La rimozione della Costa Concordia è ancora a rischio

Per ciò che riguarda la rimozione della Costa Concordia è ancora in gioco il risarcimento del danno ambientale infatti Greenpeace e WWF intervengono pubblicamente sulla vicenda della rimozione.

Le associazioni assistono sbigottite al rimpallo di responsabilità e rilevano che nessun ripensamento tecnico è stato annunciato a seguito del “distacco” del cassone galleggiante avvenuto poche settimane fa. Greenpeace e WWF rilevano con preoccupazione che si tace su quello che sarebbe successo se il cassone si fosse staccato durante la fase di traino della Concordia. La nave sarebbe inesorabilmente affondata a profondità irraggiungibili, visto che tra il Giglio e l’Elba i fondali possono arrivare quasi a mille metri e, dopo Capraia, superano i cinquemila metri di profondità.
concordia1
«Non si può giocare con la sicurezza ambientale, mettendo a rischio il mare del Giglio, in pieno Santuario dei Cetacei. È indispensabile aspirare dal relitto della Costa Concordia le oltre 100 tonnellate di carburanti rimasti così come è necessario verificare se la Concordia sia in grado di reggere un traino che, alla velocità di 1,5 nodi, impiegherebbe oltre quattro giorni per portarla a Genova. È assolutamente illogico contare sulla resistenza strutturale del relitto pochi giorni dopo il distacco del serbatoio» sottolineano  Greenpeace e WWF.

E aggiungono: «Rileviamo una sistematica sottovalutazione del rischio ambientale: abbiamo scritto al Ministero dell’Ambiente il 1 aprile e poi il 9 aprile al Commissario Gabrielli chiedendogli un incontro su questi aspetti. Non abbiamo risposte dal Commissario e leggiamo sulle cronache che lo stesso Osservatorio – in cui siedono tutti, a cominciare dai tecnici del Ministro dei trasporti e delle infrastrutture Lupi –  chiede un’ispezione ROV, ritenendo necessario verificare subito la tenuta strutturale del relitto, mentre i rappresentanti della Costa “non riscontrano alcune necessità di intervento”. Chiediamo al Commissario, che ha i poteri per farlo, di procedere con urgenza a una approfondita valutazione delle condizioni del relitto per far rimuovere il carburante».

Greenpeace e WWF ricordano tra l’altro che è ancora in gioco il risarcimento del danno ambientale (valutato prudenzialmente da ISPRA in oltre 13 milioni di euro), come concordato nella Conferenza dei Servizi decisoria del 15 maggio 2012, che non può passare in cavalleria per le resistenze del Gruppo Costa. 

Contatti:
Ufficio Stampa Greenpeace, 06.68136061 int. 203
Gabriele Salari, ufficio stampa, 06.68136061 int. 239 – 342.5532207

Ufficio Stampa WWF Italia,
Sara Bragonzi, tel. 02 83133233 – 329.8315718

concordia, costa concordia, danno ambientale, greenpeace, rimozione nave, rischio ambientale, WWF


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter