Home Energia Free electric: la cyclette per avere elettricità gratis in casa. Basta un’ora…

Free electric: la cyclette per avere elettricità gratis in casa. Basta un’ora…

603
0
CONDIVIDI

Basta una sola ora di cyclette, per avere elettricità gratis sufficiente ad alimentare la tua casa. L’invenzione per adesso è limitata ai Paesi più poveri: si tratta infatti di un progetto umanitario, destinato a chi non ha accesso regolare alla corrente elettrica. Considerando, però, l’accresciuta attenzione verso forme di energia sempre più sostenibili, è facile prevedere un suo utilizzo su vasta scala.

Si chiama “Free Electric” (elettricità gratis) ed è una bici da camera che genera elettricità. Il progetto è nato per impulso di Manoj Bhargava, imprenditore miliardario americano, ma di origine indiana, che ha messo in piedi diversi progetti umanitari. E ha quindi finanziato l’idea di una fonte di energia pulita, rinnovabile e a basso costo per tutte le persone che non hanno abbastanza soldi da potersi permettere un allaccio regolare alla rete elettrica: una condizione in cui si trovano quasi un miliardo e mezzo di persone sul pianeta.

La bici Free Electric dà alle persone il potere di generare da sé la propria elettricità, senza inquinare”, scrivono i creatori sul sito ufficiale di Billions in Change, organizzazione filantropica che ha come obiettivo quello di “salvare il mondo”. “La nostra macchina è piccola, leggera e semplice. Ecco come funziona: una persona pedala su una bicicletta ibrida. Le ruote trasmettono il movimento a un volano, che attiva un generatore, che carica una batteria. Pedalare per un ora genera elettricità per 24 ore senza bollette, senza gas di scarico e senza scarti”.

Dopo un primo test nello stato di Uttarakhand, dove saranno distribuite 50 cyclette in 20 villaggi, la cyclette per l’elettricità gratis sarà donata a 10mila famiglie indiane, all’inizio del prossimo anno. Il costo di produzione si aggira intorno ai 100 dollari ed è quindi probabile che il progetto sarà diffuso su vasta scala.




Il problema dello scarso rifornimento di energia elettrica è molto più grave di quanto possa sembrare a prima vista. Noi occidentali probabilmente colleghiamo questo servizio ad aspetti superficiali della nostra vita: la televisione, magari, o il computer. Ma l’elettricità conta molto di più per le persone indigenti: “Immagina la tua vita senza elettricità”, scrivono ancora da Billions in Change. “Non solo non avresti un cellulare, il computer o la televisione. Sarebbe difficile illuminare e riscaldare casa o cucinare senza bruciare legna o carbone. Casa tua sarebbe piena di fumo. Conservare il cibo sarebbe impossibile. È così che vive, attualmente, la metà del pianeta. Ora immagina la differenza che l’energia elettrica può fare per queste persone”.

Quello della Free Electric è solo uno dei tre progetti messi in campo dal laboratorio ‘Stage 2Innovation’, vera e propria fucina di idee finanziata da Bhargava per aiutare le persone in difficoltà. Nel laboratorio è stato creato anche un dispositivo, chiamato ‘Rain Maker’, che trasforma l’acqua salata o inquinata in acqua potabile, oltre che un apparecchio medico per migliorare la circolazione sanguigna, il ‘Renew’.

La speranza è che idee come quella della Free Electric possano diventare davvero la regola per il mondo intero: se fosse commercializzata, in quanti sarebbero disposti a comprarne una in cambio della “libertà” dalle bollette della luce? Di idee rivoluzionarie ce ne sono tante, ma restano ancora troppo circoscritte: vi ricordate, per esempio, della cyclette che ricaricava gli smartphone, negli aeroporti del nord Europa? Chissà perché, però, ancora non ricevono l’attenzione che meritano…

(Foto)