ocean salvare il pianeta earthshot

Earthshot: un premio multimilionario per coloro che salvano il pianeta. Un vero premio Nobel per l’Ecologia?

Il duca di Cambridge ha deciso di agire e unire le forze con il naturalista David Attenborough e con oltre 60 organizzazioni ed esperti per sviluppare il premio Earthshot , un premio che andrà a coloro che possono rispondere alle grandi sfide del nostro tempo, nel campo di clima e ambiente.

Un decennio di azioni per riparare la Terra . Questo è l’obiettivo del principe William, che sostiene che “siamo in un punto critico e affrontiamo una scelta semplice: continuare a causare danni irreparabili al pianeta o sfruttare il nostro potere di esseri umani per guidare, innovare e risolvere i problemi”.

Ogni anno, dal 2021 al 2030, il premio riconoscerà cinque vincitori, individui o organizzazioni, che trovano soluzioni alla crisi climatica e ai vari problemi ambientali .

Il lancio ufficiale del premio avverrà nel corso del 2020, ma è già stato annunciato sui social network attraverso un video narrato da David Attenborough. “Lo spirito di Moonshot ci ha portato a raggiungere ciò che sembrava impossibile: raggiungere la luna in un decennio.

LEGGI ANCHE:

15 azioni quotidiane che ognuno di noi può fare per salvare il pianeta

Campi di canapa: un aiuto per le api, per l’ecosistema e per salvare il pianeta

Il premio Earthshot è nato per premiare gli innovatori nel campo della sostenibilità ambientale, e mira a consolidarsi come un vero e proprio Premio Nobel per l’Ecologia

La filosofia che ispira Earthshot

Earthshot mira a ispirare una nuova generazione di visionari, scienziati e leader a pensare in modo diverso e rispondere alle grandi sfide del nostro tempo sulla Terra.

Precisamente, il nome del premio si ispira allo “sparo alla luna” di John F. Kennedy, ex presidente degli Stati Uniti, che nel 1961 stabilì l’obiettivo di portare gli astronauti americani sul satellite naturale prima della fine di quel decennio.

Inizialmente, il premio Earthshot sarà finanziato da donatori privati ​​attraverso la William and Kates Royal Foundation , ma potrebbe poi diventare un’organizzazione indipendente. Kensington Palace ha affermato che il premio sarà supportato anche da filantropi e organizzazioni.

Quest’anno saranno annunciate una serie di sfide volte a trovare almeno 50 soluzioni ai principali problemi globali, compresi i cambiamenti climatici e l’inquinamento . Nel prossimo decennio, le sfide saranno rinnovate ogni anno, per stimolare lo spirito della corsa verso la luna, ma questa volta al servizio del pianeta Terra.

Si terranno anche il vertice sulla biodiversità del 2020 in Cina e la COP26 a Glasgow. Indubbiamente, il prossimo decennio sarà caratterizzato dall’urgenza di agire contro lo stato di emergenza climatica . Lo stesso principe William, che dal 2013 collabora con il World Wide Fund for Nature, , ha sottolineato la necessità di “ottimismo e azione” contro l’attuale “pessimismo ambientale”.

L’urgente necessità di una cooperazione internazionale per affrontare i cambiamenti climatici è una convinzione che non tutti condividono. Ecco perché Earthshot cercherà di distinguersi dal numero esistente di premi internazionali e aspirare a diventare un premio Nobel per l’ecologia.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.