da 3 ° C a 4 ° C.

I risultati, pubblicati su Earth Science Data e Environmental Research Letters , mostrano che oltre la metà del metano nell’atmosfera proviene ora da fonti umane. Di questa quota, l’allevamento, l’agricoltura e le discariche rappresentano circa i due terzi, mentre l’industria dei combustibili fossili, composta da petrolio, gas e carbone, costituisce il resto.

Il metano è secondo solo all’anidride carbonica nel suo contributo al riscaldamento globale; il gas viene rilasciato in quantità molto più piccole ma è 28 volte più potente nell’intrappolare il calore nell’arco di 100 anni.

Nel 2017, l’anno più recente per il quale sono disponibili i dati, l’atmosfera del pianeta ha assorbito quasi 600 milioni di tonnellate di metano, in crescita del 9% rispetto ai primi anni del secolo quando le concentrazioni erano relativamente stabili.

Rob Jackson, professore alla School of Earth, Energy & Environmental Sciences della Stanford University , in California, presiede il Global Carbon Project e ha diretto uno dei lavori. Ha detto che le attività umane dalla rivoluzione industriale avevano aumentato la quantità di metano nell’atmosfera di 2,6 volte, rispetto a 1,7 volte per l’anidride carbonica.

Dato che il metano è più potente della CO 2 e ha una vita più breve nei suoi effetti sul clima, dovrebbe essere al centro degli sforzi per ridurre le emissioni, ha affermato Jackson.

“La CO 2 è ancora il primo della lista nella nostra lotta, ma il riscaldamento dal metano è il prossimo più importante. Agire in modo aggressivo sul metano può farci guadagnare tempo per affrontare la CO 2 e ridurre di mezzo grado la temperatura di picco “, ha affermato. “Sono ottimista sulle opportunità di trovare superemettitori di metano, utilizzando droni e satelliti. Ma è più difficile ridurre le emissioni di un miliardo di vacche e di un miliardo di pecore, dove contano le scelte dietetiche e la gestione del letame. “

Il cambiamento è notevolmente diverso per settore e posizione. Le emissioni di metano nell’agricoltura sono aumentate di quasi l’11% nel periodo di studio, mentre quelle dei combustibili fossili sono aumentate del 15%.

A livello regionale, i maggiori aumenti – da 10 a 15 milioni di tonnellate all’anno – sono stati in Asia, Africa e Oceania, in gran parte dovuti all’agricoltura. Negli Stati Uniti la maggior parte dell’aumento di 4,5 tonnellate negli ultimi dieci anni è stato attribuito al fracking e ad altre forme di perforazione, tubazioni e consumi di petrolio e gas.

L’Europa è stato l’unico continente a registrare un declino grazie a forti misure per ridurre le emissioni di letame e industria. Anche l’Artico ha visto pochi cambiamenti, suggerendo che le paure del metano rilasciato dallo scioglimento del permafrost non erano state realizzate fino al 2017.

Gli autori hanno affermato che non potrebbe esserci una stabilizzazione mondiale delle emissioni di metano se i governi non intraprenderanno un’azione rapida.

Marielle Saunois, dell’Université de Versailles Saint-Quentin-en-Yvelines, in Francia, che è stata la principale autrice dell’articolo in Earth System Science Data , ha affermato che esistevano soluzioni che non richiedevano necessariamente una riduzione dei consumi. “Le politiche e una migliore gestione hanno ridotto le emissioni da discariche, letame e altre fonti qui in Europa. Le persone mangiano anche meno carne e più pollame e pesce “, ha detto.

Si ritiene che i blocchi del coronavirus abbiano avuto un impatto minore sulle emissioni di metano rispetto a CO 2 e biossido di azoto poiché l’agricoltura non è stata influenzata dalle misure come i trasporti e l’industria.

Fonte https://www.theguardian.com/


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.