idrogeno verde

Idrogeno verde: il futuro delle energie rinnovabili

Idrogeno verde: L’idrogeno per anni è stata una fonte di energia a zero emissioni di carbonio, perchè quando brucia l’unico sottoprodotto è l’acqua.

Però il processo tradizionale per la produzione di idrogeno, in cui i combustibili fossili sono esposti al vapore, non è a zero emissioni di carbonio. L’idrogeno prodotto in questo modo è chiamato idrogeno grigio; se la CO 2 viene catturata e sequestrata, si chiama idrogeno blu.

L’idrogeno verde è diverso, questo perchè viene prodotto attraverso l’elettrolisi, in cui le macchine scindono l’acqua in idrogeno e ossigeno, senza altri sottoprodotti, quindi zero emissioni.

Storicamente, l’elettrolisi richiedeva così tanta elettricità che non aveva molto senso produrre idrogeno in quel modo. La situazione sta cambiando per due ragioni. In primo luogo, quantità significative di elettricità rinnovabile in eccesso sono diventate disponibili su scala di rete; invece di immagazzinare l’elettricità in eccesso in matrici di batterie, l’elettricità extra può essere utilizzata per guidare l’elettrolisi dell’acqua, “immagazzinando” l’elettricità sotto forma di idrogeno. In secondo luogo, gli elettrolizzatori stanno diventando più efficienti.

Le aziende stanno lavorando per sviluppare elettrolizzatori in grado di produrre idrogeno verde a basso costo come l’idrogeno grigio o blu e gli analisti si aspettano che raggiungano tale obiettivo nel prossimo decennio. Nel frattempo, le società energetiche stanno iniziando a integrare gli elettrolizzatori direttamente nei progetti di energia rinnovabile. Ad esempio, un consorzio di aziende dietro un progetto chiamato Gigastack intende dotare il parco eolico offshore Hornsea Two di Ørsted con 100 megawatt di elettrolizzatori per generare idrogeno verde su scala industriale.

Le attuali tecnologie rinnovabili come il solare e l’eolico possono decarbonizzare il settore energetico fino all’85% sostituendo il gas e il carbone con elettricità pulita. Altre parti dell’economia, come la spedizione e la produzione, sono più difficili da elettrificare perché spesso richiedono carburante ad alta densità di energia o calore ad alte temperature. L’idrogeno verde ha un potenziale in questi settori. Le transizioni Commissione per l’Energia, un gruppo industriale, dice l’idrogeno verde è una delle quattro tecnologie necessarie per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi di cedimento più di 10 miliardi di tonnellate di anidride carbonica all’anno dai settori industriali più impegnativi, tra i quali l’estrazione, l’edilizia e prodotti chimici.

La nuova tecnologia a idrogeno verde

Sebbene l’idrogeno verde sia ancora agli inizi, i paesi, specialmente quelli con energia rinnovabile a basso costo, stanno investendo nella tecnologia. L’Australia vuole esportare l’idrogeno che avrebbe prodotto utilizzando il suo abbondante energia solare ed eolica. Il Cile ha piani per l’idrogeno nell’arido nord del paese, dove l’elettricità solare è abbondante. La Cina mira a mettere in circolazione un milione di veicoli a celle a combustibile a idrogeno entro il 2030.

Progetti simili sono in corso in Corea del Sud, Malesia, Norvegia e Stati Uniti, dove lo stato della California sta lavorando per eliminare gradualmente gli autobus a combustibili fossili entro il 2040. E la strategia sull’idrogeno 2030 della Commissione europea, recentemente pubblicata, chiede di aumentare la capacità dell’idrogeno da 0,1 gigawatt oggi a 500 gigawatt entro il 2050. Tutto questo è il motivo per cui, all’inizio di quest’anno, Goldman Sachs aveva previsto che l’idrogeno verde diventerà un mercato da 12 trilioni di dollari entro il 2050.

Fonte https://www.scientificamerican.com/

energia rinnovabili, idrogeno verde, ifrogeno verde


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.