incendi in australia vigili del fuoco

Incendi in Australia, arriva la pioggia. I pompieri festeggiano, ma è emergenza continua

La pioggia è caduta in alcune parti dell’Australia devastate dal fuoco e le temperature sono calate, ma i funzionari hanno avvertito che c’è la concreta possibilità che i focolai ripartiranno di nuovo e si creeranno nuovi incendi.

La pioggia fuligginosa è caduta sulla costa orientale, da Sydney a Melbourne, con anche fenomeni di pioggia “torrenziale” segnalata in alcune parti del Nuovo Galles del Sud (NSW), proprio una delle zone più colpite.

Purtroppo non si esclude anche che enormi incendi nel Victoria e nel Nuovo Galles del Sud potrebbero incontrarsi e connettersi per creare una “mega fiammata” più ampia.

Non c’è spazio per il compiacimento”, ha avvertito lunedì il premier dello stato del NSW Gladys Berejiklian.”Questa mattina si tratta di recupero, assicurando che le persone sfollate abbiano un posto sicuro”.

I vigili del fuoco australiani festeggiano la pioggia

Ma visto il clima drammatico delle ultime settimane, ci sono state spontanee menifestazioni di gioia da parte di chi sta rischiando la vita tutti i giorni lottando contro le fiamme.

Come testimonia Il Fatto quotidiano, un video girato in Australia e diffuso sui social network ha mostrato la gioia dei pompieri, nel vedere l’arrivo della pioggia.

La pioggia è caduta sulla zona sud est dell’Australia e ha alleviato le condizioni in cui versa la regione. Tuttavia, nella capitale Canberra la qualità dell’aria rimane a rischio, a causa del fumo causato dai roghi.

La tregua della pioggia rende possibili alcune attività

Nonostante la tregua, l’inquinamento da foschia è rimasto pericolosamente alto. Il Bureau of Meteorology di Victoria ha avvertito che la visibilità a Melbourne era inferiore a 1 km (0,62 miglia) in molte parti della città e dei suoi dintorni.

L’allentamento delle condizioni critiche grazie alla pioggia, ha comportato la fornitura di preziose forniture alle aree interessate.

L’esercito ha affermato di aver inviato rifornimenti, personale e veicoli all’Isola del Canguro vicino alla città di Adelaide, nel sud dell’ Australia. L’isola è stata devastata da incendi boschivi, con due persone uccise la scorsa settimana.

L’esercito ha anche inviato missioni di ricognizione e di assistenza nel Nuovo Galles del Sud e in Victoria. Altre centinaia di proprietà distrutte nel fine settimana. Le città rurali e le principali città hanno visto cieli rossi, cenere che cade e fumo che hanno contaminato l’aria.

Calano i livelli di allarme incendio

Nel Nuovo Galles del Sud, tutti gli incendi sono tornati al “livello di guardia”, il livello di allarme più basso.

Tuttavia, il commissario per la gestione delle emergenze di Victoria, Andrew Crisp, ha avvertito “si scalderà” e gli incendi “riprenderanno”.

Lunedì mattina, ci sono stati solo circa 10 km tra un incendio nel Corryong di Victoria e due km in fiamme al Kosciuszko National Park nel Nuovo Galles del Sud.

Sarah Keith-Lucas della BBC Weather

Raccolta fondi per l’emergenza anche dai vip

Nel frattempo, il Primo Ministro Scott Morrison ha dichiarato che $ 2 miliardi ($ 1,4 miliardi; £ 1,1 miliardi) saranno impegnati nella ricostruzione nei prossimi due anni.

Nel fine settimana, una raccolta fondi lanciata dal comico Celeste Barber per i servizi antincendio nel Nuovo Galles del Sud ha raccolto oltre $ 35 milioni in sole 48 ore.

Un certo numero di celebrità hanno anche donato soldi per sostenere gli sforzi antincendio nei giorni scorsi, tra cui la cantante statunitense Pink e la vincitrice dell’Oscar Nicole Kidman, che hanno promesso $ 500.000 ciascuno.

E lunedì, la pop star Kylie Minogue ha twittato anche lei per aver donato:

Kylie Minogue@kylieminogueReplying to @kylieminogue

As a family, we’ve donated $500,000 towards the immediate firefighting efforts and the ongoing support which will be required.
Big or small, from near or far, any support will help those affected by the devastating bushfires.
With love,
The Minogue Family.4,01611:08 AM – Jan 6, 2020

Fine del post su Twitter di @kylieminogue

Il cielo arancione diventa grigio

Con la sua pioviggine e l’orizzonte grigio, il pontile di Eden potrebbe quasi essere una città costiera inglese.

È difficile capire che sabato notte – quando il fuoco ha minacciato e il cielo è diventato arancione – è qui che centinaia di persone sono fuggite per cercare una zona di sicurezza vicino all’acqua.

Un cielo arancione avvolge le barche in un pontile di Eden, nel Nuovo Galles del Sud
Incendi Australia: Ecco come appariva Eden, nel New South Wales, sabato
HMAS Adelaide in Eden, Nuovo Galles del Sud
La pioggia cade finalmente sull’HMAS Adelaide di Eden lunedì

La maggior parte delle persone ora se ne è andata: alcuni nelle loro case mentre la minaccia di incendi si attenuava, altri nei centri di evacuazione nelle città più grandi dopo che le autorità avevano avvertito che il molo non era un’opzione sicura.

La pioggia è una gradita sorpresa e ha dato un po ‘di sollievo dall’aria piena di fumo. Ma con le condizioni di caldo secco previste prossimamente in settimana, la gente di Eden – come molti in questo angolo del paese – è in un limbo.

E la nave della marina al largo della costa – pronta ad aiutare nella missione di salvataggio – è un altro promemoria che questo incubo è tutt’altro che finito.

Il bilancio sinora è drammatico

L’Australia sta combattendo una delle sue peggiori stagioni di incendi boschivi, alimentata da temperature record e mesi di siccità.

Almeno 24 persone sono morte dall’inizio degli incendi a settembre. Nel fine settimana, i media internazionali hanno avvertito che la crisi potrebbe protrarsi per mesi.

Phil Mercer della BBC afferma che alla Kangaroo Valley si ha “una sensazione orribile e spettrale”

E’ stata annunciata la creazione di un’agenzia di recupero per aiutare coloro che hanno perso la casa e le aziende negli incendi.

L’ex ministro degli Esteri Julie Bishop – e il collega del Partito liberale Morrison – hanno affermato che il Primo Ministro “sta facendo il meglio che può”, ma ha esortato il governo ad agire sul cambiamento climatico.

“Non abbiamo una politica energetica nazionale in questo paese e un approccio nazionale ai cambiamenti climatici”, ha detto. “Se un paese come l’Australia non riesce a mostrare la leadership, difficilmente possiamo incolpare le altre nazioni per non mostrare allo stesso modo un ruolo guida in questo settore”.

fonte


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto