pavimenti in legno

Pavimenti in legno marciti dai funghi generano elettricità quando calpestati

I funghi hanno aiutato gli scienziati a fare un passo avanti nella trasformazione del legno in un’utile fonte di elettricità pulita, che un giorno potrebbe portare a “sale da ballo energetiche”.

La possibilità di applicare pressione al legno per produrre una carica elettrica, nota come effetto piezoelettrico , è stata discussa dagli anni Quaranta e Cinquanta. Tuttavia, la quantità incredibilmente piccola di elettricità prodotta dal processo ha frenato l’idea.

Ora, un team guidato da Ingo Burgert dell’ETH di Zurigo, Svizzera, ha scoperto come modificare la struttura interna del legno di balsa per aumentare la produzione piezoelettrica 55 volte. La soluzione era quella di far marcire deliberatamente il legno.

Burgert ei suoi colleghi hanno applicato un fungo marciume bianco ( Ganoderma applanatum ) al legno di balsa per diverse settimane. Questo decadde rapidamente la lignina e l’emicellulosa all’interno del legno, riducendone il peso di quasi la metà. Hanno scoperto che il punto debole erano sei settimane di trattamento per creare legno che fosse più comprimibile – il che significa che potrebbe generare più elettricità dall’azione di pressatura e rilascio quando veniva applicata la pressione – senza perdere la sua forza.

Il team ha quindi montato nove blocchi di legno decaduto, ricoperti da un’impiallacciatura di legno, per creare un prototipo di “pavimento energetico” che è stato cablato per alimentare un LED. “È chiaro che questo è solo un primo passo in questa direzione. Ma è importante dimostrare che c’è del potenziale “, afferma Burgert.

La quantità di elettricità generata è ancora molto piccola, appena 0,85 volt da un cubo di legno decomposto di 15 millimetri di diametro. Inizialmente, l’elettricità potrebbe alimentare sensori remoti, ad esempio quelli che rilevano se una persona anziana è caduta, suggerisce Burgert. Tuttavia, a più lungo termine, prevede che pavimenti energetici come una sala da ballo in legno producano una produzione molto maggiore e sta parlando con le aziende della commercializzazione di un prodotto in legno energetico.

Lo sviluppo potrebbe portare a più edifici realizzati in legno, che sono già incoraggiati perché le strutture in legno hanno un’impronta di carbonio inferiore rispetto a quelle in cemento e acciaio. Il Comitato sui cambiamenti climatici del Regno Unito ha affermato  che il 15-28% che il legno costituisce oggi nei materiali da costruzione nelle nuove case dovrebbe salire al 40% entro il 2050 per aiutare a raggiungere l’obiettivo di zero netto del paese .

Leggi anche—Energia elettrica: come risparmiare sui consumi in modo sostenibile tra domotica, ecobonus e fonti rinnovabili

Il membro del team Javier Ribera dei Laboratori federali svizzeri per la scienza e la tecnologia dei materiali afferma: “Possiamo fare molto di più del semplice uso tradizionale del legno. Possiamo mettere a punto le proprietà, possiamo fare molte altre cose con il legno, che potrebbero far parte di future città intelligenti o nuovi materiali da costruzione “.

Per ora, la tecnica è possibile solo con la balsa, che secondo Burgert ha una densità particolarmente bassa e pareti cellulari sottili. Saranno necessarie ulteriori ricerche su diversi trattamenti fungini per altre specie di alberi.

Xiping Wang del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, che non è stato coinvolto nello studio, afferma che i risultati sono promettenti. “Il pretrattamento fungino proposto del legno nativo rappresenta una svolta a livello fondamentale”, afferma.

energia alternativa, pavimenti in legno


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto