Home Green Economy Rivoluzione in Sardegna: ecco il diserbante eco che salva le api dall’estinzione

Rivoluzione in Sardegna: ecco il diserbante eco che salva le api dall’estinzione

107522
4
CONDIVIDI
eco diserbante salva le api

Un eco diserbante, al 100% naturale, che non altera il ph del suolo e non minaccia la vita di api e farfalle. L’ultimo regalo dell’imprenditrice sarda votata alla difesa dell’ambiente e al riuso.

Vi abbiamo parlato di lei qualche giorno fa. Daniela Ducato è l’imprenditrice sarda che utilizza gli scarti per realizzare materiali edili ad alta prestazione tecnologica. La sua ultima trovata? Il primo eco diserbante, completamente naturale e a vantaggio di api e farfalle.

Si tratta di un composto realizzato a partire dagli scarti di malvasia, lana e olio d’oliva, messo a punto dal suo team di ricerca. La risposta all’esigenza, avvertita sempre più pressante dalla responsabile della filiera di “Edizero Architecture for peace”, di salvare api e farfalle dall’azione devastante degli agenti chimici presenti nei diserbanti tradizionali.

LEGGI ANCHE: Storie di successo: l’imprenditrice sarda e le sue case ecologiche fatte di scarti

L’eco diserbante inventato per salvare le api

L’emergenza è stata già manifestata da diversi anni dagli agricoltori sardi. Gli agenti chimici dei diserbanti tradizionali alterano il ph del terreno, risultando nocivi non solo per l’agricoltura ma anche per api e farfalle. Un danno gravissimo, visto il ruolo chiave che questi insetti hanno per l’ecosistema.

La richiesta d’aiuto è stata accolta dall’associazione nazionale Città del Miele e ha dato l’input alla ricerca di un composto che svolgesse la funzione di erbicida, senza però danneggiare l’ambiente.  Ed è così che all’interno della filiera Ortolana è nato l’eco diserbante Natural Weed Control.

Come funziona l’eco diserbante

L’elemento principale dell’eco diserbante è la lana di pecora.  A questa, si aggiungono l’olio di oliva, ingredienti di scarto delle lavorazioni vinicole e residui della pulizia delle arnie, come propoli o miele. Eccedenze che andrebbero buttate e che vengono riutilizzate per creare un nuovo prodotto a vantaggio dell’ambiente.

Nessun additivo chimico, glifosato o veleni, è presente nel diserbante della Ducato. La sua funzione erbicida è svolta sfruttando solo il vapore e il calore. Una soluzione che può essere adoperata proteggere orti, vigneti, frutteti e persino il verde urbano, senza alcun impatto ambientale. Una garanzia per la sicurezza dei consumatori e degli agricoltori (che possono usarlo senza mascherine o protezioni).

Mettendo insieme questi elementi la pianta intrappola il calore e si secca già dopo due giorni dal trattamento. Inoltre le altre sostanze, favoriscono un effetto prolungato senza creare problemi al suolo o alterare il suo ph”, spiega la Ducato al fattoquotidiano.it

Un successo italiano nel mondo

L’eco diserbante è unico nel suo genere ed è stato già sperimentato con successo in Italia. È stato utilizzato con successo dal comune di Cagliari, ad esempio, per debellare le piante infestanti all’interno delle aree urbane.

Ma non solo. In Francia i viticoltori, ancora prima di quelli italiani, hanno già fatto ordini consistenti del prodotto. Negli Usa il diserbante naturale è stato acquistato dalla Gea Group, leader nella coltivazione di piante farmaceutiche. Dimostrazione del fatto che l’interesse per il prodotto sta crescendo in tutto il mondo.




Come afferma la stessa Ducato, “nella realtà di tutti i giorni siamo sedotti da tutto quello che è chimico, ma le soluzioni alternative ci sono e possono dare risultati anche migliori, è soltanto una questione culturale”.

LEGGI ANCHE: La Posidonia: una risorsa in più per la bioedilizia

4 COMMENTI

  1. Buongiorno,
    desidero ricevere maggiori info sull’uso e approvvigionamento del nuovo “eco diserbante bio” .

    Cordiali Saluti

    Orazio Locorotondo

  2. Complimenti all’ imprenditrice, una bella invenzione a tutela delle api importantissime per l’ecosistema. Possiamo dire che siamo veramente forti, grande scoperta!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here