tecnologia solare

India e Francia investono miliardi di dollari in tecnologia solare

La liquidità contribuirà a ridurre il costo dell’ energia solare nei paesi in via di sviluppo.

India e Francia hanno investito oltre 2 miliardi di dollari USA per finanziare progetti di tecnologia solare nei paesi in via di sviluppo.

Gli studiosi dell’energia rinnovabile dicono che gli investimenti hanno il potenziale per espandere drasticamente la tecnologia solare in queste nazioni, ma altri sostengono che i governi dovrebbero invece concentrarsi sulla rimozione di ostacoli che rallentano la crescita delle energie rinnovabili.

L’annuncio è arrivato l’11 marzo durante il primo summit dell’International Solar Alliance (ISA) a Nuova Delhi, che ha richiamato i capi di governo di oltre 20 paesi.

Nel suo discorso di apertura, il primo ministro indiano Narendra Modi ha promesso 1,4 miliardi di dollari per sostenere progetti di energia solare in Bangladesh e nei paesi in via di sviluppo in Africa.E il presidente francese Emmanuel Macron ha impegnato 700 milioni di euro (865 milioni di dollari USA) per lo stesso programma.

“Gli impegni di $ 2 miliardi più sono molto significativi”, dice l’analista di politica energetica solare Ashvini Kumar all’Istituto per l’energia e le risorse, un gruppo di esperti sullo sviluppo sostenibile a Nuova Delhi. “Un certo numero di programmi può essere lanciato e sostenuto attraverso questi fondi”, dice.

Tecnologia solare per nazioni in via di sviluppo

L’ISA intergovernativo è stato lanciato da Modi e dall’ex presidente francese François Hollande durante la conferenza sul clima delle Nazioni Unite a Parigi nel 2015 . L’alleanza cerca di ridurre il costo della tecnologia solare in modo che possa soddisfare il fabbisogno energetico di 121 paesi in via di sviluppo ricchi di luce solare. Mira a creare 1 terawatt (1.000 gigawatt) di energia solare entro il 2030. Finora, 61 paesi hanno aderito all’alleanza e 32 hanno ratificato il proprio accordo quadro.

Modi ha detto al summit che l’impegno da 1,4 miliardi di dollari dell’India sarebbe stato utilizzato per sostenere 27 nuovi progetti in 15 nazioni in via di sviluppo o aree arretrate. I progetti spaziano dalla creazione di piccole centrali solari fotovoltaiche in diversi paesi africani a un impianto solare fotovoltaico da 100 megawatt a Mollahat, in Bangladesh, e ad un progetto di illuminazione stradale a LED nelle Seychelles.

Investimenti contro il climate change

Macron, che si è posizionato come primo antagonista del climate change, ha dichiarato al vertice che l’alleanza aveva bisogno di 1 trilione di dollari per raggiungere l’obiettivo di 1 terawatt entro il 2030. L’impegno di Macron di 700 milioni di euro porta l’investimento totale della Francia a 1 miliardo di euro. Il paese ha già impegnato 300 milioni di euro nel 2015.

La Banca Mondiale ha anche impegnato $ 500.000 e altre agenzie, compreso il Fondo verde per il clima, si sono offerte per sostenere il programma, ma la maggior parte degli investimenti dovrebbe provenire dal settore privato.

L’alleanza ha tre programmi principali:

  1. promuovere l’uso di pompe solari per l’acqua invece di pompe diesel per l’irrigazione;
  2. finanziamento a prezzi accessibili per la tecnologia solare
  3. la promozione di mini-reti solari nei paesi meno sviluppati e nelle nazioni insulari. 

I progetti per portare energia pulita nei villaggi

I 13 progetti già in corso includono iniziative per portare elettricità nei villaggi del Niger, per installare l’illuminazione stradale in Sierra Leone e fornire lampade ad energia solare nella piccola nazione sudamericana del Suriname.

Alcuni analisti sostengono che gli impegni di India e Francia avranno un impatto relativamente limitato sulla quantità di fonti rinnovabili installate a livello globale.

L’ingegnere delle energie rinnovabili Andrew Blakers presso l’Australian National University di Canberra afferma che l’ultimo investimento rappresenta solo una piccola parte delle diverse centinaia di miliardi di dollari di denaro privato che saranno spesi per la tecnologia solare ed eolica in tutto il mondo quest’anno.

Rimuovere gli ostacoli

Per accelerare l’espansione globale dell’energia solare, Blakers sostiene che i governi dovrebbero concentrarsi sulla rimozione delle normative, come i sussidi per i combustibili fossili, che dissuadono gli investimenti del settore privato nelle energie rinnovabili. “Il settore privato può fornire i soldi, è il governo che elimina gli ostacoli dal modo in cui conta”, dice.

Blakers afferma che il governo dovrebbe anche spendere di più per la ricerca e lo sviluppo solare, che potrebbe continuare a ridurre il prezzo del fotovoltaico, dice. Secondo l’International Renewable Energy Agency, con sede ad Abu Dhabi, il costo della tecnologia è diminuito del 73% dal 2010.

Kumar dal canto suo ribadisce che gli ultimi investimenti aiuteranno anche a potenziare la ricerca sullo stoccaggio delle batterie e sulle celle solari avanzate. Al vertice, Modi ha lanciato un’iniziativa di tecnologia solare per incoraggiare le istituzioni indiane a perseguire la ricerca avanzata sulla tecnologia solare.

 

energia solare, fabbisogno energetico, Francia, India, International Solar Alliance, paesi in via di sviluppo, politica energetica


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto