Home Ambiente IPERCONSUMISMO E OBSOLESCENZA PROGRAMMATA

IPERCONSUMISMO E OBSOLESCENZA PROGRAMMATA

573
0
CONDIVIDI

Si chiama obsolescenza programmata e costituisce il principio per cui gli oggetti di cui disponiamo, in particolare quelli elettronici, non durano nel tempo, ma sono destinati a rompersi, a guastarsi e ad essere sostituiti. Una sorte che sarebbe pianificata appositamente per ubbidire alla logica stessa del nostro sistema economico – monetario, che cerca di creare una necessità senza sosta, in modo che i consumatori siano spinti a ricomprare ciò che a loro serve. Un sistema che di certo, da questo punto di vista, non presta attenzione né agli sprechi né all’importanza della sostenibilità ambientale.

Quante volte si parla tra amici che oramai gli oggetti acquistati, dalla radio alla televisione, sembrano essere fatti per rompersi un giorno dopo la data di scadenza della garanzia.
E’ ciò che possiamo chiamare il principio dell’obsolescenza programmata. In sostanza come si fa nel concreto a spingere i consumatori a gettare via un vecchio oggetto e a ricomprarlo? Innanzi tutto per esempio un determinato apparecchio può essere progettato per funzionare solo per un periodo di tempo attraverso l’impiego di componenti che non si possono sostituire o perché non vengono più prodotti e perché il loro costo supererebbe quello relativo all’acquisto dell’oggetto nuovo.
Un’altra strategia consiste nel non rendere compatibili sistemi e oggetti: è il caso dei software di qualche anno fa che non sono utilizzabili con i nuovi sistemi operativi informatici.
Da considerare inoltre che, dal punto di vista del design, un oggetto o un capo d’abbigliamento ad un certo punto può essere considerato “fuori moda” e in quanto tale si è spinti a sbarazzarsene.
Infine il ciclo di vita programmato di un prodotto può essere una conseguenza del processo produttivo: se si usano materiali scadenti o si effettuano altri tagli ai costi di produzione, il risultato consisterà in un prodotto di qualità inferiore, destinato perciò a durare di meno.

Il caso delle lampadine a incandescenza
Il caso delle lampadine a incandescenza è piuttosto emblematico. Perché questo tipo di lampadine, a differenza di quelle a risparmio energetico, duravano solo qualche mese? Il 23 dicembre del 1924, nasceva” Phoebus “, il primo cartello mondiale che si prefiggeva il controllo della produzione e della vendita delle lampadine ad incandescenza. i più importanti produttori mondiali di lampadine si sono riuniti in segreto per elaborare appositi sistemi per ridurne la durata. Gli esperti iniziarono a sperimentare delle tecnologie capaci di realizzare filamenti più fragili, facendo scendere la durata delle lampadine da 2.500 a 1.500 ore.Una sporca risposta alle crisi cicliche del capitalismo teorizzate da Marx. Indurre in maniera artificiale l’uomo a consumare di più,in un cammino disperato verso l’insostenibilità ambientale.
L’impatto ambientale del consumismo
Il tutto si potrebbe definire con il termine più conosciuto dai più: consumismo. Eppure spesso non ci soffermiamo a considerare quali sono le conseguenze del consumismo in termini di impatto ambientale. Si tratta di conseguenze che riguardano soprattutto l’accumulo dei rifiuti, molte volte non adeguatamente smaltiti e che costituiscono un grosso problema per ciò che concerne la gestione della spazzatura. A destare preoccupazione sono i rifiuti elettronici, altamente inquinanti.
Di conseguenza ci chiediamo perché, nonostante ci sia una consapevolezza sul problema, nessuno faccia niente per trovare una soluzione. Ancora una volta finiscono con il prevalere gli interessi economici di tutto un sistema piuttosto che la salvaguardia ambientale.

 

Gino Favola,

tratto da ECO(R)ESISTENZA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here