Home Energia Feldheim : l’esempio dell’indipendenza energetica

Feldheim : l’esempio dell’indipendenza energetica

894
0
CONDIVIDI

Feldheim è un piccolo villaggio di 37 case che si trova a soli 60 km a sud di Berlino. 

E’ l’unica città in Germania che ha iniziato la propria rete e ottiene tutta l’elettricità e il riscaldamento da fonti rinnovabili locali, soprattutto eolici e biogas. Si tratta di un villaggio modello per le persone che hanno ancora dubbi sul fatto che una nazione non può trasformare la sua domanda di energia totalmente attraverso fonti di energia rinnovabili e di farlo funzionare.

Feldheim produce tutta la propria elettricità e riscaldamento da 43 turbine eoliche situate nei campi del villaggio e anche dalla produzione di biogas che trasforma il  letame rimasto da aziende agricole. Le 128 persone che vivono nel paese usano l’energia prodotta da queste turbine e l’impianto di biogas così come i pannelli solari che hanno immesso sul loro case.

Il paese utilizza meno dell’uno per cento dell’energia prodotta e il resto viene trasferito alla rete e venduto attraverso il feed nell’ambito di una politica tariffaria. Il paese ha dato al proprio popolo l’opportunità di investire nel loro proprio progetto, avere la gestione diretta di esso e maturare notevole profitto attraverso il denaro raccolto. Feldheim vanta un tasso di disoccupazione pari a zero e ha anche un impatto ambientale pari a zero, questo villaggio deve essere un esempio per tutti.Centinaia di turisti visitano la città ogni mese per assistere a questa tecnologia con i propri occhi. Tutto è cominciato con un paio di mulini a vento allestiti nella zona nel 1995. Una serie di coincidenze trasformano Feldheim da una città depressa nella Germania orientale, in un modello di energia rinnovabile che deve essere da esempio. Il forte vento di Feldheim e l’abbondanza dei terreni ha fatto il resto. 

Ma non è solo sull’energia elettrica che i cittadini di Feldheim stanno risparmiando quattrini: nel 2008, infatti, con € 1.700.000 è stata costruita una centrale a biogas che utilizza i liquami degli allevamenti di suini della zona e gli scarti della lavorazione del mais per produrre acqua calda per riscaldamento.
Risultato? Un bel 10% in meno anche sulla bolletta per il riscaldamento!
A dimostrazione che la tanto anelata indipendenza energetica non è un sogno che può diventare realtà, se davvero lo si vuole…

Immaginate una città che non si basa più sui combustibili fossili o energia nucleare , un luogo dove i residenti hanno investito di tasca propria per costruire la propria rete energetica, raccogliendo il beneficio di abbassare i prezzi di riscaldamento elettrico e di avere agevolazioni e reddito dal loro investimento.

Ecco a voi Feldheim , un comune 100% autonomo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here