Home Ambiente In 27 anni persa metà barriera corallina

In 27 anni persa metà barriera corallina

175
0
CONDIVIDI

La Grande barriera corallina, al largo dell’Australia, ha perso metà dei sui banchi di corallo negli ultimi 27 anni: la scoperta, pubblicata sulla rivista dell’Accademie delle Scienze degli Stati Uniti, si deve a uno studio coordinato dall’Istituto di Scienze Marine Australiano (Aims) a Townsville.

Tre sono le cause di questa perdita: i danni causati dai cicloni (48%), la stella marina corona di spine (Acanthaster planci), che si nutre dei polipi dei coralli (42%), e lo sbiancamento dei coralli (10%) dovuto soprattutto all’aumento delle temperature degli oceani.

La Grande barriera corallina (Great Barrier Reef) è la barriera di corallo più grande del mondo: “se la tendenza della perdita proseguirà – rileva uno dei ricercatori, Peter Doherty – i banchi di corallo potrebbe dimezzarsi ancora entro il 2022”.

Interessante notare, prosegue l’esperto, che le perdite variano a seconda delle regioni: “nel nord della Grande barriera corallina i banchi di corallo sono rimasti relativamente stabili, mentre nelle regioni meridionali la perdita è più drammatica, in particolare negli ultimi dieci anni quando le tempeste hanno devastato molti banchi di corallo”.

Gli intensi cicloni tropicali hanno causato enormi danni soprattutto ai banchi nelle regioni centrali e lo sbiancamento riguarda le parti settentrionali e centrali della grande barriera, mentre la stella marina corona di spine sta colonizzando tutta la barriera corallina. La scoperta, prosegue Doherty, “si basa sul più completo monitoraggio di una barriera corallina mai effettuato. Il programma è iniziato nel 1985, i nostri ricercatori hanno trascorso più di 2.700 giorni in mare e abbiamo investito 50 milioni di dollari in questo programma”. “Non possiamo fermare le tempeste e il riscaldamento dell’oceano (la prima causa di sbiancamento dei coralli) che è uno degli effetti del cambiamento climatico globale”, afferma John Gunn dell’Istituto di Scienze Marine Australiano. “Tuttavia – aggiunge – possiamo ridurre l’impatto della corona di spine. Lo studio dimostra che in assenza di questi parassiti, i banchi di corallo aumenterebbe dell’0,89% annuo, quindi, anche con perdite causate dai cicloni e dallo sbiancamento, ci dovrebbe essere una lenta ripresa”

 

Fonte “http://www.ansa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here