petrolio

La “catastrofica” fuoriuscita di petrolio in California uccide i pesci e danneggia le zone umide

Un guasto all’oleodotto ha inviato almeno 126.000 galloni di petrolio nel Pacifico al largo della costa della contea di Orange, creando una chiazza di petrolio di 13 miglia quadrate. Pesci e uccelli morti si sono arenati in alcune zone.

È corsa contro il tempo in California per cercare di evitare un altro disastro ambientale dovuto allo sversamento di petrolio in mare

Il petrolio si è incagliato a Huntington Beach, in California, dopo che un guasto all’oleodotto ha causato la fuoriuscita di almeno 126.000 galloni nell’oceano.CreditoCredito…Allison Zaucha per il New York Times.

Un guasto di un oleodotto al largo della costa della contea di Orange, in California, sabato ha causato la fuoriuscita di almeno 126.000 galloni di petrolio nell’Oceano Pacifico, creando una chiazza di 13 miglia quadrate che ha continuato a crescere domenica, hanno detto i funzionari.

Pesci e uccelli morti si sono arenati in alcuni punti mentre le squadre di pulizia si sono affrettate a cercare di contenere la fuoriuscita, creando una chiazza di petrolio che si estendeva da Huntington Beach a Newport Beach.

Non è stato immediatamente chiaro cosa abbia causato la perdita, che secondo i funzionari si è verificata a tre miglia al largo della costa di Newport Beach e ha comportato un guasto in un oleodotto di 17,5 miglia collegato a una piattaforma petrolifera offshore chiamata Elly, gestita da Beta Offshore.

La guardia costiera degli Stati Uniti ha dichiarato domenica sera in una dichiarazione che gli equipaggi hanno “recuperato” circa 3.150 galloni di petrolio. Quattordici barche sono state coinvolte nelle operazioni di pulizia di domenica e gli equipaggi hanno dispiegato 5.360 piedi di boma, una barriera galleggiante che aiuta a contenere il petrolio.

Leggi anche—->Multinazionali del petrolio e del gas: la loro folle e ipocrita corsa al profitto mentre il pianeta è in agonia

La fuoriuscita ha spinto i funzionari a chiudere le spiagge di Huntington Beach, dove il terzo giorno dell’annuale Pacific Airshow è stato cancellato domenica , un giorno dopo che circa 1,5 milioni di persone si erano radunate sul lungomare per guardare i Blue Angels e i Thunderbirds.

Il sindaco Kim Carr di Huntington Beach ha dichiarato in una conferenza stampa domenica pomeriggio che la fuoriuscita è stata “una delle situazioni più devastanti che la nostra comunità ha affrontato negli ultimi decenni”.

La signora Carr ha detto che i funzionari della città non hanno ricevuto conferma che la fuoriuscita sia stata bloccata. Martyn Willsher, amministratore delegato di Amplify Energy Corp., che possiede Beta Offshore, ha dichiarato in seguito in una conferenza stampa separata a Long Beach, in California, che il gasdotto era stato “risucchiato” ad entrambe le estremità e che la fuoriuscita potrebbe aver raggiunto il picco a circa 126.000 galloni.Climate Fwd   Una nuova amministrazione, un’emergenza climatica in corso e un sacco di notizie. La nostra newsletter ti aiuterà a rimanere aggiornato. Ricevilo nella tua casella di posta.

Leggi anche —>La Danimarca dice addio al petrolio

“Non mi aspetto che sia di più”, ha detto. “Questa è la capacità dell’intero gasdotto.”

Il sito di Elly, ha aggiunto, ha due piattaforme di produzione e una piattaforma di lavorazione con circa 70 pozzi. Le piattaforme si trovano in cima a una ricca riserva di petrolio nelle acque federali gestite dal Dipartimento degli Interni . Tutte le piattaforme sono state chiuse, ha detto Willsher.

Le spiagge di Huntington Beach saranno chiuse fino a nuovo avviso, ha detto la signora Carr domenica pomeriggio, aggiungendo che era troppo presto per dire per quanto tempo sarebbero state vietate.

foto https://www.abc.net.au/

fuoriuscita petrolio, petrolio


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto