michael moore planet

Il nuovo docu-film di Michael Moore duramente criticato dagli ambientalisti

Planet of the Humans ,  il nuovissimo documentario sui cambiamenti climatici prodotto da Michael Moore , è diventato oggetto di controversie diffuse dopo essere stato accusato di essere “ pieno di falsità e disinformazione ” da un attivista leader del cambiamento climatico che addirittura chiede di far rimuovere il film.

Il documentario di un’ora e 40 minuti copre il debutto alla regia del produttore Moore di lunga data, Jeff Gibbs ( Bowling For Columbine,  Fahrenheit 9/11 ), e si fa promotore di un “assalto frontale” alle fonti di energia rinnovabile, sostenendo che non sono la “vera soluzione” per salvare il pianeta.

LEGGI ANCHE: Michael Moore: Trump sta cercando di iniziare una guerra

Al momento della sua uscita, una lettera in cui si chiedeva “scuse e immediata ritrattazione” di Planet of the Humans è stata condivisa dal cineasta e attivista ambientale americano Josh FoxGasland ), che l’ha descritta come un “sfacciato affronto alla scienza, alle energie rinnovabili, all’attivismo ambientale e la verità stessa. “

Inoltre, Fox ha chiamato Films For Action , un archivio di film online, per rimuovere la funzione dalla loro libreria.

Invece delle fonti di energia rinnovabile – che Gibbs, asserisce siano costose quanto i combustibili fossili – il film chiede agli ambientalisti e agli spettatori di dedicare tutta la loro attenzione a questioni come il controllo della popolazione e la regressione economica al fine di combattere efficacemente i cambiamenti climatici.

Planet of the Humans contro l’attivismo ambientale

Per trasmettere molte delle sue argomentazioni, Planet of the Humans parla anche di errori decennali compiuti da importanti attivisti ambientali come l’ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore.

McKibben, d’altra parte ha negato le voci che lo volevano corruttibile da parte delle industrie petrolifere, affermando che mai ha preso soldi dalle società. Ha detto che è sempre stato soggetto a “molestie incessanti da parte dell’industria dei combustibili fossili” e “altri che pensano a se stessi come attivisti”, secondo una dichiarazione .

Attivista ambientale Bill McKibben.
 L’attivista ambientale Bill McKibben.

Michael Mann, sia uno scienziato dei cambiamenti climatici che un firmatario della lettera di Fox, ha affermato che il film era pieno di “varie distorsioni, mezze verità e bugie”, secondo il Guardian .”[Gibbs e Moore] hanno fatto un grave disservizio a noi e al pianeta promuovendo i totem dei negazionisti del cambiamento climatico”, ha aggiunto.

LEGGI DI PIÙ: Portogallo: traguardo storico delle rinnovabili al 100%

Il regista nominato all’Oscar ha anche “smascherato” i “punti di discussione dell’industria dei combustibili fossili”, osservando che nei tempi moderni, l’energia verde è meno dannosa, più economica e nel complesso più affidabile rispetto ai combustibili fossili, come il carbone.

[Moore] non è un ambientalista”, ha aggiunto Fox in un tweet separato . “È un sensazionalista che deve al movimento scuse e una ritrattazione.”

Il 24 aprile, Films For Action ha risposto alla richiesta di Fox, e a coloro che l’hanno fatto eco, prendendo la decisione di rimuovere  Planet of the Humans  dal loro sito web. Tuttavia, ore dopo, lo hanno re-immesso , citando la loro convinzione che “l’alfabetizzazione mediatica, la critica e il dibattito sono la migliore soluzione alla disinformazione”.

La pubblicazione su YouTube

Inizialmente, Planet of the Humans è stato presentato in anteprima lo scorso luglio al Traverse City Film Festival nel Michigan, tuttavia, invece di ricevere una versione cinematografica, è stato messo gratuitamente su YouTube mercoledì scorso, in occasione del cinquantesimo anniversario della Giornata della Terra .

“Non volevamo aspettare per metterlo nei cinema. Vogliamo che le persone lo guardino adesso ”, ha detto Moore, 66 anni, della prima uscita, durante un’intervista con Stephen Colbert, conduttore del Late Show, la  scorsa settimana.

Moore ha continuato a sottolineare ciò che ritiene essere l’importanza del messaggio in Il pianeta degli umani.

Mentre Moore non ha esplicitamente affrontato le recenti critiche e proteste del Pianeta degli Umani , ha insinuato, in più occasioni , che il movimento “verde” ha “portato fuori strada nella lotta per salvare il pianeta”.

“Il pubblico sa che stiamo perdendo la battaglia sul clima grazie al profitto, all’avidità e ai leader che hanno sbagliato”, ha scritto il regista in un tweet venerdì, ribadendo le sue convinzioni secondo cui le fonti di energia rinnovabile sono inefficaci, e un inganno approvato dal governo.

GUARDA IL VIDEO COMPLETO DEL FILM


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.