petrolio

La Danimarca dice addio al petrolio

Petrolio: Il governo danese e diversi partiti di opposizione hanno concordato di sospendere il prossimo round di licenze e di fissare per il 2050 la fine totale dello sfruttamento petrolifero nel Mare del Nord, da cui viene estratto il petrolio Brent, riferimento per il greggio in Europa . La Danimarca, nonostante non sia un grande produttore, è il paese che produce più petrolio dell’intera UE dopo la partenza del Regno Unito.

L’accordo, concluso poco prima della mezzanotte, ha il sostegno di sei partiti che rappresentano più dei tre quarti dei seggi nel parlamento danese. La notizia arriva il giorno dopo che l’OPEC ha annunciato un accordo per recuperare gradualmente i livelli di produzione del greggio dopo i tagli da parte del covid.

La decisione arriva dopo che la francese Total ha annunciato pochi mesi fa il ritiro della sua domanda, così come altre due società delle quattro inizialmente interessate, che avevano provocato un rinvio dell’ottavo round di licenze.

Leggi anche —–>Emergenza climatica: l’Ue dice addio al carbone, puntando su sole e vento per la sua “svolta verde”

La Danimarca è il più grande produttore di petrolio dell’Unione Europea (UE), dopo la partenza del Regno Unito, con circa 137.000 barili al giorno nel 2019, numero 39 a livello mondiale, anche se lontano dai principali paesi . Tuttavia, il mondo produce circa 100 milioni di barili al giorno, paesi come Stati Uniti, Russia o Arabia Saudita pompano circa 10 milioni di barili al giorno. La Danimarca è un granello di sabbia nel deserto.

“Abbiamo posto fine all’era fossile e stabilito una linea di demarcazione tra le nostre attività nel Mare del Nord e l’obiettivo della legge sul clima (approvata nel 2019) di raggiungere la neutralità delle emissioni entro il 2050″, ha affermato il ministro Energia, Dan Jørgensen.

La Danimarca ha iniziato la sua attività petrolifera nel Mare del Nord nel 1972 e attualmente ha 55 piattaforme in 21 giacimenti, 15 petrolio e sei gas, che saranno anch’esse smantellate.

Dall’inizio dello sfruttamento nel Mare del Nord, lo stato danese ha guadagnato circa 514.000 milioni di corone (69.000 milioni di euro) e prevede di ottenere tra 88 e 240.000 milioni (12 e 32.000 milioni di euro) fino al 2050, secondo i dati di la Direzione Generale dell’Energia.

Altri paesi come Francia, Irlanda e Portogallo avevano precedentemente annunciato il progressivo ritardo nella loro attività petrolifera.

danimarca, estrazioni petrolio, petrolio


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.