dolci

Evita dolci e pasticcini e aiuti il pianeta!! Ecco come.

La carne rossa fa  male alla salute  e anche all’ambiente. Lo abbiamo saputo. Ma ecco qualcosa che potrebbe sorprenderti: ridurre i dolci e le torte può essere altrettanto importante.

I ricercatori che hanno esaminato 20 studi sull’impatto ambientale del consumo di cibo in Australia hanno scoperto che il paese emette più di 500 tonnellate di anidride carbonica all’anno. Di tale somma, le fonti di emissione legate agli alimenti rappresentano oltre il 14%.

Secondo gli scienziati , in media, gli australiani producono quasi 20 kg di anidride carbonica al giorno attraverso la loro dieta, per non parlare dell’inquinamento che la produzione alimentare può causare nell’ambiente, secondo gli scienziati.

Dei cosiddetti prodotti di base, carne, cereali e latticini contribuiscono alla maggior parte delle emissioni legate al cibo del Paese, mentre frutta e verdura sono due delle meno, il che non sorprende.

Dolci, torte e bevande zuccherate

Tuttavia, risulta che anche la produzione di alimenti “non essenziali” come bevande zuccherate, alcolici, dolciumi e carni lavorate genera tra il 27% e il 33% delle emissioni di gas serra legate agli alimenti.

“Mentre la percentuale è inferiore alle emissioni di alimenti di base, il fatto che gli australiani consumino grandi quantità di cibi evitabili ricchi di energia e poveri di nutrienti non aiuta l’ambiente”   , osservano gli scienziati.

Sebbene questi alimenti “discrezionali” danneggino l’ambiente, danneggiano anche la salute delle persone. Il consumo regolare di bevande zuccherate, cibi altamente lavorati, dolci e pasticcini è stato collegato a condizioni croniche come obesità, diabete di tipo 2 e malattie coronariche.

“Gli alimenti discrezionali hanno una superficie più ampia, scarsità d’acqua e impronta ecologica. Anche la carne emette gas serra, sebbene la sua impronta sulla scarsità d’acqua sia inferiore rispetto a prodotti lattiero-caseari, cereali, cereali, frutta e verdura “, spiega Sara Forbes, dietista dell’Università del South Australia che ha guidato lo  studio. 

“È tempo che riconosciamo meglio gli impatti ambientali del tipo e della quantità di cibo che mangiamo, considerando il pianeta e la nostra salute”, aggiunge Forbes.

“Entro il 2050, si prevede che la popolazione mondiale raggiungerà i 10 miliardi di persone. Non c’è modo di sfamare così tante persone se non cambiamo il modo in cui mangiamo e produciamo cibo”.

bevande zuccherate, dolci, impatto ambientale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter