valle della morte temperatura più alta del mondo

La temperatura più alta al mondo in più di 100 anni: 54° C nella Valle della Morte in USA

La stazione meteorologica automatizzata di Furnace Creek ha raggiunto i 54,4 ° C domenica pomeriggio

Un termometro a Furnace Creek nella Death Valley ( Valle della Morte ), nel deserto della California meridionale, è salito a 54,4 C (130 F), la temperatura globale più alta da oltre un secolo, come ha comunicato il National Weather Service (NWS) degli Stati Uniti.

“Se verificata, questa sarà la temperatura più calda ufficialmente verificata dal luglio del 1913”, ha detto la NWS Las Vegas, che possiede il sistema di osservazione automatizzato, della lettura di domenica pomeriggio, sottolineando che era un’osservazione preliminare in attesa di conferma.

Dovrà essere sottoposto a una revisione formale prima che il record sia confermato a causa della sua importanza, ha detto NWS sul suo feed Twitter, collegandosi a una dichiarazione.

LEGGI ANCHE: Previsioni meteo terrificanti per i prossimi 5 anni. Al Polo Sud stessa temperatura di San Francisco

Riscaldamento oceani: nel 2019 temperature record a causa dei cambiamenti climatici

“Ondate di calore mortali nel 2050, pericolo per l’uomo, colture e turismo”. Il rapporto di McKinsey parla chiaro

Il vecchio record del 1913 di 56,7° C

La stazione meteorologica automatizzata del National Weather Service vicino al centro visitatori di Furnace Creek vicino al confine con il Nevada ha raggiunto il massimo alle 15:41 ora locale (18:41 ET).

Il record di tutti i tempi della Death Valley, secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), è di 56,7 ° C (134 ° F), registrato il 10 luglio 1913 al Greenland Ranch.

Quella lettura è ancora la più calda mai registrata sulla superficie del pianeta, secondo l’OMM.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.