Home Energia Solar Pocket Factory

Solar Pocket Factory

280
0
CONDIVIDI

Fare mini pannelli solari, che possano alimentare dispositivi come telefoni cellulari, stampanti o altro è l’obiettivo di Shawn Frayne e di Alex Hornstein, che hanno chiamato il progetto The Solar Pocket Family.

Consideriamo il fatto che la maggior parte dei pannelli fotovoltaici sono legati a tetti o comunque a progetti di grandi dimensioni. Per i piccoli usi questo non è previsto, ecco perché questo progetto è decisamente interessante, perché può permettere la vendita di pannelli solari a basso costo e assemblabili da tutti.

Shawn Frayne e Alex Hornstein hanno progettato questa valida soluzione che s’inserisce in una valigia, composta da pochi componenti elettronici, una struttura metallica e celle di silicio per produrre energia, una mini fabbrica portatile in grado di automatizzare il processo di produzione del microsolar.

Dopo circa sei mesi di esplorazione internazionale, Frayne e Hornstein si rese conto che la maggior parte dei pannelli microsolar erano troppo costosi e inaffidabili per il consumatore medio.

Hanno scoperto che la maggior parte di questo alto costo deriva dal fatto che i pannelli microsolar vengono spesso assemblati a mano, con un faticoso processo, e spesso non producono realmente quello che devono. 

Il duo si rese conto che attraverso l’automazione si può, oltre ad accelerare il processo di produzione, anche evitare buona parte degli errori umani e abbassare i costi. Ecco che nasce il progetto di questa mini fabbrica portatile.

Il loro obiettivo è di rendere questi pannelli solari più resistenti rispetto ai precedenti, meno costosi e velocizzare l’assemblamento.