Home Ambiente La moria di api mette in serio pericolo il nostro futuro

La moria di api mette in serio pericolo il nostro futuro

255
3
CONDIVIDI

Secondo studi delle 100 specie di piante che forniscono il 90% del cibo prodotto nel mondo, più di 70 sono impollinate dalle api.
L’ONU ha espresso profonda preoccupazione per la elevata mortalità delle api a causa dell’inquinamento e dei pesticidi in molte regioni del mondo, e il suo potenziale impatto sul futuro del fenomeno agricoltura. Questo fenomeno si osserva principalmente nei paesi industrializzati dell’emisfero nord secondo il rapporto Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP).
Il documento cita una dozzina di fattori esplicativi, compreso l’uso di pesticidi, l’inquinamento atmosferico, riducendo la quantità di piante e fiori e l’apicoltura in Europa, e l’esistenza di un parassita mortale che uccide solo le api dell’emisfero settentrionale.
La mortalità di questi insetti è in corso (rispetto al 85% in alcune regioni) e potrebbe avere gravi conseguenze per la produzione alimentare, come la maggior parte delle piante, anche se non tutti i raccolti sono impollinati dalle api.
La relazione indica che l’attività degli impollinatori nel suo complesso rappresenta circa 153.000 milioni di euro, pari al 9,5% del valore della produzione agricola mondiale.
Tuttavia, gli scienziati non sono stati in grado di misurare l’impatto diretto di mortalità delle api nelle colture di frutta e verdura.
“Il modo in cui l’umanità gestisce le proprie attività legate alla natura, potrà definire il nostro futuro collettivo nel XXI secolo”, ha detto il direttore esecutivo dell’UNEP Achim Steiner, in una conferenza stampa.
“Il fatto è che, delle 100 specie di piante che forniscono il 90% del cibo prodotto nel mondo, oltre 70 sono impollinati dalle api”, ha aggiunto.
Il numero di colonie di api è scesa dal 10% al 30% negli ultimi anni in Europa, il 30% negli Stati Uniti e oltre l’85% in Medio Oriente, ha detto Peter Neumann, uno degli autori della prima relazione della ONU per la scomparsa delle api.
La sindrome non influenza per ora l’America Latina, Africa e Australia.
“E ‘una questione molto complessa. Molti fattori interagiscono, e un paese da solo non può risolvere il problema “, ha detto Neumann, che prevede l’implementazione di una rete internazionale per affrontare il problema.
Questo scienziato tedesco che lavora nel Centro di ricerche apicole in Svizzera, ha indicato che una delle ragioni della scomparsa di questi insetti in Europa e Nord America è la presenza del parassita acaro “Varroa destructor”.

3 COMMENTI

  1. come al solito si pensa all’impatto sull’uomo dimenticandosi di parlare del mondo nella sua interezza. Quante specie di piante non considerate “cibo dell’uomo” sparirebbero senza api? Quanti anni potrebbe resistere la natura senza api? Da come è stato posto il problema sembra che il rischio di estinzione delle api preoccupi a causa dell’impatto sulla vita umana e non per il rischio di estinzione della maggior parte degli esseri viventi collegati all’impollinazione delle api. Se trovassero il modo di mantenere la vita umana senza natura ho l’impressione che a tutti questi scienziati e ricercatori andrebbe benissimo. La vita in un mondo grigio e tecnologico, abitato da soli esseri umani interessati alla produzione e al consumo, senza più scopo se non l’autosostentamento, sarebbe una vita non degna di essere vissuta, fidatevi. Per alcuni è già così, povere anime

    • Siamo perfettamente d’accordo con te Thomas, il problema è che a volte per far capire la gravità della situazione verso cui stiamo andando (ci siamo già dentro) dobbiamo toccare il tasto dolente che colpisce la maggior parte delle persone , l’estinzione della specie umana. Anche se alcuni ancora non capiscono nemmeno questo o non è nel loro interesse capire. Stiamo distruggendo la Terra, un ecosistema intero sta subendo le conseguenze di questo nostro stile di vita. Nel nostro piccolo proviamo passo passo a fare qualcosa, tutti quelli che amano la natura, gli animali, l’acqua , l’aria..ci provano, ma a volte ci sentiamo impotenti rispetto a decisioni di persone che sembra non abbiano nemmeno un pò di coscienza.

      • fatto consapevolmente il vostro approcio è utile e costruttivo: la mia precedente indignazione ne è la prova. Ciò che importa è far parlare del problema e far pensare il maggior numero di persone. Complimenti 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here