portogallo

Il Portogallo guiderà la svolta al cambiamento climatico

Portogallo: Nel contesto della legge europea sul clima, la Presidenza portoghese ritiene essenziale garantire un impegno comune per ridurre le emissioni di CO 2 di almeno il 55% entro il 2030.

In un anno particolarmente importante per far avanzare le questioni di politica verde a livello europeo – con negoziati comunitari su questioni come l’inverdimento della politica agricola comune (PAC) o la fine dei sussidi per i combustibili fossili, tra gli altri, ecco che spicca la posizione del Portogallo.

Il settore ambientale di Spagna e Portogallo si spera che riceva la leadership portoghese nel Consiglio dell’UE, una responsabilità che condividerà con la Germania (la presidenza uscente) e con la Slovenia (quella entrante nella seconda metà del 2021).

La linea presentata dal Portogallo ha soddisfatto molti, Per cominciare, ha promesso di approvare la prima legge europea sul clima prima di giugno , come ha dichiarato in una conferenza stampa il ministro portoghese dell’Ambiente e dell’Azione per il clima, João Pedro Matos Fernandes. I

l programma presenta cinque linee d’azione: un’Europa resiliente, verde, digitale, sociale e globale. L’azione per il clima assume un ruolo importante nel secondo e nell’ultimo di questi flussi di lavoro. Nel tentativo di rendere l’Europa più verde, la presidenza portoghese prevede di organizzare a Lisbona due conferenze relative ai cambiamenti climatici: una incentrata sulle leggi sul clima (presumibilmente compreso il futuro accordo sulla legge sul clima dell’UE) a marzo e una sull’idrogeno verde a sostegno dell’energia transizione in aprile. L’idrogeno verde sarà sostenuto attraverso la ricerca e si prevede di continuare iniziative comuni sull’argomento nell’ambito del nuovo Spazio europeo della ricerca (SER) .

Nella politica climatica, il Portogallo è superato solo da Finlandia e Svezia, che occupano le prime due posizioni a livello europeo.

Il Consiglio dell’UE è composto dai ministri dei 27 governi ed è il principale organo decisionale insieme al Parlamento europeo. Con quest’ultimo, il Consiglio è incaricato di negoziare e adottare la legislazione dell’UE, sulla base delle proposte della Commissione.

Inoltre, Lisbona dovrà mediare tra le istituzioni europee su altre questioni fondamentali per accelerare la transizione ecologica, come la fine dei sussidi indiretti per i combustibili fossili, la riforma della PAC, che rappresenta un terzo del bilancio europeo, e la creazione di un comitato indipendente di scienziati per misurare i progressi nella lotta contro il clima di ciascuno Stato membro.

Lo riassume Florent Marcellesi, co-portavoce di Equo ed ex deputato dei Verdi europei, il quale sottolinea che “dopo l’anno più caldo mai registrato ed eventi meteorologici estremi come Filomena, è fondamentale scommettere sulla massima ambizione climatica possibile per rispettare la scienza e la gioventù “.

Da entrambe le formazioni politiche, chiedono al Consiglio di mantenere la proposta del Parlamento europeo di ridurre le emissioni di gas serra del 60% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, sottolinea Marcellesi, e conclude che “l’impronta che lascerà al Portogallo al suo passaggio alla presidenza europea dipenderà in larga misura dalle sue ambizioni climatiche ”.

Negli ultimi anni, le politiche verdi adottate in Portogallo hanno innalzato il paese nella “classifica” per la valutazione dell’azione per il clima. Quindi quest’anno, ad esempio, il Portogallo è già tra i primi 20 posti nel Climate Change Performance Index (CCPI) 2021, che esamina l’ambizione climatica dei 57 paesi responsabili del 90% delle emissioni globali di gas a effetto serra (GHG), colpevoli di riscaldamento globale.

Mentre il Portogallo è salito di otto posizioni rispetto ai risultati del CICC 2020, la Spagna è scesa di sette, ed è ora al numero 41, tra i paesi con prestazioni climatiche “relativamente basse”.

“Quando si tratta di obiettivi climatici, questo governo è stato molto ambizioso e il sostegno pubblico all’azione per il clima del Portogallo è aumentato considerevolmente, soprattutto tra la popolazione più giovane, che si è mobilitata seguendo l’esempio di Greta Thunberg “, valori Carlos Teixeira, co -fondatore del partito Livre, un gruppo libertario e ambientalista portoghese nato nel 2014.

Teixeira ritiene che una delle politiche che illustrano questa svolta verso il verde in Portogallo sia l’inclusione della tassa sul carbonio nei bilanci 2021. “Ci battiamo da anni per una riforma della tassazione ambientale in Portogallo e vediamo che finalmente sta accadendo. Volevamo che la carbon tax si applicasse anche al trasporto aereo, ma sappiamo che deve essere coordinata con l’UE a livello europeo ”, afferma.

Anche Tiago Pitta e Cunha, specialista ambientale ed ex consigliere del presidente del Portogallo, individua questa tendenza a causa di una crescente domanda di politiche verdi da parte degli elettori portoghesi. In questo contesto, questo esperto pensa che “in tutto ciò che riguarda il clima, l’energia e l’ambiente, il Portogallo sarà in prima linea nel progresso, il che probabilmente aiuterà l’UE a sviluppare un’agenda progressista durante questa presidenza.”, Anche se crede che la pandemia e nello specifico la vaccinazione monopolizzeranno buona parte degli sforzi dei Ventisette.

Nelle negoziazioni europee che cercano di definire il contenuto della legge europea sul clima, il Portogallo ha un ruolo “abbastanza proattivo”, giudica Luis Suárez, coordinatore per la conservazione del WWF Spagna, che prevede che il Portogallo cercherà di aumentare l’ambizione, ma in modo misurato . “La tempistica è molto importante, perché siamo nel mezzo di un cambiamento nella struttura finanziaria e ci sono importanti accordi internazionali all’ordine del giorno in cui l’Ue deve posizionarsi, non solo sulle questioni climatiche ma anche su altre. In questi sei mesi si lavorerà su una legge per ripristinare la biodiversità, ad esempio, e un’altra per prevenire la deforestazione importata [attraverso l’importazione di colture come soia o olio di palma] ”.

La sua intuizione è che la presidenza del Portogallo sarà “molto importante politicamente, anche se con poca visibilità dall’esterno”, poiché le decisioni finali saranno sicuramente prese durante la guida della Slovenia. In ogni caso, afferma che “ovviamente è una buona notizia che la presidenza in quel periodo di negoziati più duri provenga dal Portogallo e non dalla Polonia, per esempio”.

La grande sfida di rendere più verde la PAC

Per quanto riguarda la PAC, Celsa Peiteado, coordinatrice della Politica Agraria e Alimentazione Sostenibile in questa stessa organizzazione, è preoccupata che il Consiglio dell’UE inclini l’equilibrio verso una posizione più ambiziosa per fare, come richiesto dal WWF, “che il PAC è uno strumento a servizio del Green Deal europeo, lo strumento per raggiungere gli obiettivi di clima e biodiversità ”.

Portogallo, traguardo storico: le energie rinnovabili coprono al 100% il fabbisogno nazionale

“Spetta alla presidenza portoghese chiudere i negoziati per definire i regolamenti, qualcosa che determinerà come sarà la PAC dal 2023 al 2027. Chiediamo che, tra l’altro, venga mantenuta la proposta di una robusta condizionalità, con standard allineati alla transizione ecologica come condizione per gli agricoltori per poter accedere a questi aiuti della PAC ”, spiega Peiteado, che aggiunge che, per ora, il Consiglio è colui che vuole indebolire la condizionalità.

Questo esperto considera incoraggiante il fatto che il Portogallo sia in prima linea in questi negoziati, dal momento che il paese deve affrontare sfide ambientali molto simili a quelle della Spagna – come la scarsità d’acqua, la lotta agli incendi o la perdita di allevamenti estensivi. Per esempio – e quindi condividere lo stesso interesse a tutelare la biodiversità da un cambiamento del modello agricolo.

cambiamento climatico, portogallo


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto