In Giappone creano biocarburante a base di zuppa di ramen avanzata e olio da cucina usato

Attualmente l’azienda è in grado di produrre circa 3.000 litri di biocarburante al giorno, che viene distribuito in tutta l’isola di Kyushu, la terza per grandezza nel ‘paese del sol levante’.

Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno cercato e sviluppato alternative per sostituire l’uso di idrocarburi fossili con energie più pulite o rinnovabili, come il solare, l’elettricità o i biocarburanti, al fine di ridurre le emissioni di gas serra, responsabili del riscaldamento globale che minacciano gravemente gli ecosistemi e continuità della vita sulla Terra.

In questo contesto, in Giappone, il presidente della compagnia di trasporti Nishida Shoun, preoccupato per la situazione ambientale che sta attraversando il pianeta, ha ideato un biocarburante ricavato dagli avanzi del brodo di zuppa di ramen ‘tonkotsu’ (di tagliatelle con carne) e con resti di olio da cucina, secondo il resoconto dei media locali.

Come racconta Masumi Nishida, manager di quella società con sede nella prefettura di Fukoka, nel 2007 ha iniziato a sperimentare da autodidatta, poiché non ha alcuna formazione in chimica. Pertanto, ha fatto ricorso a diverse tecniche e materiali fino a sviluppare finalmente una propria tecnologia per produrre biocarburante dall’olio da cucina esausto.

biocarburante ramen
Impianto di produzione di biocarburanti

“All’inizio non avevo alcuna conoscenza della chimica ed era tutta una questione di tentativi ed errori. Ma il mio sviluppo ha visto la luce ora, quando i problemi ambientali sono diventati una grande sfida”.

Fatto sta che, mentre continuava le sue indagini, ha sentito che uno dei suoi soci in affari scartava lo strutto che fuoriesce dai residui della zuppa e lo vendeva a un certo prezzo. Quindi, dopo aver prelevato un campione, ha deciso di sperimentarlo fino a creare un metodo di raffinamento per trasformarlo in un combustibile che può essere miscelato con un altro che aveva precedentemente sviluppato.

Confermando che poteva usare lo strutto come fonte di energia, Nishida sviluppò un dispositivo speciale, che chiamò Ramen Tonkotsu Cut-kun, per separare automaticamente il grasso dal resto degli elementi nel brodo. E lo ha semplicemente installato nel ristorante di ramen del suo partner, per ottenere le materie prime per il suo carburante.

Attualmente, la sua azienda acquista olio usato e grasso di maiale da circa 2.000 ristoranti e produce circa 3.000 litri di carburante al giorno , che utilizza e distribuisce anche in tutta Kyushu (la terza isola più grande del Giappone, situata nel sud dell’arcipelago). nelle prefetture di Yamaguchi, Hiroshima e Okayama, a sud di Honshu, l’isola più grande del Paese.

Già nel marzo di quest’anno, Nishida Shoun utilizzava biocarburante autoprodotto in circa il 40% della sua flotta, circa 68 veicoli. Per il prossimo settembre prevede di utilizzarlo nei 170 camion di proprietà dell’azienda.

LEGGI ANCHE:

Biocarburante con riserva: fermiamo la speculazione dei potenti

Il carburante del futuro? Potrebbe essere fatto di anidride carbonica

Il biocarburante? Sarà prodotto dai gas di scarico di acciaierie e impianti


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto